ARTICOLI CHE PARLANO DI SAN_LEO

mer 24 mar 2010 - Notizia di spettacoli - scritto da Redazione

Per tutti gli amanti della fotografia e per chi vuole rivivere le infinite sensazioni che si provano osservando un orizzonte è in arrivo un interessante appuntamento: dal 3 al 15 aprile la sala del Palazzo Mediceo di San Leo ospiterà infatti la mostra fotografica “Orizzonti” a cura dell’artista riminese Stefano Micheli. Stefano, geologo di professione, dopo anni di scatti che hanno accompagnato i suoi viaggi in tutto il mondo, ha deciso di condividere la sua passione e cominciare ad esporre le immagini più significative. “Orizzonti” raccoglie 15 fotografie scattate tra Malta e l’entroterra riminese che hanno tutte come filo conduttore l’infinito, rappresentato da una linea sul mare, da un campanile slanciato verso il cielo o dall’immensità di un paesaggio di montagna.

gio 08 apr 2010 - Notizia di attualità - scritto da Redazione

Se San Marino è patrimonio dell’umanità… Lo hanno pensato in molti a San Leo, e non solo, quando il riconoscimento dell’Unesco è andato alla repubblica del Titano. Perché va bene l’unicità dell’antica terra della libertà, ma c’è anche quel proverbio che da secoli recita: “Un sol Pepa, un sol De, un sol fort ad San Lè (Un sol Papa, un sol Dio, un sol forte di San Leo)”. Insomma, da allora nel Montefeltro ci si è rimboccati le maniche. L’ultimo passo, l’incontro fra delegazione di provincia di Rimini e del comune di San Leo con Mons. Luigi Negri, vescovo di San Marino-Montefeltro, per concordare tempi e modi della candidatura del centro storico di San Leo nella lista che l'Italia presenterà all'Unesco per l'inserimento nei siti Patrimonio dell'Umanità.

gio 08 apr 2010 - Notizia di cultura - scritto da Bisacchi Simona

Domenica 11 aprile, alle 17, la Sala delle conferenze del Palazzo Mediceo di San Leo, ospiterà Lidia Maggioli e Maurizio Massoni, autori di “Con foglio di via. Storie di internamento nell’Alta Valmarecchia. 1940 – 1944”. Il libro edito dalla Società editrice Il Ponte Vecchio è frutto di una ricerca approfondita e racconta le storie di uomini e donne - ebrei, politici avversi al regime, prigionieri slavi, partigiani - costretti a vivere anni di domicilio coatto nei Comuni di Pennabilli, San Leo e Sant’Agata Feltria.

Inoltre, il Palazzo Mediceo è anche sede della mostra di pittura a tema dell’artista Eufemia Rampi - organizzata in collaborazione con gli autori e il Comune – dal titolo “Voci e silenzi da Rimini a San Leo” (fino all’11 aprile).

gio 03 giu 2010 - Notizia di Santarcangelo - scritto da Ortalli Matteo

Si terrà a San Leo sabato 26 e domenica 27 giugno la quinta edizione di "San Leo Giullari in Festival", il grande raduno internazionale che vede i migliori giullari, saltimbanchi, giocolieri e menestrelli da tutto il mondo, pronti a rivaleggiare in arte e abilità in una delle feste più caratteristiche dell'estate nell'entroterra riminese. 
Il legame di San Leo con i giullari si fa risalire al 1213, quando qui San Francesco d'Assisi, Santo Giullare di Dio, ricevette in dono il Monte della Verna. Di qui l'idea del festival. che per due giorni farà rivivere l'atmosfera di una festa squisitamente medievale, di una vivace giornata di mercato con artigiani e mercanti in costume, di una tenzone fra abili arcieri, di giochi per bambini, di bivacchi di armigeri e musici dei tempi in cui San Francesco parlava a tutte le creature.

mer 30 giu 2010 - Notizia di Santarcangelo - scritto da Redazione

Domenica 11 luglio, presso il Duomo di San Leo, avrà luogo il concerto di Andrea e Ennio Morricone, come tributo al grande compositore, premio Oscar alla carriera. Durante la serata a Morricone sarà conferita la cittadinanza onoraria del Comune di San Leo. Lo spettacolo inizia alle ore 18. Posti limitati (350 posti max). Biglietti 50 € panche, 25 € posti in piedi. Prenotazione obbligatoria e ritiro biglietto all'ufficio turistico di San Leo chiamando lo 0541/926967. 
Info: Ufficio Turistico IAT - Tel. 0541-926967 Fax 0541-926973 - Numero Verde 800 553800

mer 28 lug 2010 - Notizia di cultura - scritto da Agolanti Leonardo

San Leo celebra San Leone, fondatore e patrono della città, il tagliapietre giunto dalla Dalmazia in terra di Romagna insieme al Santo Marino. Lo farà con una Solenne Celebrazione Eucaristica celebrata da Monsignor Luigi Negri, Vescovo di San Marino e Montefeltro, accompagnata da musiche sacre di Mozart per soli, coro (il Coro Pian di Carpine, Magione) e orchestra (la Camerata del Titano). L'occasione è data dalla Festa Patronale di San Leone appunto che avrà luogo domenica 1 agosto alle ore 17 nel Duomo di San Leo.

ven 06 ago 2010 - Notizia di Santarcangelo - scritto da Succi Daniela

A San Leo dal 21 al 26 agosto torna Alchimialchimie. Una serie di eventi che ruotano attorno alla figura di una persona che continua ad affascinare, della quale si narra che con un fare a dir poco stoico ha perseguito fino alla fine i suoi interessi, anche a costo della vita. Giuseppe Balsamo, un avventuriero palermitano divenuto negli anni Alessandro Cagliostro per sfuggire gli aguzzini che lo cercavano in tutta Europa, si è servito per profitto nel corso della vita di ogni pratica in voga (ufficiosa) nella seconda metà del Settecento, rendendola invariabilmente truffaldina: l'alchimia, la massoneria, la moderna filosofia, la medicina. A San Leo sei giorni (non a caso: il sesto atomo della tavola periodica è il carbonio, base di tutta la chimica degli organismi viventi), permeati da atmosfere infarcite di esoterismo, arte, cultura, storia, spiritualità e scienza. Non solo: mercatini, spettacoli, mostre d'arte, laboratori per grandi e piccini, danza e musica. L'antica Montefeltro, per cui la Provincia di Rimini ha avviato presso l'Unesco la procedura della richiesta di inserimento nei siti Patrimonio Mondiale dell'Umanità, ha gelosamente conservato negli anni la propria fortezza, sede di quei terrificanti 10 metri quadri muniti di sola botola in cui il Cagliostro ha consumato i suoi ultimi 4 anni di vita.

mer 15 giu 2011 - Notizia di Valmarecchia - scritto da Redazione

Torna a San Leo per la sua sesta edizione, il 25 e 26 giugno, "Giullari in Festival", raduno dei migliori giullari, saltimbanchi, giocolieri e menestrelli da tutto il mondo, fra le più attese feste dell'estate nell'entroterra di Rimini. Nel suggestivo centro storico dominato dal Forte rinascimentale, fra chiese romaniche e panorami mozzafiato sulla Valmarecchia, sono in programma due giorni di festa medievale con spettacoli di strada di giullari e musici, mercatino artigianale con mercanti in costume, accampamenti di guerrieri e il primo Campionato Italiano di Tiro con l'Arco della Lega Arcieri Medievali (L.A.M.). Il torneo avrà luogo sabato a partire dalle 15.30 con diverse prove di abilità per gli arcieri poi nella notte sarà possibile unirsi a guerrieri e musici per un'autentica notte di bivacco. 
Anche il cibo sarà medievale, con ristoranti e osterie che proporranno menù con antichi sapori (estivi) a base di prodotti tipici dell'area: come la Salsiccia di San Leo, il Formaggio di Fossa di Talamello, l'Olio di Cartoceto, il Prosciutto di Carpegna, il Pane della Valmarecchia, le confetture e i mieli. Tra le novità assolute, le Taverne di Strada, a cura dei ristoratori di San Leo.

mer 13 lug 2011 - Notizia di Valmarecchia - scritto da Barlaam Lorella

E' stato il grande violinista Uto Ughi con i Filarmonici di Roma a inaugurare, con le "Quattro stagioni" di Vivaldi, l'edizione 2011 del San Leo Festival, la rassegna di grande musica e grandi interpreti ancora in corso nella città leontina, con appuntamenti fino al 28 luglio. Un Festival unico, per la qualità delle proposte - la manifestazione è ideata e curata dal M° Stefano Cucci, collaboratore di Ennio Morricone - e i luoghi dei concerti: dalla Pieve alla Cattedrale, dal Duomo al Forte, tutta San Leo diventa un auditorium. "La nostra manifestazione" ha infatti dichiarato Cucci, "vuole fondere la suggestione di un'antichissima città che fu capoluogo della contea di Montefeltro e teatro di battaglie civili e militari per due millenni fino a diventare (962-964) Capitale del Regno Italico con il suono che si perde e si esalta tra la Cattedrale, il Palazzo Mediceo ed il piazzale del Forte dove, imprigionato, morì Cagliostro. La musica classica è una parte fondamentale della nostra cultura, della nostra storia, della nostra identità." Da questa intenzione nasce un Festival "aperto" a un pubblico di ogni età e cultura. Altro filo che lega la musica al territorio è la presenza di grandi esecutori originari o comunque legati al Montefeltro. Come il pianista Marco Forgione e Nahuel Clerici, che il dodici luglio si sono esibiti nella "Maratona Liszt", in occasione del duecentenario della morte del compositore ungherese. Forgione è nativo del Montefeltro e si è diplomato con il massimo dei voti presso l'accademia di Santa Cecilia a Roma sotto la guida del Maestro Cucci, mentre il pianista argentino Nahuel Clerici, da vincitore del concorso organizzato dalla Fundaciòn El Sonido y El Tiempo, aveva partecipato nel 2002 a un corso di perfezionamento proprio a San Leo. 

mer 10 ago 2011 - Notizia di Valmarecchia - scritto da Barlaam Lorella

Il "Giornale del Francomuratore" nel 1786 così ritrae Giuseppe Balsamo, conte di Cagliostro: «piccolo (...) un po' di rughe, occhi rossi, curvo, naso largo e labbra gonfie... Questo è però il Mago, il Visionario, l'Esorcista ed il Medico di tutti gli uomini, che ha condotto una vita brillante senza che nessuno sapesse dove prendeva i fondi». La vita errabonda del controverso alchimista, spesa tra le varie corti europee, dopo la condanna per eresia della Chiesa cattolica terminò nella Fortezza di San Leo, il 23 agosto 1795. E l'antica capitale del Montefeltro lo ricorda con AlchimiAlchimie, festa esoterica e colorata, che dal 25 al 28 agosto anche quest'anno si riaccende di eventi: di giorno, conferenze e incontri, con temi diversi che spaziano da "I Castelli: magie e misteri" (palazzo Vitelleschi, a cura della Gran Loggia d'Italia), venerdì 26 agosto a "Le Pietre" sabato 27 agosto (a cura del Grande Oriente d'Italia Palazzo Giustiniani), a "Medicine e guarigione", domenica 28 agosto, a cura dell'Istituto di Medicina Naturale di Urbino. Le sere e le notti sono invece riservate agli spettacoli, dalla visita alla Fortezza condotta da Cagliostro in persona, proposta ogni giorno alle 18, 19.30 e 21 (ritrovo Ufficio IAT) dalla Compagnia del Serraglio con "Insolita San Leo" a "Farsette", spettacoli di burattini tradizionali, ogni giorno, alle 18.30 e 20 nel centro storico, mentre Teatrino di Carta presenterà "Lutka", alle 21.30. Alchimie di trampoli e fuochi pirotecnici, gli spettacoli del Teatro del Ramino si svolgeranno alle 18.30, 20 e 22.30 ogni sera (Piazza Dante). I titoli? "Virtus et Luxuria", il "Guerrin Meschino" e "La Sibilla", ispirata all'oracolo dell'Appennino. Durante i tre giorni della festa il cuore della città leontina diventerà dalle 11.00 un alchemico mercatino di sortilegi e magie, dai cristalli e pietre magiche all'astrologia e tarocchi, alle rune e talismani.

mer 27 giu 2012 - Notizia di il taccuino della tavola - scritto da Redazione

 

Sabato 30 giugno e domenica 1° luglio, dalle ore 18 alle 24, si terrà nel Centro Storico di San Leo la prima edizione della manifestazione "San Leo Borgo DiVino", una rassegna che raccoglie, nella splendida cornice antica della "Capitale del Montefeltro", decine di cantine e aziende agricole del nostro territorio. L'acquisto del carnet (10 Euro per la possibilità di assaporare 5 vini selezionati a propria scelta, serviti nell'apposito bicchiere realizzato per l'occasione) si affianca alle numerose degustazioni offerte agli ospiti dalle aziende partecipanti, caratterizzate da eccellenze gastronomiche (su tutte formaggi, olii e salumi) rigorosamente "a chilometro zero".

Per informazioni: Ufficio Turistico IAT Numero Verde 800 553 800 www.san-leo.it

 

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - è