ARTICOLI CHE PARLANO DI GIULIO_NATALI

mer 30 giu 2010 - Notizia di sport - scritto da Pirroni Enzo

Giulio Natali giunse a Rimini nella stagione calcistica 1968 - 69. Era un Rimini fortemente rinnovato quello che il presidente Guido Belardinelli aveva allestito affidandolo all'esperto allenatore Ugo Lamanna. Tra i volti nuovi (Josio, Carelli, Macciò, Faloppa, Rosa) c'era pure quello di Natali, un terzino di vent'anni, (Giulio è nato a Borgosatollo, in provincia di Brescia il 7 settembre 1947) il quale immediatamente seppe accattivarsi le simpatie dei tifosi che apprezzarono le sue doti di coraggio, di lealtà sportiva ed il suo attaccamento ai colori sociali.
Ricordando Giulio Natali, preciso, che non si parla di un fuoriclasse ma di un vero atleta. Un uomo che (come tanti di noi) appartiene ad un mondo ormai scomparso il quale trapela soltanto da certi racconti per ricordare come quei valori - la lealtà, il senso dell'amicizia, l'etica semplice e rigorosa, la "leggerezza agonistica"- non sono andati perduti. Per nove stagioni il terzino lombardo, fu un punto fermo nell'organigramma della nostra squadra. Passavano gli anni, cambiavano i protagonisti, si avvicendavano i tecnici ma il generoso difensore era lì puntuale, implacabile, generosissimo trascinatore, sempre disposto a gettarsi nella mischia senza nessuna paura, senza mai evitare uno scontro, un tackle, un contrasto. A quei tempi l'attaccamento, il senso di appartenenza erano sentimenti forti ed il pubblico li apprezzava. 

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2010  - č