ARTICOLI CHE PARLANO DI MISANO_ADRIATICO

ven 07 ago 2009 - Notizia di Riccione - scritto da Redazione

Il nuovo sindaco di Misano Stefano Giannini ha deciso di dire basta alla prostituzione. Con un'ordinanza ha vietato “sull’intero territorio comunale di esercitare attività di meretricio. Qualunque trasgressore, fermi restando le ipotesi di reato previste dalle normative penali, verrà sanzionato con una ammenda di 300 euro. Il provvedimento, preventivamente presentato al Prefetto e trasmesso a tutti gli organi preposti a garantire la pubblica sicurezza, è immediatamente esecutivo”. 


mer 10 feb 2010 - Notizia di cultura - scritto da Nanni Gabriele

“Ritratti d’autore. Letture e commenti ad alta voce” sono cinque serate organizzate dalla Biblioteca Comunale di Misano al teatro Astra di via D’Annuzio che offrirà (gratuitamente) al pubblico un mese di incontri davvero impedibili, tra i quali spiccano quelli di venerdì 12 marzo con il filosofo Umberto Galimberti e di domenica 21 con lo scrittore Erri De Luca. L’apertura della kermesse, arrivata alla sua terza edizione, è fissata per venerdì 5 marzo alle 21 quando sul palco dell’Astra salirà il filosofo Carlo Sini che spiegherà ai presenti “L’Etica” di Baruch Spinoza, da molti ritenuto il filosofo più rivoluzionario di tutti i tempi e per questo, nella sua breve esistenza, oggetto di persecuzione e di quella che è definita la “damnatio memoriae”, ovvero la cancellazione dei ricordi per i posteri. Non credeva nell’immortalità dell’anima e per questo ricevette la scomunica. A noi piace la frase di Hegel “filosofare è spinozare”. Passiamo a venerdì 12 marzo e a Umberto Galimberti che presenterà la sua ultima opera “I miti del nostro tempo” che parla di culto della giovinezza, idolatria dell’intelligenza, ossessione della crescita economica: più che miti sono “falsi miti” che pervadono la nostra società e ci arrivano sotto ogni forma dalla pubblicità e dai mezzi di comunicazione. 

mer 12 set 2012 - Notizia di sport - scritto da Ortalli Matteo

Un anno fa il Gp di Misano viveva della speranza tutta italiana di una rinascita di Rossi in sella alla sua Ducati e della definitiva consacrazione di Simoncelli che con la Honda cominciava a dimostrare il suo immenso talento. A distanza di 12 mesi le cose sono, purtroppo, cambiate radicalmente e il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini si riempie di significati che vanno al di là del puro valore sportivo e sarà la prima occasione per ricordare Super Sic sul circuito a lui intitolato.
E' impossibile, soprattutto per un romagnolo e appassionato di due ruote, non legare questa gara al nome del pilota corianese e per questo non sentire una fitta al cuore quando sulla griglia di partenza di quello che era già il suo circuito non compariranno i riccioloni numero 58. Ma non bisognerà lasciarsi trasportare dalle emozioni, il Gp di Misano deve sì diventare l'occasione per ricordare Sic, ma è doveroso farlo con il sorriso, perché è così che lui vorrebbe e lasciando spazio al rombo dei motori e alla pista.

mer 12 set 2012 - Notizia di sport - scritto da Cicchetti Stefano

E' mutòr, il motore, solo in Romagna significa direttamente "la motocicletta". Una passione sconfinata, irrefrenabile, esplosa non appena le prime macchine a due ruote si affacciarono da queste parti, oltre un secolo fa. 
La prima gara in riviera si tiene a Rimini già il 15 agosto del 1903, sotto il patrocinio della Gazzetta dello Sport. Da allora la passione non si è mai arrestata. Bisogna però arrivare al 1972 perché sia convogliata in un grande impianto degno di tanto entusiamo. Ma come si arrivò a dotare Misano di un autodromo, e del più alto livello? Non fu facile e neppure scontato. E, come forse non tutti sanno, la realizzazione coinvolse i massimi personaggi del mondo motoristico, da Enzo Ferrari a Pietro Taruffi, il vincitore dell'ultima Mille Miglia (1957) nonché progettista della Rondine, considerata la prima moto moderna.
Ma andiamo con ordine. L'idea di un una pista in riviera aleggiava almeno fin dal dopoguerra. Ma è negli anni '60 che in gruppo di appassionati iniziano a pensarci sul serio. La scelta cade su Misano, dove allo spazio disponibile si somma la posizione favorevole dal punto di vista logistico. Misano è agli albori del suo boom turistico e non tutti comprendono appieno le valenze di un autodromo. Non manca chi teme che le folle di appassionati non si "sposino" bene con le famiglie in vacanza. Ma la maggioranza dei misanesi è a favore e il Comune (sindaco era Nicola Sebastiani) decide per l'approvazione dell'idea presentata dai privati. Il 22 febbraio del 1969 si costituisce pertanto la Santa Monica s.p.a. che presenta un progetto, redatto dagli architetti Emilio Isotta (figlio di Cesare, fondatore dell'Isotta-Fraschini) e Sampaolesi, approvato all'unanimità dal Consiglio Comunale il 16 febbraio 1970. Ma subito sorgono problemi tecnici e burocratici che minacciano di impantanare tutto.

mer 12 set 2012 - Notizia di sport - scritto da Redazione

In vista dell'evento e della storica ricorrenza del suo 40°, Misano Word Circuit Marco Simoncelli ha messo in campo una serie di iniziative promozionali per favorire la partecipazione degli appassionati. I biglietti di Prato sono stati resi ‘circolari', significa che i possessori dei tagliandi potranno trasferirsi dal prato 1 al prato 2 (entrambi con maxischermo) durante le tre giornate, per seguire le gare da posizioni diverse.
Con l'obiettivo di coinvolgere il maggior numero di appassionati, Misano World Circuit ha deciso di coinvolgere i fans club ufficiali di tutti i piloti italiani in gara nelle tre classi iridate. Sono stati applicati sconti particolari sul costo dei biglietti e la fornitura di striscioni e bandiere personalizzate per colorare la tribuna D, dove si posizioneranno i club per sostenere durante le gare i piloti italiani. E' stata inoltre attivata una convenzione con il Museo Enzo Ferrari di Modena. I possessori del biglietto del Gran Premio potranno accedervi al prezzo scontato di 9 euro.

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - è