ARTICOLI CHE PARLANO DI IOR

mer 03 dic 2008 - Notizia di cultura - scritto da Costantini Claudio

Quasi ogni chiesa, meno in quelle moderne, anche in quelle più piccole di paesi e borghi, ha quadri nelle absidi o negli altari laterali raffiguranti scene sacre, santi adoranti, Madonne con bambino o un Cristo benedicente. Quasi mai si trova un cartello anche piccolo che indichi l’autore a meno che non sia uno dei pochi famosi. Sono migliaia in Italia questi quadri di autori sconosciuti e non meno belli perché senza firma. Nessuno ci fa ormai caso e nessuno si chiede chi mai li avrà dipinti quei quadri. Non tutti però, non l’autore del libro “Anastasio da Coriano” Pier Giorgio Pasini.

mer 03 dic 2008 - Notizia di il taccuino della tavola - scritto da Marziani Michele

Oggi la strada, tantissima, fatta dal vino romagnolo si misura anche nei bicchieri con meno pretese di nome o blasone. Sono i vini sinceri, quelli semplici, che stanno godendo di più delle cure sempre maggiori che i produttori destinano alle uva, sia in vigna, sia in cantina. Così scopriamo la grande piacevolezza e la beva pronta del Sangiovese di Romagna Superiore Torre del Poggio, piccola azienda storica della Valconca. Non ricordiamo (o non troviamo?) l'annata in etichetta, ma presumiamo il 2007. Lo assaggiamo in un pranzo dove accompagna, gagliardo, vellutato, giustamente tannico, un tipica tavolata romagnola. È rosso semplice, pulito, profumato di more e viole, che dà allegria, arrossa le gote, fa alzare alta la risata. La versione moderna, riuscita, del vino di un tempo.

mer 14 gen 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Redazione

"Artificifuoco" è l'esposizione di Giorgio Salvatori, fotografo riminese, allestita al "Caffè Pasticceria Vecchi", con l'aiuto di Andreina Casalini, Emanuela Cicoria e Beatrice Imperato. La mostra coglie i misteri e le atmosfere percepite durante l'edizione 2008 della Festa del Borgo, dal titolo "Le veglie tra misteri e briganti".

Nell'ambito dell'iniziativa è stata concepita anche l'iniziativa, in collaborazione con la Fondazione AVSI di Cesena, "Una foto per sostenere un bambino a distanza".
Per cui, chi desiderasse acquistare una foto esposta, il relativo incasso sarà devoluto per sostenere un bambino a distanza per un anno.

 

 

mer 14 gen 2009 - Notizia di cultura - scritto da Bisacchi Simona

In occasione del Giorno della Memoria, martedì 27 gennaio, al Teatro degli Atti di Rimini (ore 9) si svolgerà un incontro con Cesare Finzi, ebreo di Ferrara che si rifugiò in Romagna per sfuggire alla deportazione. L'incontro - dedicato ai ragazzi delle scuole superiori della Provincia - sarà preceduto il 15 gennaio da un'introduzione storica sulle leggi razziali del 1938 e la deportazione degli ebrei dall'Italia, a cura di Francesca Panozzo, ricercatrice all'Università di Urbino.

mer 11 feb 2009 - Notizia di primo piano - scritto da Cicchetti Stefano

Chiamami Junior è la nuova iniziativa del nostro giornale che lanciamo da questo numero. Un inserto dei più piccoli: non dedicato a loro, ma uno spazio che i bambini stessi possono gestire insieme ai loro insegnanti. Il progetto viene realizzato in collaborazione con la Provincia di Rimini. L’inserto, quattro pagine, sarà distribuito in tutte le scuole elementari di Rimini e utilizzato da oltre 5 mila alunni, dalla seconda alla quinta classe. A realizzare le prime uscite – la seconda è programmata per aprile – sono due classi quinte della “Ferrari” e alcune delle seconde, terze, quarte e quinte delle “Toti”. Già al primo sguardo, il lettore si renderà conto del grande dono di questi bambini: a noi come giornale, ma anche a tutta la città. Ci regalano la loro freschezza, la ricchezza delle loro diverse origini, la curiosità di chi sta imparando, la gioia di chi gioca insieme. Guardando i loro disegni, leggendo i loro scritti, vediamo che “integrazione” non è solo una parola, ma è già una realtà dei fatti. E avviene con la naturalezza che solo i più piccoli conoscono.

mer 25 feb 2009 - Notizia di attualità - scritto da Redazione
mer 25 mar 2009 - Notizia di spettacoli - scritto da Ortalli Matteo

Quattro concerti in tre giorni: sarà un fine marzo all’insegna della musica live a Forlì e Cesena, dove nell’arco di 48 ore saliranno sui palchi di teatri e palasport quattro attesissimi artisti italiani.

Si parte venerdì 27 marzo con l’esibizione al Palafiera di Forlì di Biagio Antonacci in una tappa del tour “Il cielo ha una porta sola”. Dopo aver scelto il teatro Novelli di Rimini lo scorso gennaio come data zero del fortunato tour teatrale, il cantautore milanese torna in Romagna in una veste meno soft proponendo le canzoni del nuovo album e i suoi successi passati.

Il 28 marzo usciti al casello di Cesena ci si troverà ad un bivio: girare a destra destinazione Vidia per il rap, sinistra destinazione Carisport per il rock.

mer 08 apr 2009 - Notizia di attualità - scritto da Barlaam Lorella

Il baghino è così buono… che mantiene sempre le sue promesse. Domenica 1 marzo 2009 il maiale, con la sua antica tradizione, si è ripreso la Vecchia Pescheria di Piazza Cavour, dove c’erano un tempo le macellerie più antiche di Rimini, con “E’ Baghin in tla piaza”, manifestazione organizzata dal Consorzio Macellerie Verde e Sole in collaborazione con Ondalibera SRL e CNA Alimentare, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Rimini.

mer 22 apr 2009 - Notizia di attualità - scritto da Costantini Claudio

In questo secondo numero di Chiamami Junior, i bambini, i piccoli alunni delle scuole elementari continuano a raccontarci come vedono loro il mondo, la realtà che li circonda in continuo cambiamento. Un mondo pieno di storie e lingue diverse con le quali convivere e trarne proficui stimoli di crescita e conoscenza. Gli scolari in queste pagine possono leggere le loro esperienze, confrontarsi e ritrovarsi in percorsi simili e nelle stesso tempo diversi. Sono sempre più numerosi gli iscritti alle scuole primarie provenienti da paesi esteri che seguono modelli di integrazione che in molte classi si tramutano in risorse e nuove conoscenze per tutti gli alunni.

mer 22 apr 2009 - Notizia di attualità - scritto da Succi Daniela

Il 16 e 17 maggio, ritornano i fiori in piazza. E soprattutto sui balconi: a Santarcangelo un’apposita commissione li ha già valutati con attenzione per decretare il vincitore, che conosceremo solo durante la cerimonia di chiusura.Balconi Fioriti compie 21 anni, da quando Luciana Zamagni e gli associati di “Noi della Rocca” si sono inventati un appuntamento per catalizzare un po’ di attenzione su Santarcangelo, allora piuttosto bistrattata dai circuiti turistici.

Da allora la crescita è stata continua: la fiera è stata a un certo punto “adottata” dal comune e da qualche anno viene seguita anche da Blu Nautilus, per quanto riguarda la parte commerciale. Ma la parte culturale, quella legata agli incontri a tema, ai concerti, gli spettacoli, il coinvolgimento dei pittori e tanti altri artisti, è tuttora a cura di “Noi della Rocca”.

mer 22 apr 2009 - Notizia di attualità

 

La nostra classe è costituita da 19 alunni, la maggior parte dei quali stranieri di prima e seconda generazione. Quando ci è stato chiesto di esprimere su Chiamami Città una loro testimonianza, abbiamo indagato su quali potevano essere le tematiche che potevano maggiormente coinvolgereli emotivamente, stimolando in essi interesse e curiosità. Abbiamo individuato due tematiche: - La storia del loro nome, perché gli è stato dato,etimologia e significato nella loro lingua di origine; - Il matrimonio dei loro genitori, in alternativa, nel caso non fossero sposati, il matrimonio di una persona cara... Ovviamente, il lavoro è stato svolto sia dai bambini italiani che da quelli stranieri, ed è stato vissuto con entusiasmo e partecipazione.

Le insegnanti Giovanna Basile

 

mer 15 lug 2009 - Notizia di cultura - scritto da Agolanti Leonardo

Un pastore errante nelle steppe dell’Asia ci ha dialogato, il Paladino Astolfo si è dovuto recare fin lassù per recuperare il senno perduto dall’amico Orlando; più prosaicamente Neil Armstrong la calpestò (esattamente quarant’anni or sono, ma sembra un secolo) con i suoi pesanti scarponi. Malgrado tutte queste vicissitudini, il fascino della luna è rimasto immutato. E Rocca di Luna è da ormai tre lustri una delle manifestazioni più suggestive (e stimolanti) della Provincia di Rimini. Nel week end del 24-26 luglio Montefiore Conca, uno dei borghi più belli a nostra disposizione, si animerà con una serie di eventi e degustazioni. Per tre giorni sarà possibile passeggiare lungo le contrade del Castello sino al bosco, ascoltare musica e ogni tanto lanciare uno sguardo lassù, alla silente ispiratrice di tutto questo.

ven 07 ago 2009 - Notizia di cultura - scritto da Frenquellucci Carlotta

Quest'anno ricorre il trentesimo anniversario dalla fondazione dell'Istituto Oncologico Romagnolo. Rimini festeggia questa ricorrenza attraverso un evento di piazza, ad ingresso gratuito, con la partecipazione di realtà musicali profondamente legate al nostro territorio. Il Coro Lirico Amintore Galli e la Banda città di Rimini hanno creato, da alcuni anni, un sodalizio artistico che li porta ad esprimersi in un repertorio lirico e sinfonico di grande impatto emotivo per far rivivere pagine fastose e trascinanti delle più celebri arie e brani delle grandi opere. Domenica 9 agosto (ore 21) piazza Cavour diventa teatro di una serata musicale en plein air. A celebrare i trent'anni dello Ior ilConcerto Lirico di Mezza Estate sarà animato dall'esibizione cantata e suonata del Coro Giovanile Note in Crescendo, che conta tra le sue fila 80 ragazzini di età compresa tra i 7 ed i 12 anni, diretto dal M. Fabio Pecci e dall’esecuzione delle più celebri arie e sinfonie del melodramma della formazione Coro Lirico città di Rimini Amintore Galli e Banda città di Rimini diretti dal Maestro del Coro e Direttore Matteo Salvemini e dal Maestro della Banda e Direttore Jader Abbondanza.

mer 23 set 2009 - Notizia di sport - scritto da Pirroni Enzo

E’ questa la storia minimalistica di un nuotatore riminese, il quale negli anni tribolati dell’immediato dopoguerra stabilì il record italiano nei cento metri farfalla. Giorgio Cetera, classe 1931, mi riceve nella sua casa di via Clodia, dove in vecchie stanze, in bui corridoi, tra una ciurmaglia di scartabelli ingialliti, si elevano ovunque pile di libri. In una sorta di magia della casualità, di ibridità diabolica volumi accatastati convivono insieme ad una popolosa famiglia di utensili sbrecciati, di decrepiti oggetti cariati, di ninnoli incongrui. Fotografie in bianco e nero accompagnano lo sfavillante tessuto dei ricordi, sul quale la fantastica memoria del mio ospite caprioleggia con matematica chiarezza. 

mer 04 nov 2009 - Notizia di spettacoli - scritto da Ortalli Matteo

Dopo lo straripante successo del programma che ha segnato nella scorsa primavera la nascita del nuovo canale satellitare SkyUno, Fiorello si prepara per la seconda stagione del fortunato show, questa volta itinerante. Abbandonato il palatenda di piazzale Clodio a Roma, lo showman siciliano è pronto ad affrontare un vero e proprio giro d'Italia che lo porterà insieme alla sua banda nelle principali città italiane, a partire da Pesaro, dove il 13 novembre (e replica il 14) è previsto l'esordio.
Il Fiorello Show Tour 2009, con la regia di Giampiero Solari, sarà un flusso di storie e di canzoni che nel corso delle diverse tappe si evolverà e cambierà ad ogni appuntamento. In un continuo divenire e in continuo movimento, Fiorello sul palco, accompagnato dal maestro Enrico Cremonesi e la sua band, trasformerà ancora una volta i fatti di attualità e gli elementi del quotidiano in uno show.

mer 18 nov 2009 - Notizia di cultura - scritto da Frenquellucci Carlotta

Ritorna ad allietare le nostre domeniche uggiose la stagione teatrale del Malatesta di Montefiore con la tredicesima edizione di "Ammazziamo la domenica!" sotto l'egida artistica della Compagnia del Serraglio. A partire dal 15 novembre fino al 13 dicembre ogni domenica alle 17 calcheranno il palco del teatro Malatesta esilaranti comici. La formula è quella che contraddistingue la poetica del Serraglio: tanto buon teatro, comico o musicale a volte ricercato, ma sempre leggero; l'imperdibile aperitivo di Belfiore Enoteca, dedicato quest'anno interamente alla Spagna. E, infine, la classica "seconda parte": quindici minuti di "appendice" in cui il pubblico potrà assistere alle prove aperte di Ciò che vide il maggiordomo, una esilarante pièce della swinging London degli anni '60 che la Compagnia del Serraglio metterà in scena prossimamente. Ad aprire la rassegna Alessandro Benvenuti e poi domenica 22 novembre Antonello Pinto proporrà "Dipinti di Pinto", una galleria di personaggi tratti dal quotidiano (dal barista all'extracomunitario, dal cameriere al bellone) che hanno come tratto distintivo una sorta di "follia" buona, a tratti ingenua. 

mer 16 dic 2009 - Notizia di cultura - scritto da Costantini Claudio

Ogni leggenda nasconde qualcosa di vero, e così è anche per quella sul tesoro di Sigismondo Malatesta. In epoche diverse fino alla nostra, semplici cittadini, nobili e perfino i reggenti veneziani - che acquistarono la nostra città nel 1500 da Pandolfo IV “il Pandolfaccio” - cercarono le ricchezze nascoste del signore di Rimini. La ricerca, per quel che ci è dato sapere, non ha mai avuto successo. Diverse cronache del tempo ne hanno fatto cenno, già subito dopo la morte di Sigismondo nel 1468, e diversi sono i castelli indicati come possibili luoghi adatti a nascondere il tesoro. Quello di Montefiore è tutt’ora il più accreditato. Sono state fatte negli anni ricerche anche approfondite in quella costruzione, con particolare insistenza nella torre così detta del Diavolo colpita da un fulmine attirato “sicuramente” dall’oro e dall’argento. Di ricchezze Sigismondo ne aveva accumulate molte nella sua vita come capitano generale delle milizie della Chiesa, di Firenze e di Venezia. La sua fama di abile condottiero era conosciuta in tutt’Italia e i suoi servigi richiesti e ben pagati. 

mer 16 dic 2009 - Notizia di attualità - scritto da Redazione

 

Per non dimenticare il vero significato del Natale, si sta svolgendo la X edizione de "Il Gioco di Natale per Vincere e Aiutare", tradizionale lotteria dell’Istituto Oncologico Romagnolo, i cui proventi contribuiscono alle finalità dell’Istituto. I biglietti si possono trovare presso le Sedi IOR di Rimini e Riccione, il Punto di Santarcangelo e l’Isola Lotteria situata all’interno del Centro Commerciale Le Befane - "piazza Marco Polo"– dove vengono esposti i premi in palio (Automobile Nissan Pixo, Scooter Aprilia Scarabeo 50, TV LCD 32” LG, NETbook Acer, Telefono cellulare Samsung) e materiali d’informazione medico-scientifica. Proprio a Le Befane il 6 gennaio si terrà l’estrazione dei premi durante una grande Festa con la Befana IOR.

 

mer 13 gen 2010 - Notizia di cultura - scritto da Bisacchi Simona

Se film, libri, quadri e composizioni musicali hanno saputo balbettare Auschwitz, perché non lo potrebbe fare anche quella peculiare forma d’arte che è il fumetto?” si domandano Raffaele Mantegazza e Brunetto Salvarani, autori del saggio “Le strisce dei lager” (Unicopli). La risposta si trova in “Lacrime, lupi e tragici topi. Come i fumetti hanno raccontato la Shoah” mostra che sarà possibile visitare alla Galleria dell’Immagine di Rimini fino al 30 gennaio.

Un’accurata panoramica sui comics che in giro per il mondo hanno trattato Auschwitz: da “Maus” di Art Spiegelman(opera vincitrice del Premio Pulitzer) ad “Anna Frank” di Mino Milani e Attilio Micheluzzi, fino al toccante episodio di “Dylan Dog” intitolato “Doktor Terror” di Tiziano Sclavi.

Alla mostra - organizzata dal Cartoon Club in collaborazione con Comune di Rimini, Progetto Educazione alla Memoria - è associato un reading audiovisuale, condotto da Davide Barzi,, ideatore del progetto, per i ragazzi di terza media ( su prenotazione, dal 25 al 27 gennaio).

mer 13 gen 2010 - Notizia di cultura - scritto da Costantini Claudio

Una chiesa, quella di Santa Rita a Rimini in piazza Gramsci, dall’aspetto esteriore modesto, semplice che però al suo interno custodisce tesori dell’arte. Un luogo assai frequentato dai devoti della santa che là si raccolgono a pregare. Le pareti, l’abside, i quadri erano coperti della grigia patina del tempo. Nel 2005 cominciarono i restauri e questi svelarono ben presto la bellezza degli affreschi, delle tele, degli scranni in legno di noce del coro quattrocentesco e dell’organo del settecento. I risultati che ognuno può costatare con i propri occhi, sono stati documentati in un bel libro “La chiesa riminese dei Santi Bartolomeo e Marino detta di Santa Rita”scritto e curato da Pier Giorgio Pasini, edito da Minerva edizioni con il contributo della Banca Carim e Fondazione Cassa di Risparmio. Pasini oltre a spiegarci l’origine dei dipinti e degli affreschi e l’arte dei loro autori, traccia la storia millenaria della chiesa che forse non molti conoscono a Rimini a cominciare dal nome. In origine la chiesa fu dedicata a San Marino. 

mer 27 gen 2010 - Notizia di cultura - scritto da Nanni Gabriele

Per il 27 gennaio, Giorno della Memoria, il Comune di Rimini propone un ricco programma di iniziative rivolte alle scuole e ai cittadini, un programma di testimonianze e incontri, di conferenze e appuntamenti sia teatrali che cinematografici, di mostre e viaggi-studio. Un programma che riguarda un intero anno scolastico ma che per il 27 gennaio riserva alcuni dei momenti più importanti, a cominciare dalle 10.30 del mattino quando nel parco “Ai caduti del lagher 1943-45” verrà depositata la corona d’alloro al monumento dedicato alle vittime, con la lettura di riflessioni e testimonianze degli alunni delle scuole di Rimini. Di pomeriggio, a partire dalle ore 17, Gad Lerner sarà ospite nella Sala del Giudizio del museo della città di via Tonini per presentare il suo libro “Scintille. Una storia di anime vagabonde”, volume edito da Feltrinelli che è un viaggio nella memoria familiare dell’autore e un occasione di discussione e riflessione che verrà affrontata insieme a Laura Fontana, la Responsabile del Progetto Educazione alla Memoria del Comune di Rimini.

mer 27 gen 2010 - Notizia di cultura - scritto da Bisacchi Simona

La commedia dialettale riscuote sempre un grande successo. Ne sono una prova le serate da tutto esaurito al teatro Tiberio di Rimini. Ma quello del teatro dialettale è un vero e proprio fenomeno che coinvolge e appassiona tutta la Provincia. Al teatro Rosaspina di Montescudo la rassegna dialettale è giunta addirittura alla sua diciassettesima edizione e anche quest’anno propone serate all’insegna del divertimento e dell’allegria (ogni sabato fino a marzo). Partirà invece il 6 febbraio la quindicesima edizione di “Rumàgna marzulèna” la rassegna di Montefiore Conca curata dal poeta Giovanni Martelli, al teatro comunale Malatesta (ogni sabato fino al 28 marzo ore 21.15).

mer 10 feb 2010 - Notizia di spettacoli - scritto da Ardito Beppe

Le canzoni fanno parte della nostra vita, contenitori di emozioni e dei momenti più rilevanti. Ci sono tante canzoni in cui è facile riconoscersi, ma ben altra cosa è una canzone che ci parli proprio della nostra storia. Ci ha pensato così un ragazzo di Rimini, Marco Giorgi, musicista che vanta numerose collaborazioni (tra cui anche Saverio Grandi e Mario Manzani), a renderlo possibile. Un sito (www.latuacanzone.it) e la possibilità di creare una canzone che parli solo di noi, autentica e personale. Dietro a quest’idea si è sviluppata una proposta commerciale adatta a tutte le esigenze, dai semplici auguri agli spot commerciali, fino a una consulenza professionale per chi vuole lanciarsi nel mondo della canzone: una proposta che si rivela vincente e dalle interessanti prospettive. Lasciamo che sia lui a illustrarcele.

mer 10 feb 2010 - Notizia di cultura - scritto da Costantini Claudio

Sono più di quanto uno può pensare le persone che cercano la poesia, per sentire il suono delle parole, ritrovarsi nella sua atmosfera, nei suoi colori. Le poesie che rispondono e appagano le tue domande e danno forma e immagine ai ricordi sono difficili da trovare, sono sparse qua e là nei libri, bisogna saperle riconoscere. Vincenzo Giorgetti in “Impronte” - la sua nuova raccolta di versi edita dalla Theut - ci apre una porta per entrare nella sua anima, ma ancor più, come accade quando si leggono componimenti poetici, in noi stessi. Quei versi, sparsi in una trentina di poesie alle volte abbandonano l’autore e allora sei tu che percorri il viale “accanto agli enormi pini riempiti di freddo” la notte di San Silvestro o che vedi i silenzi “dipingere i sussurri, le emozioni del cuore”. Vincenzo cammina sulla spiaggia, lungo le strade portandosi dietro la sua vita e mischiandola con le cose, le persone, i ricordi, l’amore. Poi si ferma e scrive i versi delle sue poesie. Il libro inizia con un racconto per immagini, quelle della giovinezza, della speranza del futuro, della solitudine, dei luoghi nei quali si svolge tutta un’esistenza. Poi la prosa si trasforma in versi e trovi in entrambi la stessa persona Fabio Boni ovvero Vincenzo e la città o meglio un suo quartiere. Da qui si può sentire la brezza marina e lungo un viale costeggiato da pini arrivare al mare, alla spiaggia e d’inverno sentire con la nebbia la solitudine. Si possono anche risentire le voci dei bambini che nel campo del quartiere giocavano, le madri e le nonne che li richiamavano a casa e le tante persone che ora non ci sono più se non nei versi e nella prosa di Vincenzo.

mer 24 feb 2010 - Notizia di il taccuino della tavola - scritto da Marziani Michele

Questa non è la recensione di un ristorante, ma la suggestione di un luogo. Che parte da un ricordo, quello di una delle cene più semplici (e golose) gustate negli ultimi tempi. Autunno 2009. Cibo frugale, a tavola con i proprietari: uova al tegame, di morbidezza perfetta, avvolte da una nuvola odorosa di tartufo bianco pregiato, il pane ferrarese fatto in casa (il più buono che abbia mai mangiato), una bottiglia di Barbaresco del 1999. Non servono grandi cose, ma cose grandi per fare la felicità a tavola. E i commensali non sono certo secondari, Giovanni e Cristina, proprietari delle Occare, dimora con cucina nella campagna ferrarese, a Runco di Portomaggiore, sono ospiti attenti, delicati e colti come pochi se ne incontrano in giro per l'Italia. Li ho conosciuti scrivendo il romanzo La signora del caviale. Nel libro si parla anche del mitico caviale del Po che Cristina stava cercando di riportare agli antichi splendori (e le sperimentazioni fanno ben sperare). Cristina, che di cognome fa Maresi, è riminese e questo ha reso l'incontro ancor più interessante: non tutti i riminesi che si occupano di ospitalità in giro per il mondo ripropongono lo stereotipo della pensione mariuccia. 

gio 08 apr 2010 - Notizia di cultura - scritto da Redazione

Un castello per le arti. Atelier della luna” organizza cinque workshop di costruzione teatrale al Castello di Montefiore Conca, nei mesi di luglio e agosto.

Questi i laboratori tenuti da artisti riconosciuti a livello internazionali: “Costruire le ombre” di Giorgio Gabrielli, “Microscenografia e oggettistica di scena” con Natale Panaro, “Carta che cammina” di Riccardo Canestrai, “La maschera di cuoio” di Giorgio de Marchi e Giulia Baldassari, “I burattini di legno” di Brina Babini.

Le lezioni sono rivolte sia a docenti di scuola primaria e secondaria, che a studenti, educatori e professionisti desiderosi di ampliare le proprie conoscenze sulle tecniche di costruzione teatrale.

I workshop sono a numero chiuso. Il termine delle iscrizioni è il 10 giugno. Info http://www.atelierdellaluna.org

mer 21 apr 2010 - Notizia di attualità - scritto da Piva Beatrice

Quotidiano, inesorabile, è l'appuntamento con il sangue sulle strade. Il suono straziante delle sirene, la lugubre contabilità dei weekend, le indicibili tragedie di famiglie distrutte, vite spazzate via, invalidità. E soldi, una marea di soldi per curare, riparare, risarcire. 
Da anni 19 anni l'ASAPS, Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale, si impegna strenuamente per opporsi alla strage perenne. L'iniziativa fu di un gruppo di appartenenti alla Specialità di Forlì, Cesena, Ravenna e Faenza. Un gruppo di Giacche Blu, stanche di dover sentire le sterili ed improprie chiacchiere per l'assoluta mancanza di conoscenza dei temi costitutivi la sicurezza sulle nostre strade, seppe diventare uno stimolo formidabile. I professionisti del settore, riuscirono per la prima volta in Italia a parlare fuori dal coro, a dire le cose giuste al momento giusto, iniziando così un cammino di studio e di crescita culturale che in altri stati era già lanciato da tempo. Oggi il sodalizio conta oltre 30mila soci, tra tutte le forze di polizia e tra la gente comune. L'ASAPS è oggi presente in tutti gli uffici ed i comandi della Polizia Stradale ed in molti della Polizia Locale, con una struttura di oltre 600 tra referenti provinciali e responsabili periferici.

mer 21 apr 2010 - Notizia di Santarcangelo - scritto da Succi Daniela

Quest'anno i balconi di Santarcangelo fioriranno per la XXII volta. Non c'è male per un'iniziativa partita quasi come sfida da parte dell'Associazione Noi della Rocca. All'Associazionee, tutt'oggi capitanata dall'impareggiabile Luciana Donini, si è negli anni aggiunto il Comune, seguito poi da Blu Nautilus per la parte commerciale e quindi dalla Provincia di Rimini con un premio all'imprenditoria femminile, fortemente voluto da Leonina Grossi. 
Il cartellone di quest'anno vede la partecipazione di un nuovo partner per la parte culturale: la Seven Arts di Tiziano Corbelli. Si parte con un'anteprima: l'8 maggio una estemporanea di pittura distribuita in vari locali della città e riunita il 15 e 16 lungo la scalinata. Quest'ultima sarà uno dei punti di passaggio obbligato, perché occupata da cima a fondo con iniziative. Oltre la pittura appunto, c'è Passioninsieme che intitola la sua presenza di quest'anno a "Sole e girasoli" ed espone i curiosi oggetti d'arte dei suoi associati: un gruppo di ricamatrici di Rimini presenta i propri merletti fatti rigorosamente a mano, mentre una mostra fotografica di Ivana Manenti concluderà la salita. 

mer 05 mag 2010 - Notizia di spettacoli - scritto da Barlaam Lorella

Intervistando Fiorella Mannoia, ho avuto per un po' la sua voce tutta per me. La voce di "Sally", di "Quello che le donne non dicono". La voce dell'interprete più intensa nel nostro panorama musicale, e non solo: una donna bella, forte e impegnata, che adesso "ha imparato a sognare". Un'esperienza emozionante, da condividere andando ad ascoltare Fiorella Mannoia il 15 maggio, al Carisport di Cesena, accompagnata dalla sua band e da un quartetto d'archi. In scena, l'Acoustic tour dal nuovo album "Ho imparato a sognare" e dal suo repertorio sconfinato, con interpretazioni inedite. Per avere la sua Voce tutta per voi.

gio 03 giu 2010 - Notizia di attualità - scritto da Ceka Agron

L'integrazione degli immigrati ora si misurerà con i punti. Questo è il futuro modello italiano, che vuole essere diverso da quello francese (assimilazione) o quello inglese (multiculturalismo indifferente). Il Ministro Sacconi identifica il modello italiano come quello dell'"Identità e dell'Incontro". In merito ai "punti", gli immigrati dovranno firmare un atto al momento della richiesta del permesso di soggiorno. Con questo accordo, l'immigrato si impegna, entro due anni, a frequentare corsi di lingua italiana, corsi di educazione civica, corsi informativi sugli usi e costumi italiani, il diritto dei figli nella scuola d'obbligo, ecc.

mer 30 giu 2010 - Notizia di attualità - scritto da Barlaam Lorella

L'anno accademico è in dirittura d'arrivo, come la Riforma Gelmini il cui DDL applicativo è all'esame del Senato. La manovra di Tremonti ha riservato, inoltre, altri "tagli"che possono mettere l'Università di Rimini di fronte a una sfida. Di cui parliamo con il prof. Giorgio Cantelli Forti, Presidente del Polo Scientifico-Didattico di Rimini.
Professor Cantelli Forti, il decreto legge Gelmini è molto discusso. Qual è il suo punto di vista al riguardo?
«E' un decreto legge che risponde all'esigenza di una riforma che adegui la nostra Università a canoni moderni, rendendola più funzionale. La cui necessità era sentita, nell'ottica di svolgere una selezione degli studenti, di incrementare la ricerca, di migliorare la qualità. Bisogna rivedere molti aspetti organizzativi: ad es. il 3 più 2 e i troppi corsi di laurea di "fantasia" sono stati comodi per l'Accademia, ma inutili per gli studenti. L' "autonomia" non credo ne venga toccata ed è possibile con la valutazione della "qualità" garantire la competizione virttuosa all'interno delle facoltà. L'Ateneo di Bologna col sistema Multicampus - unico in Italia - dovrà capire come regolamentarsi, innescando una sana competizione interna e scegliendo regole che sviluppino la qualità. 

mer 14 lug 2010 - Notizia di attualità - scritto da Redazione

Il Gran Gala di Rimini, organizzato dall'Agenzia Company per l'Istituto Oncologico Romagnolo, è giunto alla XI edizione e si svolgerà al Grand Hotel Rimini sabato 17 Luglio dalle ore 20. 
Ringrazio particolarmente Michele Cucuzza - spiega Vinicio Paganini Vice Presidente IOR e Responsabile della sede di Rimini - che quest'anno addirittura arriverà a Rimini il giorno prima del Gala, con l'intenzione di visitare il reparto di Oncologia del Dott. Ravaioli, e per avere un aggiornamento diretto sul Progetto del Nuovo Day Hospital Oncologico che stiamo realizzando al fianco della AUSL. Michele Cucuzza si è offerto di essere portavoce, con il nostro Presidente della Provincia Stefano Vitali, del Progetto stesso.

mer 14 lug 2010 - Notizia di cultura - scritto da Gei Omer

Prenderà il via il 23 luglio (fino al 25) nella suggestiva Rocca Malatestiana di Montefiore, la sedicesima edizione di "Rocca di Luna", una delle manifestazioni più attese e frequentate della lunga estate romagnola. 
Durante i tre giorni dell'evento, che da sedici anni si svolge nella settimana di luna piena di luglio, il Borgo antico si trasforma per offrire, dal tramonto fino a notte fonda, i suoni, le luci, i ritmi, le visioni, le parole, i sapori, gli odori e tutte le suggestioni suscitati dalla luna nel suo transito.
Nell'edizione 2010 sarà esplorato il tema della luna quale musa ispiratrice delle arti: musica, danza, teatro, arti circensi e visive animeranno le tre serate, a partire dalle 19 fino a notte fonda, con spettacoli e animazioni che andranno in scena nella Rocca, nelle strade e nelle piazze del borgo.

mer 22 set 2010 - Notizia di cultura - scritto da Frenquellucci Carlotta

Nel 1984 fu la Francia a organizzare per la prima volta la "Giornata porte aperte dei monumenti" con l'idea di permettere al grande pubblico di visitare gratuitamente siti e monumenti, soprattutto quelli abitualmente chiusi. L'anno successivo il ministro della cultura francese propose di attribuire a questa iniziativa una dimensione europea e molti paesi misero in atto analoghe manifestazioni. Il Consiglio d'Europa coordinò poi le diverse attività, allo scopo di rafforzarne la coesione e la dimensione internazionale, fino al 1991, quando istituì ufficialmente le "Giornate Europee del Patrimonio", cui l'Italia aderì nel 1995. Giunto dunque al suo venticinquesimo anno di vita, l'evento coinvolge per due giorni (25 e 26 settembre) anche la Romagna che si trasformerà in un grande teatro aperto a tutti, dove tanti palcoscenici sparsi in ogni angolo metteranno in scena la bellezza, il paesaggio, la storia, la cultura: una festa aperta a residenti e turisti, che si traduce in oltre 200 iniziative gratuite capaci, da un lato, di affermare e consolidare le singole caratteristiche territoriali e di sottolineare, dall'altro, l'appartenenza culturale al patrimonio di quell'Italia che il mondo indica come il "tesoro d'Europa".

mer 20 ott 2010 - Notizia di Riccione - scritto da Sani Emer

I Boeri, i famosi cioccolati al liquore prodotti dalla dolciaria Rovelli di Montefiore, descritti da Stefano Benni nel suo libro "Bar Sport" (scritto nel 1976), saranno tra i protagonisti dell'omonimo film in fase di realizzazione, insieme alle avventure, alle trasferte, ai grappini, agli amori, ai campioni, alle sfide e ai cappuccini. La pellicola è tratta da uno dei veri e propri cult della narrativa italiana, considerata una specie di "bibbia" della comicità: da qualche giorno sono iniziate le riprese a Sant'Agata Bolognese, vicino a Bologna, una produzione Aurora Film-Rai Cinema, regia di Massimo Martelli e nel ruolo del "tennico" Claudio Bisio. 

gio 04 nov 2010 - Notizia di attualità - scritto da Ohanyan Narine

Allo scioglimento dell'Unione Sovietica, nelle famiglie russe, ucraine o di uno qualsiasi dei paesi che ne facevano parte, regnava un solo argomento. Cosa avrebbero fatto per andare avanti ora che l'Unione era sciolta? Con l'economia ferma, non c'era possibilità di trovare un lavoro e quindi di avere la possibilità di tenere un tenore di vita adeguato al sostentamento di una famiglia e ai suoi bisogni, come lo studio dei figli, il cibo, le bollette. 
L'unica speranza era rappresentata dal chiedere in prestito una somma sufficiente a lasciare il paese per trasferirsi in un'altra nazione dove era più facile trovare un lavoro. In questo modo molte famiglie si dividevano e i genitori andavano all'estero con la speranza di trovare un'occupazione che garantisse ai figli in patria lo studio e una vita normale. In ogni situazione era necessaria fermezza d'animo, coraggio e fortuna. Perché trasferirsi in un paese straniero significa riuscire ad ottenere il permesso di soggiorno, trovare un posto dove vivere, un lavoro per mantenersi e mantenere i propri figli in patria. Alcuni partivano e riuscivano a trovare la loro "America" nel nuovo paese, altri invece fallivano e tornavano in patria, in una situazione ancora più aggravata rispetto alla partenza. Ma la maggior parte degli emigranti riuscivano in una via di mezzo. Trovando un lavoro si sostentavano e aiutavano la famiglia in patria, senza però riuscire a uscire dalla situazione difficile in cui si trovavano non avendo abbastanza da poter tornare a casa. Di recente ho incontrato una signora che vive in Italia dal 1996 e che quest'anno finalmente ha ottenuto un permesso di soggiorno. 

mer 17 nov 2010 - Notizia di attualità - scritto da Barlaam Lorella

Giorgio Albertazzi e Vittorio Franceschi. Due attori poliedrici, i cui percorsi hanno intersecato la regia, la scrittura scenica e la poesia, due diverse ipotesi di teatro in un interessante confronto a distanza sul palcoscenico del Novelli. Giorgio Albertazzi è l'ultimo dei mattatori, ma riesce a rendere una carriera teatrale oggi senza pari ancora linfa e radice di un oltre, ad ogni spettacolo. Nel tempo, voce e presenza si sono affinate in segni essenziali, personaggi di cui diventa egli stesso traduzione, in un corpo a corpo emozionante. In questi ultimi tre anni è stato l'Adriano delle "Memorie" della Yourcenar e il titanico e inafferrabile Achab di Melville nella messa in scena di Antonio Latella. Ancora con lui affronta quest'anno il quarto Re Lear della sua carriera, forse il più emblematico della sua cifra interpretativa nell'essere uno e trino, Lear e Fool e Albertazzi insieme. E sarà il Padre in "La casa di Ramallah", al Novelli il 25 novembre,  con la regia di Calenda su testo di Antonio Tarantino, voce alta e aguzza della drammaturgia contemporanea. In scena, il martirio della Palestina nel dialogare metafisico di tre personaggi, una kamikaze che va a farsi esplodere e i suoi genitori, che in questo viaggio l'accompagnano.

mer 01 dic 2010 - Notizia di attualità - scritto da Redazione

Mercoledì 1 dicembre parte la Lotteria di Natale realizzata dalle sedi IOR Rimini e Riccione. "Il Gioco di Natale per Vincere e Aiutare" compie 11 anni. Vi partecipano grandi realtà cittadine come Banca Malatestiana, il Centro Commerciale Le Befane, la Società Gas Rimini e le aziende che mettono a disposizione i premi in palio e l'attesa festa finale con l'estrazione nel giorno dell'Epifania, aperta a tutta la città. I biglietti si possono trovare presso le sedi IOR di Rimini e Riccione, presso il Punto di Santarcangelo, presso tutte le filiali di Banca Malatestiana e all'interno del Centro Commerciale Le Befane dove vengono esposti i premi in palio e materiali d'informazione medico-scientifica. 

Il 6 gennaio 2011, il Centro Le Befane viene animato dalla tradizionale Festa con la Befana IOR e dall'estrazione dei biglietti vincitori con musica e animazioni.

mer 15 dic 2010 - Notizia di attualità - scritto da Ceka Agron

Dal 9 dicembre 2010, chi chiederà il rilascio del "permesso di soggiorno per soggiornanti a lungo periodo CE" (ex Carta di Soggiorno), dovrà prima dare un esame di conoscenza elementare della lingua italiana (livello A2). Per dare l'esame d'italiano, bisogna rivolgersi agli Sportelli Unici per l'Immigrazione presso le Prefetture, effettuando prima on line una richiesta di prenotazione. Lo Sportello Unico, poi, entro 60 giorni convocherà lo straniero e lo indirizzerà alla scuola convenzionata sul territorio per effettuare l'esame. Ovviamente, chi non passa l'esame, non avrà la Carta di Soggiorno e dovrà ripresentare la richiesta e ridare l'esame d'italiano. Sono esonerati dall'esame: i figli minori di anni 14, stranieri con gravi limitazioni derivanti all'età, da patologie o da handicap, gli studenti che hanno studiato in Italia, stranieri che hanno frequentato corsi di lingua italiana anche serali di livello A2. Per le feste natalizie, quindi, gli stranieri interessati devono leggere "Io imparo l'italiano".

gio 13 gen 2011 - Notizia di attualità - scritto da Ohanyan Narine

Le persone si spostano e migrano sin dall'alba dei tempi. Migravano da un posto all'altro, formando nuove tribù, popolando nuove terre e difendendole dalle invasioni altrui, creando nuove società.
Dopo la seconda guerra mondiale i confini erano ben marcati e protetti, conseguenza diretta della fine del conflitto. Questo finché le persone non si sono trovate nell'impossibilità di continuare a vivere dignitosamente e hanno iniziato ad emigrare in altri stati dove le condizioni di vita erano migliori, dove vi era più offerta di lavoro e una migliore aspettativa di vita.
Ma una volta arrivati a destinazione, come si trasforma la vita degli emigranti? 
La maggior parte, una volta arrivati a destinazione, riescono, tramite sanatorie e decreti che permettono loro di farlo e superando gli innumerevoli ostacoli che si trovano ad affrontare, a trovare un lavoro e garantirsi una vita dignitosa. Questo comporta il fatto che si possano trovare datori di lavoro che non mantengono la parola data, di regolarizzare il proprio lavoro, che porta poi a dover attendere, pagando alte cifre di denaro, in un clima di tensione continua, la messa in regola. E solo i più fortunati dopo una lunga attesa ottengono finalmente il prezioso permesso. 

mer 26 gen 2011 - Notizia di attualità - scritto da Redazione

Incubo di albergatori e famiglie, che d'estate si trasformavano in affitta-camere, la sua abolizione fu salutata come liberazione da un odioso balzello di stampo medievale. Ora la tassa di soggiorno potrebbe ritornare sotto forma di brillante innovazione con il federalismo fiscale. Infatti, oltre a una raffica di imposte locali (immobiliare unica che erediterebbe altre imposte come l'ICI, senza toccare comunque la prima casa; cedolare fissa del 23% sugli affitti; Tarsu calcolata sul nucleo famigliare e non solo sui metri quadri) le città turistiche potrebbero contare su di un'entrata in più: la rediviva tassa di soggiorno, appunto, la cui applicazione sarebbe comunque facoltativa. In un primo tempo pareva che la "facoltà" toccasse solo ai comuni capoluogo di provincia, come Rimini. Ora si prospetta che invece potrebbero applicarla tutti. Ma chi potrebbe permettersi, di questi tempi, di rinunciare a un'entrata tanto ghiotta? Il Sole 24 stima che Rimini potrebbe ricavarci 16-17 milioni: il triplo del gettito Irpef.
Fin qui, comunque, dalle nostre parti tutti dicono no. Contrarie le associazioni degli albergatori - "semmai abbassiamo l'iva sul turismo che non ci fa competere in Europa" - così come i sindaci di sinistra (il riccionese Pironi) e di destra (il bellariese Ceccarelli).

mer 06 apr 2011 - Notizia di sport - scritto da Pirroni Enzo

Vorrei prendere le distanze dallo sport attuale, dalle sue aberrazioni mercantilistiche e, con un'operazione "archeologica", desidererei riproporre, come in uno specchio, l'atmosfera del com'eravamo. Da bambini vivevamo nei palazzoni di via Balilla, veri e propri inni alla lugubrità dell'architettura popolare. Pochi giocattoli allietarono la nostra infanzia ed allora i giochi di gruppo nell'immenso prato della Sartona furono per tutti noi i passatempi privilegiati. Partite di calcio che avevano inizio nel primo pomeriggio e terminavano col buio, quando le madri urlando e minacciando orribili castighi venivano a riprendersi i propri figli. Corse a perdifiato lungo le vie Lagomaggio e via Pascoli: dallo Stadio al mare e ritorno ed in tutti i modi ci misuravamo mettendoci ogni giorno in discussione. Poi venne il tempo della bicicletta e fu una passione collettiva. Ogni domenica una corsa. Ogni domenica si fissava un traguardo diverso ed un enorme, variopinto, eterogeneo serpentone si dispiegava avendo come mete il castello di Gradara, la rocca di San Leo e la classica delle classiche un percorso davvero selettivo che da Rimini giungeva a Santarcangelo e di qui, costeggiando il fiume Uso saliva a Sogliano al Rubicone, quindi sempre andando all'insù toccava Strigara, Savignano di Rigo, fino al traguardo della montagna posto a Perticara di qui discesa fino a Novafeltria e ritorno a Rimini pedalando lungo la Marecchiese. Nove volte su dieci, chi risultava vincitore in codesti ingenui, improvvisati tramagli era un ragazzino di piccola taglia duro come il fil di ferro, fenomenale in salita e nel contempo resistente e veloce, il suo nome: Giorgio Brumali, anche se per noi tutti era ed è Dodo. 

gio 19 mag 2011 - Notizia di Riccione - scritto da Ortalli Matteo

Riccione come una piccola Cannes, e il Palazzo dei Congressi come il Palazzo del cinema. La Perla Verde si prepara ad ospitare l'evento più importante del cinema italiano, l'edizione estiva delle "Giornate Professionali del Cinema", la kermesse che vede protagoniste le industrie della cinematografia italiana per presentare i film della nuova stagione. L'evento, organizzato dalle associazioni di categoria Anec, Anem e Anica, si terrà dal 4 al 6 luglio e conferma l'importanza assunta il Palazzo dei Congressi, divenuto un punto di riferimento a livello nazionale, come sottolinea il Presidente Berardi: "Essere stati scelti dal più grande evento di cinema italiano ci riempie di soddisfazione. Questo successo dimostra che il Palazzo è una struttura in grado di ospitare grandi eventi tutto l'anno. Questa è una vittoria di tutta la città, che garantisce nel raggio di 500 metri dal Palazzo dei congressi, strutture ricettive, locali, negozi e stabilimenti balneari di qualità, una grande isola pedonale e un nuovo lungomare di livello internazionale". L'ulteriore conferma sull'importanza strategica della location riccionese la fornisce Remiglio Truocchio, direttore organizzativo e produttore dell'evento: "La scelta di Riccione è dovuta in primo luogo per le caratteristiche del Palazzo dei Congressi. Ospitare 1400 operatori in un'unica sala, la disponibilità di uno spazio espositivo, la presenza di una multisala di qualità superlativa, non sono facili da trovare tutte assieme in un'unica struttura. E poi la presenza di alberghi di qualità, rinnovati e di qualità superiore, a una distanza molto breve".

mer 01 giu 2011 - Notizia di Valmarecchia - scritto da Redazione

Domenica 22 maggio, dopo un rinvio per maltempo, si è svolto a Santarcangelo il concorso Miss Fiore...di Ragazza, nell'ambito di Balconi Fioriti. La vincitrice accede di diritto alle selezioni per Miss Italia. All'evento ha collaborato CNA, pettinando e truccando le candidate. I parrucchieri impegnanti sono stati Equipe Cristina, Renzo Parrucchiere, Salone D.D. S di Saragoni Donatella e Dolores. Le estetiste Studio Estetico Top Relax di Razzani Mirna e Tra Oriente ed Occidente di Sara e Silvia. Fra gli ospiti della manifestazione, Rosa Palmieri, che ha cantato canzoni scritte per lei da Gigi D'Alessio.

mer 28 set 2011 - Notizia di sport - scritto da Pirroni Enzo

In età giovanile, lo sport l'ha praticato, arrivato alla maturità lo ha raccontato. Questa, in sintesi, la parabola di Giorgio Betti, giornalista riminese nato nell'ormai lontano 1940. Una bella storia la sua. Tedicenne giocava in una squadretta rionale: l'OSAR padroneggiando così bene la palla da destar meraviglia. In seguito ai giocolerismi, agli acrobatismi, alle invenzioni secondo estro aggiunse un'impeccabile armonia di ritmo ed una severa razionalità geometrica, tanto che un talents scout lo condusse per un provino all'Inter. 

Nel 1956, a sedici anni non ancora compiuti, Giorgio Betti, fasciato dei colori nero-azzurri, giocava nei boys del grande club milanese avendo come allenatore Peppino Meazza e per compagni atleti del valore di Mazzola e Facchetti. Per tre anni rimase a Milano, ma furono stagioni costellati da infortuni e da inciampi, tanto che, nel 1959 emigrò al sud per pedatare nelle serie minori. Fu alla Battipagliese ed alla Salernitana. Poca roba, in verità. A salvarlo dall'incerta sorte del "giocatore di ventura" fu il servizio militare che il nostro uomo svolse nella Compagnia Atleti. 

mer 08 feb 2012 - Notizia di attualità - scritto da Redazione

Sabato 11 febbraio si svolgerà in tutta Italia la XII Giornata Nazionale di Raccolta del Farmaco. Recandosi nelle farmacie che espongono la locandina del Banco Farmaceutico si potrà acquistare e donare a chi oggi vive ai limiti della sussistenza un farmaco da banco (per cui non è prevista ricetta). A beneficiare dell'iniziativa da noi saranno le oltre 1500 persone che quotidianamente vengono assistite dai 22 enti caritatevoli convenzionati con il Banco Farmaceutico onlus nella provincia di Rimini, dove sono 32 le farmacie che aderiscono all'iniziativa, presidiate sabato da 250 volontari che spiegheranno l'iniziativa ai cittadini. Sarà inoltre possibile chiedere consiglio ai farmacisti sul tipo di farmaco da scegliere tra quelli maggiormente necessari agli Enti assistiti. In 11 anni grazie alla Giornata sono state raccolte oltre 27.500 scatole di medicinali per un valore di circa 140.000 euro. Info: Fondazione Banco Farmaceutico onlus - www.bancofarmaceutico.org;

mer 22 feb 2012 - Notizia di attualità - scritto da Ceka Agron

Anno nuovo, tasse nuove anche per gli immigrati! Dal 30 gennaio 2012, è entrato in vigore un Decreto Legge chiamato "Contributo per il rilascio e rinnovo del permesso di soggiorno". L'aumento va dagli 80 ai 200 euro, che si pagano al momento della richiesta del rinnovo presso l'ufficio postale. A questa nuova tassa, si aggiungono le spese già in vigore, cioè altri 27,50 (più 1,20 di spese postali), la marca da bollo da 14,62 e altri 30 euro di spese postali. Riguardo la nuova tassa, chi chiede un rinnovo dai 3 ai 12 mesi, paga 80 euro in più. Chi chiede un rinnovo dai 12 ai 24 mesi, paga 100 euro in più. Mentre, chi chiede il "permesso di soggiorno CE a lungo periodo" (ex Carta di Soggiorno), paga 200 euro in più. Praticamente, ora si paga, da un minimo di 153,32 euro ad un massimo di 273,32 euro. Non pagano la nuova tassa i minorenni, compresi quelli arrivati con un ricongiungimento familiare, chi è in Italia per cure mediche (compresi gli accompagnatori), chi chiede permesso per asilo, protezione sussidiaria o motivi umanitari.

mer 07 mar 2012 - Notizia di Riccione - scritto da Sani Emer

Troppo tardi per applicare la tassa di soggiorno. Dopo la segreteria, anche la direzione del Partito democratico ha votato il documento di indirizzo politico all'attività dell'amministrazione, che prevede la non introduzione dell'imposta sul turista. 
"I listini degli alberghi sono già stati redatti, ne riparleremo a settembre - dice il segretario comunale del Pd, Enrico Angelini - continueremo la riflessione nei prossimi mesi, insieme all'obiettivo di togliere anche l'addizionale Irpef". Per quest'anno niente tassa nel bilancio in approvazione il 22 marzo. "E' impossibile introdurre la tassa di soggiorno - prosegue Angelini - perchè ormai siamo a marzo e la stagione è alle porte, e dai conti fatti con un bilancio sotto controllo grazie all'Imu se ne può fare a meno". 
Non introdurre la tassa di soggiorno significa che per fare quadrare il bilancio comunale occorre applicare l'Imu (Imposta municipale unica) con un aliquota dello 7,6 per mille per attività commerciali e artigianali, e del 10,6 per alberghi e seconde case (escluse le abitazioni affidate ai figli che pagheranno il 7,6). 
Le aliquote proposte non sono state stabilite a caso. "E' stato svolto un bel lavoro di coordinamento e di confronto: sono orgoglioso" commenta il sindaco Massimo Pironi. Che prosegue: "Il forte momento di crisi è stato tenuto in considerazione, oltre al fatto che da Roma ancora non c'è chiarezza sull'entità dei tagli, finora calcolati solo su proiezioni e non su dati reali. Sarà difficile fare quadrare i conti, ma contiamo di portare in approvazione il bilancio nel consiglio comunale del 22 marzo. Abbiamo raccolto gli auspici di tutte le categorie economiche, siamo consapevoli che sarà una stagione problematica". 

mer 21 mar 2012 - Notizia di spettacoli - scritto da Redazione

Si chiude con il botto un mese di grande musica a Rimini e dopo Jovanotti arriva al 105 un altro pezzo da novanta del panorama pop italiano: venerdì 30 marzo sul palco dello Stadium sale Giorgia. La cantautrice romana, dopo le due date sold out di Roma e Milano a gennaio, è partita la scorso 3 marzo con il tour "Dietro le apparenze" in cui presenta il suo ultimo album omonimo uscito a settembre. Lanciato dai due singoli "Il mio giorno migliore" e "E' l'amore che conta" il disco è balzato in cima alle classifiche di vendita rimanendo nella top ten per diverse settimane. Giorgia illuminerà e scalderà il 105 Stadium con la sua straordinaria voce tra i pezzi dell'ultimo album e i classici del suo repertorio.

mer 18 apr 2012 - Notizia di spettacoli - scritto da Ortalli Matteo

Messa in cantiere una Pasqua che ha portato sì un po' di pioggia ma anche tanti eventi, l'aprile riminese prosegue a suon di musica e l'agenda delle prossime giornate è fitta di appuntamenti con tanti artisti italiani che passeranno dalle nostre parti con i loro tour.
Il primo a far visita alla Riviera sarà Mario Biondi che, fresco di nuovo doppio album, venerdì 20 aprile salirà sul palco del Teatro Novelli. Il crooner siciliano si ripresenta al grande pubblico con il disco "Due" che contiene 20 brani inediti in cui Biondi duetta con 20 artisti di grande talento della scena jazz/soul, ma poco noti al grande pubblico. Oltre ai nuovi pezzi, al Novelli Biondi proporrà il meglio del suo repertorio a partire da "Handful of soul" il disco che lo lanciò nel 2006.
Addirittura tre appuntamenti per la sera successiva, ma il rischio di sovrapposizione non c'è visto che i generi sono totalmente diversi: a Rimini arriveranno infatti Nina Zilli, Massimo Ranieri ed Andy Fluon (ex Bluvertigo).
La giovane artista piacentina, reduce dal successo ottenuto al Festival di Sanremo con il brano "Per sempre" e protagonista poi in tv al fianco di Giorgio Panariello nel suo programma in prima serata su Canale 5, sarà ospite al Velvet sabato 21 e proporrà il suo show travolgente e fuori dagli schemi a suon di reggae, soul e r'n'b con i brani dell'ultimo disco, uscito il 15 febbraio, "L'amore è femmina". Sarà invece il 105 Stadium il teatro dello spettacolo di Massimo Ranieri "Canto perché non so nuotare...da 500 repliche" in cui l'artista ripercorre i momenti più emozionanti della sua vita interpretando le più belle canzoni d'autore degli ultimi decenni e i brani del suo repertorio. Durante lo show Ranieri ballerà, canterà e reciterà affiancato dal piccolo Lele D'Angelo che veste i panni di un amico immaginario e sorprenderà gli spettatori con alcune strepitose performance.

mer 18 apr 2012 - Notizia di sport - scritto da Pirroni Enzo

Primi anni cinquanta. La guerra era da poco passata. Si ricostruiva sulle macerie ed anche lo sport riminese, tra mille difficoltà, ma in preda ad un incoercibile entusiasmo, si andava riorganizzando. I punti di riferimento di codesta rinascita erano i vecchi campioni d'antan: Romeo Neri, Mario Magnani, Flavio Lombardini, Aroldo Montanari...
La palestra posta sotto le tribune dello Stadio Comunale era stracolma di giovani che s'ingegnavano a prendere confidenza con i duri attrezzi della ginnastica artistica. Lì accanto la palestra di boxe, quella della gloriosa Libertas, pullulava di aspiranti pugili che bevevano avidamente il verbo che i vari maestri, onusti di gloria, dispensavano. 
Giorgio Cicchetti, classe 1935, era tra costoro. Giorgio, aveva il pallino dello sport. Ovunque ci fosse una manifestazione sportiva, non importa si trattasse di infilarsi i guantoni, di impolverarsi le mani di magnesia o di confrontarsi col bilanciere della pesistica, Giorgio era presente. In tal modo, grazie a codesta assidua frequentazione e ad un incessante training, era riuscito a costruirsi un fisico notevole che gli permetteva, non dico di emergere, ma sicuramente di partecipare e i fare la sua bella figura in diverse discipline. 
Quello di non aver saputo scegliere e di rimanere un eclettico dilettante, fu sicuramente, il suo vero limite. Ma i tempi erano estremamente ingenui ed il modo di approcciarsi allo sport era veramente naive. Non divenne un campione, Giorgio Cicchetti, ma un vero uomo di sport seppe esserlo e lo è attualmente nonostante gli anni. 

mer 27 giu 2012 - Notizia di satira - scritto da Piccari Nando

Di solito ignoro il Fatto Quotidiano perché non amo rovistare nel pattume giornalistico. Ma se proprio devo immergerci le mani, mi disgusta meno l'orgogliosa rivendicazione che Libero e Il Giornale fanno della loro "cialtroneria di destra" che il tentativo di nobilitarne l'olezzo in cui si esercita il Fatto: con qualche risultato, visti i becconi che continuano a comprarlo, convinti di leggere un giornale di sinistra solo perché Sua Grazia Travaglio finge di farlo dirigere al proprio cameriere Padellaro, come ricompensa per averlo infiltrato a L'Unità quand'era poco più che un semisconosciuto arrampicatore.

Il 13 giugno non ho però voluto rinunciare a gustarmi il Servil Travaglio che si offriva da scendiletto a Grillo, omaggiandolo nella sua villa da nababbo di un'intervista il cui titolo avrebbe dovuto essere "Baciamo le mani!". 
Dopo quel servizievole lecchinaggio, per rinverdire la sua millantata immagine di giornalista indipendente ha prontamente rivestito i panni del Narciso Travaglio, abbandonandosi - con lui il sintattico-leso Di Pietro, suo degno compare - ad un paranoico attacco al Presidente della Repubblica, accusato di ostacolare la ricerca della verità sull'infame trattativa Stato-mafia degli anni '90. 

mer 07 nov 2012 - Notizia di healthness - scritto da Redazione

La IV Giornata Mondiale del Diabete sarà dedicata a "L'educazione e la prevenzione del diabete", con lo slogan "Diabete: proteggiamo il nostro futuro". L'educazione, che passa per la conoscenza dei fattori di rischio e degli stili di vita corretti, la prevenzione e la diagnosi precoce sono infatti le carte vincenti contro questa malattia, perchè "quella del diabete di tipo 2 è una condizione quasi asintomatica al suo insorgere" come ci ha spiegato la dott.ssa Antonella Agostini della Farmacia Comunale n. 6. "E gli effetti più gravi si determinano nel tempo e colpiscono il sistema cardiovascolare, perché il diabete facilita l'ispessimento e l'ostruzione dei vasi sanguigni. Con conseguenze come infarto, ictus, retinopatia diabetica e problemi di circolazione agli arti inferiori, fino alla cancrena. Pelle secca, perdita di peso, necessità di urinare spesso, astenia e aumento della sete possono essere campanelli d'allarme, e richiedono un accertamento sui livelli di glucosio nel sangue." Per questo a Rimini, l'11 novembre, le Farmacie Comunali Alliance in collaborazione con il centro Antidiabetico dell'Ospedale di Rimini e con medici di Medicina Generale allestiranno un ‘presidio' nella Vecchia Pescheria, in piazza Cavour, dove dalle 9.30 alle 18.00 medici e farmacisti saranno a disposizione per consulenze, sarà possibile effettuare lo screening della glicemia, ricevere il "diario Alimentare" e opuscoli con le regole da seguire in caso di malattia, e saranno distribuiti campioni di alimenti e dolcificanti senza zucchero.

mer 19 dic 2012 - Notizia di attualità

Tutti i bambini del mondo hanno diritto a essere felici; è un diritto sancito da molte Costituzioni, riconosciuto dall'ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite) nella "Dichiarazione Universale dei Diritti Umani" e difeso dall'UNICEF (Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia). Essere felici significa: vivere nella libertà e nella pace, desiderare di migliorare la propria condizione (avere cibo, acqua, vestiario, abitazione, medicine ...) e sviluppare la propria personalità nel rispetto reciproco, nella giustizia,nell'istruzione, ma soprattutto nell'affetto dei genitori e degli amici. 

mer 16 gen 2013 - Notizia di attualità - scritto da Piccari Nando

Pur avendo Giorgio Alessi vissuto questi ultimi anni in riservatezza e lontano dalla scena pubblica, sono in tanti a ricordarne il lungo e proficuo impegno civile (perché tale è la politica così come l'ha vissuta Giorgio, e noi insieme a lui) che l'ha portato, ragazzo del popolo cresciuto in una famiglia di profondi sentimenti progressisti e democratici, a diventare via via Segretario della Gioventù Comunista, Segretario della Federazione Riminese del PCI, Consigliere Comunale e Provinciale, Vice Presidente del Circondario, Consigliere e Assessore Regionale, esponente Regionale di Confesercenti.
Egli ha rappresentato per noi, più giovani di lui, un punto di riferimento sia nel contatto e nel dialogo con le precedenti generazioni di dirigenti comunisti, sia per la nostra crescita politica che era insieme anche esistenziale, come inevitabile in quell'intensa e quotidiana mescolanza di impegno politico e vita vissuta.
Insieme abbiamo condiviso la gioia di tante vittorie e l'amarezza di immancabili sconfitte. Da lui abbiamo appreso la tenacia nel perseguire gli obiettivi, ma senza la presunzione di sentirsi invincibili, perché riconoscere il senso del limite è una dote necessaria, in politica come nella vita.

mer 13 feb 2013 - Notizia di Riccione - scritto da Redazione

Parlare di tasse, soprattutto in questo momento, è tema assai delicato. Ma c'è un'imposta che più di altre sta provocando malumori e preoccupazione creando un clima di tutti contro tutti che, come spesso capita in questi casi, alla fine non giova a nessuno. Stiamo parlando della tassa di soggiorno, argomento all'ordine del giorno da qualche mese, ma che l'Amministrazione riccionese, dopo i rinvii del 2012, sembra intenzionata ad applicare per la prossima stagione turistica. Tra le vibranti proteste degli albergatori. Fin qui stiamo parlando di un film già visto, sia a Riccione che in altri comuni della Riviera, dove ragionare tutti insieme evitando di creare ridicole disparità a pochi chilometri di distanza è un'utopia che si inchina al sempre sacro campanile. Ma nella Perla Verde la polemica è andata ben sopra le righe, finendo per mettere le une contro le altre le categorie economiche cittadine. Se lo scorso anno alla fine tutto si risolse con la proposta condivisa dall'Associazione Albergatori di rimodulare le aliquote IMU, applicando l'aliquota più alta agli alberghi per evitare di gravare sulle tasche di turisti già tartassati e sulle imprese già in ginocchio, quest'anno le cose stanno andando in modo decisamente diverso. Nelle scorse settimane infatti il Sindaco Pironi ha incontrato i rappresentanti di CNA, Confartigianato, UPA, Confesercenti e Confcommercio per presentare il bilancio 2013 in cui è prevista la tanto temuta tassa. Dall'Amministrazione fanno sapere che "le politiche economiche sono volte a non variare la pressione fiscale sui residenti, la quale continua ad attestarsi ai livelli minimi territoriali, e a lasciare invariata l'aliquota IMU.

mer 27 feb 2013 - Notizia di cultura - scritto da Barlaam Lorella

Venerdì 1 marzo per "I maestri e il tempo" Pier Giorgio Pasini terrà una lectio su "Giovanni Laurentini detto l'Arrigoni. Pittura e devozione al tramonto del Manierismo". Nel 2004 l'Arrigoni era stato uno dei protagonisti della mostra "Seicento inquieto. Arte e cultura a Rimini", curata da Pasini. «Ma bisogna tornare a parlarne» spiega il nostro più grande storico dell'arte, «perchè è stato un pittore importante ed a Rimini è quasi sconosciuto. Della sua biografia - riflette - conosciamo pochissimo, sappiamo che era nato a sant'Agata Feltria intorno al 1550, che è morto nel 1663, a 83 anni. La sua prima opera conosciuta è il San Michele Arcangelo che vince il demonio nella chiesa dei santi Bartolomeo e Marino detta di Santa Rita, del 1570 o 1579 - la data è parzialmente nascosta dalla cornice - che ci permette di stabilirne l'educazione. L'influenza sembra marchigiana, più da parte degli Zuccari che del Barocci, con manierismi di gusto romano... poi non abbiamo più sue notizie fino alla fine del secolo, quando la sua pittura si rivela diversa, influenzata sempre da pittori marchigiani come Picchi o Barocci, ma capace di mescolarne le caratteristiche in un mix originale.» Che Rimini era, quella del tempo? «Essere nato a metà del ‘500 voleva dire crescere in una città depressa, che aveva perso il suo ruolo di capitale, con una nobiltà che si dava molte arie ma aveva pochi soldi, senza industria e con traffici poco vivaci. Dalla morte dell'ultimo dei Coda fino al Carracci c'è stato un momento di vuoto assoluto per quanto riguarda gli artisti locali. Da qui, l'importanza di Arrigoni, che ha lavorato moltissimo anche fuori Rimini, piaceva al clero, alla nobiltà, al potere laico che gli hanno dato un grande credito. Forse anche perché aveva sposato una nobile, donna Porzia Olfi. Una cosa eccezionale per quel tempo, in cui i pittori erano ancora considerati semplici artigiani. Del suo lavoro la guerra ha poi fatto scempio, e resta pochissimo. A Rimini c'è un san Giacinto nella sagrestia della Chiesa dei Servi (1594), in san Bernardino San Bernardino presenta al papa il monogramma del nome di Gesù (1600), al Suffragio - ma in canonica - una Fuga in Egitto del 1605, alle Grazie un Presepio del 1606, mentre al Museo della Città è esposto il Cristo che consegna le chiavi a san Pietro, del 1600.

mer 13 mar 2013 - Notizia di attualità - scritto da Redazione

Lo sport contro il razzismo. Dopo aver trattato su queste pagine l'intercultura e valori quali l'amicizia e il rispetto nelle loro più varie sfaccettature, su questo numero abbiamo deciso di sottolineare l'importante ruolo svolto dal gioco e dallo sport nel veicolare messaggi di uguaglianza e rispetto per identità e diversità. Per farlo abbiamo coinvolto come sempre gli alunni delle scuole elementari che hanno espresso attraverso disegni e frasi il loro pensiero sullo sport e sul valore che può avere nell'unire culture diverse attraverso il rispetto delle regole, la forza nel formare un gruppo e aiutare il proprio compagno.
L'idea si collega alla "Giornata Mondiale contro il razzismo" in programma domenica 24 marzo, un'iniziativa della Provincia di Rimini (Assessorato all'Immigrazione) in collaborazione con Uisp Rimini Associazione Arcobaleno e Tavola della Pace Rimini, Chiamami Junior, Autside Social Football e Centro Regionale che prevede dalle 9.30 alle 12.30 in piazzale Fellini giochi, laboratori didattici ed esposizioni tutte a tema "L'intercoltura dello sport". I lavori presenti su queste pagine saranno esposti durante la giornata.

http://www.chiamamicitta.net/documentiPDF/chiamami%20junior%20706.pdf

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - è