ARTICOLI CHE PARLANO DI PALAZZI_COMUNALI_RIMINI

mer 06 apr 2011 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Cicchetti Stefano

Sappiamo che palazzi comunali come li vediamo oggi si devono a Gaspare Rastelli, che fu incaricato delle opere di restauro e consolidamento dopo il terremoto del 1916. I lavori furono eseguiti fra il 1919 e il 1925. Seguendo la voga dell'epoca, si trattò di un restauro "creativo": accanto al recupero di originari elementi duecenteschi, i palazzi furono in gran parte ricostruiti di sana pianta, con tanto di merlatura ghibellina, ispirandosi soprattutto alle architetture medievali di Bologna e Piacenza.
La storia che nei testi ufficiali non si trova è quella delle persone che con le loro mani diedero corpo alle idee di Rastelli. Una di queste storie ce l'ha voluta raccontare Elena Wyssfrida, nata in Svizzera ma riminese da molti anni per aver sposato Febo Fanciaresi, divenendo così nuora di Salvatore, capomastro di Borgo Sant'Andrea: "Fu lui a rifare il Comune", spiega la signora mostrandoci le foto del "prima" e del "dopo". 
Ma non solo. Fanciaresi di quel lavoro ha lasciato una sua personalissima cronaca, scritta in dialetto e in rima: la riproduciamo nella pagina con una nostra approssimativa traduzione che non rende le suggestioni della parlata riminese.

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - è