ARTICOLI CHE PARLANO DI FESTA_DE_BORG_2010

mer 25 ago 2010 - Notizia di Zeinta de Borg - scritto da Cicchetti Stefano

Allora per noi era così. Non c'era scelta, cosa dovevamo fare? Eppure ci riesce difficile capire quanti, oggi, si trovano stretti nella stessa tenaglia. O partire o fare la fame. O finire in guerra, o in galera per delle idee politiche, o piantare tutto e sperare nella fortuna.
Allora, a metà Ottocento, i primi a dover alzare i tacchi da una patria che ancora non c'era, che anzi si agognava, furono proprio i politici. Con i romagnoli, naturalmente, in prima fila. A sciamare per mezza Europa e "nelle Americhe". Poi la patria alfine si fece, ma i guai non finirono. E a dover partire furono migliaia, milioni. Trenta milioni, durante la storia dell'Italia unita.
Storie del XIX secolo? Macchè. 
Ancora nei primi anni ‘70 del Novecento, gli italiani continuano a varcare le frontiere a legioni e non certo per turismo. Anche qui nel riminese, nel bel mezzo del boom economico, per una ragazza di campagna o dei paesi delle valli "andare a servizio" era la normalità. E se il servizio era presso una famiglia di signori di Bologna, Parma, Milano, Roma, beata quella ragazza! Magari reclutata e provata nei villini delle villeggiature, poi praticamente acquistata dalla famiglia benestante. E pazienza per i "pericoli", le chiacchiere del paese, i legami con la famiglia d'origine ormai spezzati.

Chiamamicittà - via Caduti di Marzabotto, 31 - Rimini - 0541 780332 - Fax 0541 780544 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 10.000,00 i.v.
Programmazione: Studio Web 2.0 Copyright ©2014  - Progetto grafico: Inéditart