ARTICOLI CHE PARLANO DI ALCANTARA

gio 03 giu 2010 - Notizia di cultura - scritto da Barlaam Lorella

"A mezz'aria", l'ultimo spettacolo del Laboratorio Psicosociale del gruppo Alcantara, comincia con Max che tiene sospesa col fiato una piuma rossa. Questo è il senso del prezioso lavoro di Alcantara negli ultimi dieci anni, uno spazio laboratoriale per il disagio mentale che ha generato una vera e propria "forma" espressiva, in cui l'individualità di ognuno degli attori è la cifra di un teatro potente e necessario. Che trasfigura il "corpo sociale" del disabile, con le sue limitazioni, nel corpo poetico dell'attore, creatore di significati. Da un teatro dell'Essere, che restituisce visibilità al disabile sulla scena del mondo, a un teatro degli Esseri, che della loro unicità si nutre e assume forma artistica. Perché, come spiegava Enzo Toma, uno dei registi che ha segnato il percorso permeabile alle intelligenze del Laboratorio, "loro sono dei".

mer 17 nov 2010 - Notizia di Santarcangelo - scritto da Redazione

Il Teatro Sociale di Novafeltria da qualche anno è centro di iniziative rivolte alla disabilità mentale, dalla rassegna "Teatro e diversità" curata dal professor Vito Minoia dell'Università di Urbino, a workshop e laboratori. Quest'anno la conduzione dei percorsi laboratoriali è stata affidata a Damiano Scarpa di Alcantara Teatro di Rimini, che insieme ad Anna Rita Pizzioli, che ne segue gli aspetti drammaturgici, da più di dieci anni propone a Rimini un'esperienza diversa di approccio al disagio mentale, sempre duttile e sperimentale, basata su una solida riflessione teorica e tecnica. Che, mettendosi in rapporto con la diversità, la trasforma in cifra stilistica ed espressiva, permettendo l'espressione del vissuto di ciascuno. Nei laboratori teatrali Alcantara, che non hanno finalità strettamente terapeutica, si ricerca una modalità comune di espressione e comunicazione, durante la quale non c'è un "addestramento" da educatore ad educato, mediante l'uso di diverse tecniche espressive, ma un indagare le diverse possibilità del movimento, che può diventare gesto, e della parola. A Novafeltria, da dicembre a maggio, Alcantara terrà un laboratorio espressivo di teatro integrato, attraverso una metodologia simile a quella ampiamente rodata con il gruppo di Rimini, in cui la messa in scena non è stabilita a priori ma nasce dal lavoro condiviso.

mer 01 giu 2011 - Notizia di cultura - scritto da Barlaam Lorella

Gli "Universi Sensibili" sono la cosmogonia portatile di Antonio Catalano, artista/artigiano della casa degli Alfieri di Asti, cantiere aperto di esplorazioni tra teatro e arti visive. Una presenza singolare nel teatro italiano, che costruisce occasioni di poesia, trasfigurando storie e oggetti quotidiani. Dalla condivisione di questo sguardo è nato l'incontro con il Laboratorio Psicosociale Alcantara. E "Il villaggio delle case sensibili", evento unico che, in collaborazione con l'Istituzione Musica Teatro Eventi, l'11 giugno al tramonto nel Complesso degli Agostiniani darà momento e luogo al mondo "fragile" nato dal lavoro di un anno. «Una sorta di laboratorio, ma in un laboratorio c'è un maestro, ruolo cui non tengo» racconta Catalano. «Piuttosto un'esperienza, vissuta con ragazzi che hanno una particolare, diversa attenzione nei confronti della realtà. Fatta di silenzio, di riflessione, insieme interiore e superficiale. Che alternano alto e basso, dicono cose stupende nella banalità, creando cortocircuiti. Io ho portato loro la mia esperienza, cercando il più possibile di non fare psicodrammi esercizi ma di far succedere qualcosa sul momento. Arrivavo senza preconcetti, disarmato. Damiano Scarpa ha fatto il grosso del lavoro, io sono arrivato qui e là ho dato qualche idea, suggestioni, scarabocchi...» Come si è svolto il percorso? «Proviamo a immaginarlo come un aereo da pilotare: io do alcune regole e i passeggeri a volte sbilanciano l'assetto, mentre cerco di mantenere la rotta. Verso dove? E' un mistero, un viaggio strano: ognuno ha una sua rotta, non c'è strategia. Poi siamo atterrati in un "villaggio fragile", in cui la fragilità che siamo può diventare un atto poetico

gio 03 mag 2012 - Notizia di cultura - scritto da Barlaam Lorella

Il 15 maggio alle 21.00 al Teatro degli Atti il Laboratorio Stabile Alcantara porta in scena "Il silenzio di Antigone". Uno studio teatrale in tre movimenti che, partendo dal seminale testo di Sofocle, indaga il "conflitto indecidibile" tra Creonte e Antigone, personaggi che "suscitano, esemplificano e polarizzano gli elementi primari del discorso sull'uomo e sulla società com'è stato affrontato in Occidente" (Steiner). Più che "teatro della diversità", un esperimento di creazione in progress: la compagnia ormai rodata del Laboratorio Psicosociale ha lavorato facendo esperienza diretta delle ragioni dei personaggi. E dalle parole e gesti dei partecipanti al laboratorio è nato "Il silenzio di Antigone", la "loro" versione dei fatti. Con la regia di Damiano Scarpa e le coreografie di Claudio Gasparotto. Per info: 0541 727773

mer 27 mar 2013 - Notizia di cultura - scritto da Barlaam Lorella

Nasce dai desiderata dei disabili, la nuova guida interattiva della Domus del Chirurgo che sarà presentata al Museo della Città il 5 aprile alle 16.30. Un format rivolto all'handicap mentale ideato nell'ambito del Progetto Europeo C.L.E.A.R., che potrebbe trovare applicazione in tutti i luoghi culturali, per ‘gestirne' la visita in autonomia. "Quattro sassi" il nome del progetto, di cui è stato promotore il Centro Zavatta di Rimini, l'output è un video interattivo su tablet che, passo passo, permetterà di vivere la storia e i personaggi della Domus del Chirurgo.
«Era necessario mettere a punto uno strumento che non chiedesse modifiche agli spazi né li invadesse, autonomo nell'uso, e il nostro lavoro si è concentrato sull'audiovideoguida» mi spiega Anna Pizzioli del Gruppo Alcantara, che ne ha curato la ‘drammaturgia', mentre Zaffiria ha tradotto il tutto in forma multimediale. «Per realizzarla c'è voluto un anno e mezzo. Nella prima fase abbiamo coinvolto in percorsi di sperimentazione all'interno di Domus e Museo gruppi di persone di età diversa e con disabilità cognitive differenti, per rilevare gli elementi che destavano maggior interesse. E sicuramente le cose che li colpivano di più erano i riferimenti alla vita quotidiana dell'epoca, che li emozionava e in cui si identificavano, il discorso della morte... anche il titolo, "Quattro sassi", è ispirato alla battuta di un disabile che, entrato nella Domus, ha detto: "ma ci avete portato qui per vedere quattro sassi?". Per fortuna - sorride Anna - poi si è ricreduto.

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - č