AUTORE Costantini Claudio

mer 03 dic 2008 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Importanti lavori sono attesi per viale Tripoli in prospettiva dell’apertura del nuovo Palazzo dei congressi. L’importante e bella strada affiancata da filari di platani centenari, l’unica via che va direttamente dal mare al cuore della città, dovrà sopportare una mole di traffico veicolare notevole.

mer 03 dic 2008 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Nel Quartiere numero 2 si concentrano molti degli edifici che ospitano servizi fondamentali per l'intera città: ospedale, tribunale, caserma dei carabinieri e il più grande polo scolastico della città. Alla fine del 2009 sarà finito anche il nuovo palazzo dei congressi.

mer 03 dic 2008 - Notizia di cultura - scritto da Costantini Claudio

Quasi ogni chiesa, meno in quelle moderne, anche in quelle più piccole di paesi e borghi, ha quadri nelle absidi o negli altari laterali raffiguranti scene sacre, santi adoranti, Madonne con bambino o un Cristo benedicente. Quasi mai si trova un cartello anche piccolo che indichi l’autore a meno che non sia uno dei pochi famosi. Sono migliaia in Italia questi quadri di autori sconosciuti e non meno belli perché senza firma. Nessuno ci fa ormai caso e nessuno si chiede chi mai li avrà dipinti quei quadri. Non tutti però, non l’autore del libro “Anastasio da Coriano” Pier Giorgio Pasini.

mer 19 nov 2008 - Notizia di Zenta ad Zìtà - scritto da Costantini Claudio

[Si chiedono agevolazioni per i parcheggi e navette gratuite] I commercianti ritengono che per avviare un discorso che tenda a recuperare una parità di condizione fra il Centro, i Borghi e la Marina da una parte e la grande distribuzione dall’altra, è necessario progettare un piano di servizi...

mer 19 nov 2008 - Notizia di Zenta ad Zìtà - scritto da Costantini Claudio

[{Qualcuno pensa a ricorsi amministrativi} Commercianti preoccupati per l’impatto] La crisi economica globale certamente è una componente negativa che alimenta l’incertezza, ma a questa si sono aggiunti alcuni eventi dovuti esclusivamente a scelte locali che potrebbero frenare quel dialogo...

mer 19 nov 2008 - Notizia di Zenta ad Zìtà - scritto da Costantini Claudio

{Rimini si prepara alle feste natalizie} Tante le aspettative per il 2009] Stanno montando le luminarie del prossimo Natale. Fra poco le vie del Centro saranno inondate di luce e tutti si auspicano che, oltre a mettere allegria negli animi dei cittadini, queste luci possano rischiarare il...

mer 19 nov 2008 - Notizia di Cultura e Teatro - scritto da Costantini Claudio

[{Plaflasmòs} un libro di Cesare Padovani per le edizioni di Diabasis: un viaggio nell’anima della Grecia Martedì 2 dicembre presentazione a San Marino] Noi qui a Rimini se non sappiamo forse il significato di {plaflasmòs} dovremmo almeno conoscere il suono che evoca la parola. Qualche...

mer 05 nov 2008 - Notizia di Borgo S. Giuliano - scritto da Costantini Claudio

[La fonte abbandonata compie un anno] Si passa per via Sacramora e il panorama non cambia, se non in peggio. Il traffico è sempre lo stesso se non maggiore, un via vai assurdo per un’arteria così stretta e urbanizzata. E’ pronta la rotatoria “Conad” accanto al Centro Studi, ma finché non si...

mer 05 nov 2008 - Notizia di Borgo S. Giuliano - scritto da Costantini Claudio

[L’Associazione dei Commercianti del Borgo porta a casa somme importanti] L’Associazione dei Commercianti del Borgo ha questo anno registrato un lusinghiero successo raggiungendo un’ adesione quasi totale da parte degli esercizi presenti. Una adesione che, come sottolinea Arturo Pane, permette di...

mer 05 nov 2008 - Notizia di Borgo S. Giuliano - scritto da Costantini Claudio

[{San Giuliano verso le feste} Torna anche il premio alla casa meglio addobbata] Siamo in novembre, ma chi ha una attività commerciale pensa già a dicembre, al periodo natalizio, alla domanda dei cittadini ed alla propria offerta che deve essere presentata nel migliore dei modo ed essere il...

mer 05 nov 2008 - Notizia di Borgo S. Giuliano - scritto da Costantini Claudio

[{Il cantiere nell’invaso del Ponte} I residenti chiedono di essere informati periodicamente sull’avanzamento delle opere] Tutti quelli che hanno transitato nelle prossimità del ponte Tiberio avranno senz’altro visto i lavori nell’invaso. Lavori che poi si dovranno estendere alla via...

mer 05 nov 2008 - Notizia di Cultura e Teatro - scritto da Costantini Claudio

[Gino Valeriani “Farfalle nella neve”] “Tutto cresce in fretta in queste colline. All’ultima fiera il parroco ha benedetto prima i trattori... Noi al primo maggio si andava a benedire le vanghe, le braccia e le mani”. Tutto, in poche decine d’anni, è cambiato in quella campagna fatta di calanchi...

mer 22 ott 2008 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

[{E’ nata L’Associazione “Borgo Marina”} Commercianti e cittadini di ogni nazionalità insieme per ritrovare l’anima del quartiere] Da qualche tempo Borgo Marina sta percorrendo la strada che lo porterà a riavere il suo posto culturale, sociale e commerciale fra i quattro borghi storici della...

mer 08 ott 2008 - Notizia di Borgo S. Andrea - scritto da Costantini Claudio

[Lavori nelle vie Melozzo e Cignani, Scarpetti nel 2009] La chiusura di via Bastioni Settentrionali per i lavori di sistemazione dell’invaso del Ponte Tiberio, e per due giorni la settimana anche di via circonvallazione orientale, produrrà una modifica radicale del traffico nella zona che...

mer 24 set 2008 - Notizia di Borgo S. Giovanni - scritto da Costantini Claudio

[{La scomparsa di Pierpaolo Guglielmi} Il Borgo San Giovanni perde uno dei suoi personaggi più apprezzati] Qualsiasi iniziativa ed ancor più quelle importanti, hanno successo se dietro c’è l’impegno, la convinzione di persone che con la loro determinazione riescono a superare qualsiasi...

mer 24 set 2008 - Notizia di Borgo S. Giovanni - scritto da Costantini Claudio

[{Una famiglia di centenari nel Borgo San Giovanni} Anche le due sorelle avevano superato il traguardo] La signora Elia Neri il 15 settembre 2008 ha compito cento anni. Le sue due sorelle sono vissute una 106 anni, l’altra 100 e un mese. Il padre era di San Savino, la madre di Rimini, aveva...

mer 24 set 2008 - Notizia di Cultura e Teatro - scritto da Costantini Claudio

[{“Viale Vespucciin un libro di Manlio Masini e Giuliano Ghirardelli} Recuperare la memoria per ritrovare l’anima sopita della Marina di Rimini un tempo la più famosa d’Italia] Una città che rinasce ogni anno da più di un secolo al solstizio dell’estate per poi ripiombare a settembre, dopo i...

mer 24 set 2008 - Notizia di Prima Pagina - scritto da Costantini Claudio

[{In vent’anni è cambiato tanto e ora stanno per arrivare novità ancora più grandi} Una città che guarda il futuro senza rinunciare a sé stessa] Rimini in circa venti anni ha subito importanti trasformazioni. Nel prossimo futuro ne sono previste altre e di grande portata. La crescita della...

mer 10 set 2008 - Notizia di Zenta ad Zìtà - scritto da Costantini Claudio

[I commercianti del Centro: nessun protezionismo, ma ciascuno deve fare la sua parte] Il nostro Centro Storico è tanto più vitale quanto più frequentato dai cittadini e bisogna dare loro le stesse possibilità di accesso e di sosta o almeno simili a quelle che offrono i grandi centri commerciali...

mer 10 set 2008 - Notizia di Zenta ad Zìtà - scritto da Costantini Claudio

[{Addio alla diga della vergogna} Partono i lavori all’invaso di San Giuliano] In questi ultimi anni il Centro Storico nel periodo estivo ha visto crescere costantemente l’affluenza dei turisti e non solo nei giorni di mercato. Non è una meta certamente alternativa, ma complementare con una...

mer 06 ago 2008 - Notizia di Cultura e Teatro - scritto da Costantini Claudio

[L’infanzia all’ombra della miniera di zolfo] Quando uno scrittore o chiunque di noi dopo aver scritto un romanzo, un racconto o le proprie memorie poi le pubblica, ogni lettore può appropriarsi di quelle parole, di quelle storie, ritrovarsi e confrontarsi e - chi leggerà “Primi Passi” di Liana...

mer 06 ago 2008 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

[La kermesse si svolgerà il 4 luglio] Il successo della Notte Rosa del luglio scorso, un milione e mezzo di visitatori sulla Riviera, fa ben sperare in un analogo successo per il prossimo anno. La Provincia ne ha già fissato la data: 4 luglio 2009. La formula non cambierà: una sola notte di...

mer 06 ago 2008 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

[{Gli eventi di agosto} All’Embassy il premio per i quadri più belli in attesa del progetto di recupero] Buone nuove invece per quanto riguarda l’area dell’ex Embassy la cui chiusura dà un’immagine non bella di decadenza. A fine stagione verrà presentato agli operatori il progetto che...

mer 17 dic 2008 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Il regalo di Natale che aspettavano al Borgo Sant'Andrea, ovvero la messa in funzione dei parcheggi in via Cignani e Melozzo da Forlì, arriverà, ma dopo le feste: così, assicurano in Comune. Il ritardo è dovuto solo, cosa tragicamente normale in Italia, a questioni burocratiche. Si deve solo perfezionare un passaggio di proprietà. Una volta attuato, l'Amministrazione non metterà altri indugi alla realizzazione e anche alla "messa a verde" di alcune piccole aree lungo la strada, compreso lo spartitraffico. Fortunatamente non si dovrà aspettare l'inizio lavori delle due palazzine adiacenti il parcheggio. Per quello di Via Melozzo, solo in ottobre è stata completata la bonifica dell'area: nel capannone ora demolito vi era dell'amianto. Anche questa area di sosta sarà completata in parallelo con l'altra poco distante. 

mer 06 ago 2008 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

[I turisti vanno in centro, ma occorrono più segnali] Questo anno più degli altri precedenti i turisti prendono la strada per il Centro Storico di giorno o di sera per far acquisti, assistere agli eventi o visitare i monumenti. E la Domus del Chirurgo è diventata una meta fra le più scelte....

mer 06 ago 2008 - Notizia di Prima Pagina - scritto da Costantini Claudio

[{L’impegno politico e la passione per gli studi} Liliano Faenza non volle mai abbandonare la sua Rimini] Liliano Faenza abitava in una piccola casa popolare in via Balilla a piano terra. Là viveva e custodiva i suoi amati libri, quelli di Croce in prima fila. Faenza è stato un grande...

mer 06 ago 2008 - Notizia di Prima Pagina - scritto da Costantini Claudio

[{Liliano Faenza è morto l’ultimo sabato di luglio} Storico, saggista e commediografo, ha testimoniato come nessun altro il novecento riminese] Sabato ventisei luglio la chiesa del cimitero non era gremita di persone per assistere alla sua funzione funebre. I parenti più vicini nei primi...

mer 23 lug 2008 - Notizia di Borgo S. Giovanni - scritto da Costantini Claudio

D’estate a Rimini è quasi consuetudine rimandare in autunno la polemica sulle cose da fare, ma i problemi, gli interventi non fatti danno mostra di sé anche nella stagione del turismo. Quelli più urgenti riguardano l’arredo urbano, i parcheggi e la viabilità. E in primo luogo la pista ciclabile che...

mer 23 lug 2008 - Notizia di Borgo S. Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Nel 2009 se non vi saranno altri intralci con le ditte costruttrici sarà terminato il nuovo grande e polifunzionale Palazzo dei Congressi. Una opportunità, se si affronteranno i problemi in modo razionale, da non perdere. Il Borgo è una delle quattro porte di accesso alla città, la più importante...

mer 23 lug 2008 - Notizia di Borgo S. Giovanni - scritto da Costantini Claudio

[{Borgo San Giovanni} Tante iniziative anche nel mese di luglio] Non si può dire che il borgo San Giovanni in queste settimane estive manchi di iniziative che coinvolgono i suoi abitanti, quelli della città e naturalmente i turisti. La parrocchia e il comitato esercenti sono molto attivi con...

mer 09 lug 2008 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

[Mentre si discute sui progetti “in grande” gli operatori chiedono piccoli interventi ma subito] Naturalmente tutti gli operatori di Marina Centro hanno seguito con estrema attenzione la presentazione ed il contenuto dei progetti che dovranno cambiare la fisionomia dell’intera zona. Se ne parla...

mer 09 lug 2008 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

[{Marina Centro nel cuore dell’estate} La crisi economica spaventa, si spera nel meteo] Marina Centro insieme alle altre località della Riviera incassa il grande e crescente successo della Notte Rosa. Le condizioni atmosferiche, il tamtam della gente, il mare di eventi hanno portato sulla...

mer 09 lug 2008 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

[L’ex locale da ballo affidato al comitato turistico] Rimangono purtroppo anche questo anno gli stessi, anche se non gravi, problemi del 2007, ma che se non affrontati potrebbero causare difficoltà e seri disagi. La sistemazione dei parcheggi: i commercianti domandano perché si deve pagare sul...

mer 09 lug 2008 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

[E a Borgo Marina si fa sentire il positivo “effetto Domus”] Borgo Marina sta da qualche anno aspettando un suo risveglio e qualche segnale comincia a vedersi primo fra tutti la volontà della gente e dei gestori delle attività commerciali di vivere in un quartiere normale ordinato dove la gente...

mer 14 gen 2009 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

Messe nelle casse le luminarie natalizie, San Giuliano torna alla "normalità", con i problemi di sempre, ma anche con una più diffusa coscienza delle potenzialità dell'intero quartiere. Per la sua collocazione, a pochi passi dal Centro, il Borgo è diventato un luogo assai ambito oltre che per risiedervi anche per gestire o avviare una attività commerciale. Qui non vi sono negozi chiusi come in altre parti della città con la scritta affittasi.

mer 14 gen 2009 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

L'invaso del Ponte, e i lavori che là si stanno eseguendo, forse attualmente è il luogo più fotografato e osservato di Rimini, come se da un momento all'altro dovessero affiorare non si sa quali vestigia. E gli spettatori non hanno tutti i torti. La zona archeologicamente è molto sensibile. Quando via Bastioni vedrà abbassata la sua sede stradale, per diminuire le spinte sulle mura, affioreranno le antiche pavimentazioni fatte con ciottoli di fiume, due fosse granarie e il condotto sotterraneo medioevale per accedere alle banchine del porto. All'inizio del ponte gli scavi potranno mettere in luce l'antica porta della città sulla Via Emilia, la Porta Gallica o di San Pietro, che esisteva almeno dal 1071 come annotava Luigi Tonini in "Rimini dopo il mille".

mer 14 gen 2009 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

Fra le diverse iniziative del Borgo a Natale, quella della "La chesa adubeda", il concorso per la casa con i migliori addobbi natalizi, è stata quella che ha più coinvolto gli abitanti e le varie realtà imprenditoriali presenti nel quartiere. Per scegliere "la migliore" un corteo di borghigiani al cui interno si mimetizzava la giuria, accompagnato dalle cantiche dei "Cantori della Tradizione", ha percorso le vie del Borgo. Durante il tragitto privati cittadini ed esercizi pubblici offrivano bevande e vin brulè. Il corteo passava casa per casa, specialmente dove vi erano persone anziane e sole, a fare gli auguri di buon Natale. I commercianti poi, ognuno secondo le sue peculiarità, hanno riempito cesti per i premi. La premiazione si è svolta il sabato successivo con una festa organizzata dalla parrocchia, dalle Acli e dalla Società de Borg al cinema Tiberio.

mer 25 giu 2008 - Notizia di Borgo S. Giuliano - scritto da Costantini Claudio

Continuano ad arrivare al nostro giornale come agli altri di Rimini, lettere di residenti e turisti per sapere che fine farà la Fonte Sacramora. Non si capisce nemmeno più perchè la via porti quel nome. Erano molti gli ospiti di Viserba che d’estate avevano l’abitudine di riempirsi una bottiglia...

mer 25 giu 2008 - Notizia di Borgo S. Giuliano - scritto da Costantini Claudio

Nei mesi di luglio ed agosto, il Borgo ha preparato una serie di eventi dal nome “Il Ponte Sotto Sopra”. Riminesi e turisti saranno accompagnati in un percorso fra storia e tradizione con mostre ed esposizioni di artisti locali: il 5 ed il 19 luglio, il 12 ed il 16 agosto dalle 20,30 alle 23,30....

mer 25 giu 2008 - Notizia di Borgo S. Giuliano - scritto da Costantini Claudio

[{Intervista a Paola Taddei Assessore ai lavori pubblici, mobilità e qualità urbana del Comune di Rimini Nel 2010 sarà pronto il progetto per il nuovo attraversamento del Marecchia Dove? Vicino al Ponte di Legno] Verso la fine della scorsa settimana gli abitanti del Borgo San Giuliano hanno...

mer 25 giu 2008 - Notizia di Borgo S. Giuliano - scritto da Costantini Claudio

[{Nel Borgo San Giuliano appuntamenti fino al 5 luglio} Successo per i percorsi del venerdì sera] Un notevole successo ha avuto l’iniziativa “Borghi in Festa” che si ripeterà nei prossimi venerdì fino al 5 luglio il giorno della Notte Rosa. Il Borgo si è riempito di turisti e riminesi per...

mer 11 giu 2008 - Notizia di Borgo S. Andrea - scritto da Costantini Claudio

[{Le presentazioni dei tre plastici il 13, 16 e 27 giugno} Intervista al vice sindaco Maurizio Melucci sui project financing che dovrebbero cambiare faccia alla città] Arrivano i progetti per la nuova Marina Centro. Tre proposte per due project financing, “la realizzazione di un sistema di...

mer 11 giu 2008 - Notizia di Borgo S. Andrea - scritto da Costantini Claudio

[Un gruppo di amici uniti dalla passione per la musica] La vita dei borghi, la loro identità è fatta dalla somma degli avvenimenti che in quel luogo si producono, dalle imprese e dal lavoro delle persone, ma anche da ciò che di creativo queste sanno esprimere. Quest’anno ricorre il 30mo...

mer 11 giu 2008 - Notizia di Borgo S. Andrea - scritto da Costantini Claudio

[Feste, sport e piacere di stare insieme fino a tutto settembre] Fino al tutto il mese di settembre tutte le domeniche pomeriggio feste, animazioni, spettacoli, sport e cena al sacco o al ristorante al Campo di Don Pippo il polmone verde del Borgo Sant’Andrea. Il “cartellone” di giugno prevede:...

mer 11 giu 2008 - Notizia di Borgo S. Andrea - scritto da Costantini Claudio

[Mentre la legge 41 perde finanziamenti] Una nuova realtà commerciale è sulla strada, ormai senza ostacoli della sua realizzazione, e sebbene a qualche chilometro del Borgo Sant’Andrea preoccupa non poco molti commercianti. Il nuovo insediamento si chiama Ikea e sorgerà vicino al Centro...

mer 11 giu 2008 - Notizia di Cultura e Teatro - scritto da Costantini Claudio

[{“Balcanica”, da un progetto ad un libro} Le due rive dell’Adriatico imparano (di nuovo) a comprendersi] Appena si pronuncia la parola Balcani la mente va inesorabilmente, come per riflesso condizionato, alla cronaca, ai libri di storia, a Gavrilo Princip, ai conflitti interetnici....

mer 28 mag 2008 - Notizia di Zenta ad Zìtà - scritto da Costantini Claudio

[{A Rimini centro dove si scava si trova qualcosa} a Sotto il vano caldaie spunta un pavimento romano] Palazzo Lettimi (vedi articolo a pag. 2), aspetta un indispensabile intervento. Ora l’interno è preda delle erbe e il giardinetto così detto “Degli Aromi” non rispetta certo il nome,...

commenti a questo articolo commenti ( 1 )
mer 28 mag 2008 - Notizia di Zenta ad Zìtà - scritto da Costantini Claudio

[{L’edificio era stato distrutto dai bombardamenti} Fra qualche settimana al via i lavori di recupero di quel che resta del Palazzo Bianchelli] Percorrendo via Mentana da piazza Tre Martiri verso piazza Teatini sulla destra dopo circa una trentina di metri, se si sta attenti, si può veder una...

mer 28 mag 2008 - Notizia di Zenta ad Zìtà - scritto da Costantini Claudio

[{Si punta a tenere aperto il centro storico anche d’estate} Iniziative speciali per tutto giugno] Le vie del Centro di sera sarebbero vuote e senza vita se non fosse per i bar, trattorie, enoteche, street bar che attirano centinaia di giovani e non. Possono, è vero, creare qualche fastidio...

mer 28 mag 2008 - Notizia di Zenta ad Zìtà - scritto da Costantini Claudio

[{Esiste almeno dal 1937} In lizza un’offerta bengalese ed una cordata italiana] Non più di una settimana fa si poteva leggere sui quotidiani l’intenzione di alcuni commercianti e dei residenti di Borgo Marina di rivitalizzare l’area allontanando un possibile degrado. Tutti sanno che in...

mer 28 gen 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

San Giovanni fra qualche tempo comincerà a prepararsi per la sua biennale “festa del Borgo”. Questa edizione dovrà fare a meno del compianto Pierpaolo Guglielmi, anima dell’evento. Ma siamo sicuro che la sua energia positiva si è travasata in molti altri collaboratori che costruiranno una “festa” sempre più bella e popolare. Sempre la prossima estate il Comitato Esercenti riproporrà “Borgo sotto le stelle”, serate di spettacoli e gastronomia. Nel 2009, poi, dovrebbero essere compiute due realizzazioni importanti per la fisionomia e la storia del Borgo: il restauro di Palazzo Ghetti e il ricollocamento degli obelischi in corrispondenza con l’antico ponte sull’Ausa.  

Uno degli edifici storici più belli di Rimini, il Palazzo Ghetti, ora sede della Banca Malatestiana, in questi ultimi anni è stato oggetto di diversi interventi architettonici che hanno recuperato prima la facciata poi l’interno. Entro il corrente anno saranno terminati quelli sulle ali posteriori - trasformate nei primi decenni del secolo scorso in appartamenti, utilizzati anche dai terremotati del 1916 - seguendo un metodo scientifico e con la supervisione della Sovrintendenza. Sarà quindi riaperto il passaggio che permetterà di accedere ai parcheggi dell’ex consorzio agrario. Nella corte centrale è previsto un interrato per i servizi.

mer 11 feb 2009 - Notizia di Riccione - scritto da Costantini Claudio

Ottanta anni fa, il 17 gennaio del 1929 una delle più belle imbarcazioni da pesca della nostra costa, la “Bruna”, l’ammiraglia della flotta peschereccia di Riccione, in una notte di fortunale affondava trascinando con sé cinque vite nel fiore degli anni, il comandante e quattro marinai. Per Riccione fu la più grave tragedia della sua marineria. Il trabacolo fu individuato sei mesi dopo e poi recuperato con i corpi dei marinai:  il capobarca  Secondo Tomassini (Pirulèin), Paolo Ceccarelli, motorista, Giulio Gennari, Roberto Pronti, Ubaldo Righetti. La “Bruna” fu poi riparata e continuò la sua pesca.

mer 11 feb 2009 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Non è solo questione del giovedì. E non si tratta solo di circolazione stradale. E’ in ballo la salute: la nostra, innanzi tutto, e poi anche quella del centro storico di Rimini, con le sue opportunità commerciali e il suo insostituibile ruolo sociale e culturale. Una soluzione alla mobilità delle persone bisogna trovarla e senza che queste due esigenze vengano in contrasto. Tentativi se ne sono fatti e tutt’ora si stanno sperimentando progetti per coniugare l’aria pulita e la possibilità di accesso al Centro Storico. Rimini ha una carenza cronica di parcheggi e quando vengono indicate aree adatte passano comunque anni prima della loro realizzazione. Quest’anno si è cercato di apprestare concretamente un sistema di trasporto ecologico per portare i cittadini, nei giovedì senza traffico, dai luoghi di sosta in periferia, al centro. 

mer 11 feb 2009 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Se tutti i progetti già pronti o in cantiere dovessero andare a buon fine nel giro di tre, cinque anni, Rimini si potrebbe offrire ai visitatori con un volto davvero nuovo. I lavori dell’invaso del ponte Tiberio (termine dell’opera prevista fra 400 giorni circa) restaureranno le mura medioevali, la via Bastioni, il Ponte e l’invaso sottostante, e riporteranno alla luce manufatti romani e medioevali. L’area, già meta di numerosi visitatori, diventerà ancora più frequentata.

Vi è poi un progetto finanziato dalla Fondazione Carim per far riemergere il fossato del Castello dei Malatesta con la possibilità, tutta da verificare, di costruire un grande parcheggio sotterraneo.

mer 25 feb 2009 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Rimini come noi tutti sappiamo ha una lunga e antica storia. Epoche si sono stratificate le une sulle altre e così i nomi di quartieri e località. In questi anni con la rinascita dei Borghi, molte parti della città hanno voluto indagare meglio sulla propria storia, spesso dimenticata, sui luoghi di origine, sui nomi e sui toponimi. Al Borgo Sant’Andrea, che già da alcuni anni sta ricercando e ricostruendo la sua storia lontana e più recente, mercoledì 4 febbraio, in occasione della mostra e proiezione del catalogo filmato sulla “loro” Fornace, si è dato vita ad una petizione. Lo scopo è di ridare al luogo, all’incirca dove sorge il nuovo palacongressi, denominato il “Raggio Verde”, il suo antico nome: “Terrirorio della Ghirlandetta”.  Per rimanere in tema anche la strada, ora via della Fiera - si legge sempre nella petizione - dovrebbe diventare “Strada della Ghirlandetta o Isotta” e il laghetto del Peep “Cava della Fornace” com’era in origine. La documentazione storica è ricostruita nel bel libro di Oreste Delucca edito da Luisè “I Poderi della Ghirlandetta, dai Malatesta ai fratelli Davide e Luigi Fabbri” e nel lavoro di Manuela Fabbri sulla storia della “Fornace Fabbri”, prima grande industria della nostra città.

mer 25 feb 2009 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

I giovedì senza traffico, le isole pedonali, le macchine poco inquinanti, i parcheggi scambiatori, sono tutti elementi che per ora sfiorano solo un grande problema che tutte le città dovranno prima o poi affrontare: l'inquinamento dell'aria, l'intasamento dei veicoli nelle ristrette aree cittadine e la necessità vitale dello spostamento di persone e merci. Rimini sta per varare - doveva essere pronto per la fine del 2008 - un grande piano urbano della mobilità. "L'Amministrazione - come ha sottolineato Paola Taddei assessore ai lavori pubblici, mobilità e qualità urbana del Comune di Rimini - dà priorità alla mobilità lenta ed al trasporto pubblico locale con l'obiettivo di ridurre i mezzi circolanti ad uso privato. Si possono creare nuove abitudini come quella dell'uso di mezzi alternativi alla macchina nel percorso casa-lavoro, casa-scuola". 

mer 25 feb 2009 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

mer 25 feb 2009 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

mer 25 feb 2009 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Sabato 28 febbraio la Parrocchia San Gaudenzo ricorda il primo anniversario della morte del suo Parroco Mons. Alvaro Della Bartola: era nato il 28 febbraio 1939, è deceduto il 29 febbraio 2008.

Don Alvaro era molto amato dalla sua gente ed ha lasciato un grande ricordo nel cuore dei parrocchiani e dei numerosi amici incontrati negli anni dell’insegnamento nella scuola, del ministero come assistente della Gioc e degli altri incarichi diocesani: era stato Vicario urbano per la città di Rimini; negli ultimi anni era Direttore dell’Ufficio di Diocesano di Pastorale Sociale.

mer 14 mag 2008 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

[{Marina centro}] [Il quartiere chiede sicurezza e la caccia ai campanellari è già iniziata] Alla bella manifestazione “Marina Centro in Fiore” dello scorso fine settimana, fra coloro che affollavano le numerose esposizioni floreali si sentiva diversi parlare francese, tedesco, inglese, ma...

mer 16 apr 2008 - Notizia di Borgo S. Andrea - scritto da Costantini Claudio

[{Il polmone verde del Borgo Sant’Andrea}] [In duemila alla {Festincontro} nel campo di Don Pippo] Chiunque passasse per Sant’Andrea avrebbe difficoltà a credere che questo borgo sia uno dei meglio attrezzati dal lato dello sport. Questo suo onorevole posto in classifica lo deve a Don Pippo...

mer 25 mar 2009 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

L’attenzione degli imprenditori del commercio e delle associazioni verso il centro storico, non è mai stata così intensa e puntuale come in questi ultimi anni. La grande distribuzione ed ora la pesante crisi economica stanno creando difficoltà e timori a tutti i negozi del cuore di Rimini. Sono più i negozi che chiudono rispetto a quelli che aprono. La difesa della vocazione commerciale del Centro storico è diventata per le associazioni di categoria l’ultima frontiera, l’ultimo baluardo che, se abbandonato, procurerà lentamente un degrado della varietà e qualità dell’offerta, con grande danno all’immagine della città. Si sente quindi sempre  più impellente il bisogno di attivare una stretta sinergia tra pubblico e privato. Rimettere in funzione la concertazione per approntare le strategie e gli interventi relativi.

mer 25 mar 2009 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

La difficoltà di accesso e le limitate e non collegate aree di sosta, problemi che affliggono il Centro Storico e  ne penalizzano la sua offerta commerciale, stanno per essere affrontate con più decisione. Finalmente vanno in porto i project financing per la realizzazione dei parcheggi dell’area “Scarpetti” e “Italo Flori”. L’inizio dei lavori è previsto per entrambi i progetti entro il 2009 che si concluderanno poi nel 2010 per il secondo e nel 2013 per il primo.

mer 25 mar 2009 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Una notizia positiva arriva dall’Unione Europea che ha messo a disposizione cospicui fondi per la valorizzazione dei Centri Storici che si sommano a quelli regionali. Si parla di 4,8 milioni per la provincia, di cui circa 2 per la città di Rimini. Una boccata d’ossigeno e un’occasione per le attività commerciali che possono essere aiutate a riqualificarsi. Il contributo può coprire fino al 50% dell’intervento che deve avere un importo massimo di 200 mila euro. L’Amministrazione ha già incontrato le categorie per concertare il tipo di progetti da presentare che dovranno essere poi consegnati prima dell’inizio della prossima estate.

mer 25 mar 2009 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Dal 23 marzo le vie Dario Campana , via Gessi, via Massaia, via Duca degli Abruzzi e via Cecchi saranno interessate da lavori per la loro messa in sicurezza e per favorire la mobilità lenta dei pedoni e delle biciclette. L intervento, richiesto con insistenza dagli abitanti e dall’unanimità dei consiglieri della Circoscrizione n. 4, avrà la durata di circa tre settimane. Saranno consentite le soste in uno solo dei lati delle strade: Via Massaia, Via Duca degli Abruzzi nel tratto da Via Marecchiese a Via D. Campana, Via Cecchi nel tratto da Via Bottego a via D.Campana. Alcuni stalli dell’area  tolti dal nuovo assetto stradale verranno rimpiazzati da 19 piazzole di sosta nell’area ex caserma dei Vigili del Fuoco.

mer 08 apr 2009 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio


San Giuliano in questi anni ha lavorato intensamente per far rinascere le sue tradizioni, i suoi valori; insomma la sua anima, che con il tempo e la scomparsa di molti dei suoi abitanti si stava sbiadendo. L’impegno non si è limitato alla sua sola area, ma ha coinvolto l’intera città. Ora sta aggiungendo un altro tassello per arricchire il mosaico delle storie e delle tradizioni borghigiane.
Con i lavori dell’invaso del Ponte Tiberio sono venute alla luce le vecchie strutture del antico porto, che mettono ancor più in relazione il mare con il Borgo, dove un tempo vivevano pescatori e marinai. Nel 1860, come si può leggere nel giornale e’ fòi de Bòrg, su 400 lavoratori lì residenti, 228 erano naviganti e pescatori. Il loro numero negli anni è progressivamente diminuito fino a scomparire.

mer 08 apr 2009 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio


Nel trentesimo anniversario della sua fondazione, la Società de’ Borg ha rinnovato in marzo il consiglio, mentre ai primi di aprile ha eletto il nuovo presidente. Dodici componenti sono del vecchio gruppo, cui se ne sono aggiunti tre nuovi, abbassando l’età media che ora è all’incirca sui quaranta anni. Un’ulteriore dimostrazione della voglia di andare avanti e pensare al futuro, che significa soprattutto la prossima festa del Borgo nel 2010. Il nuovo presidente è in effetti una riconferma, avendo Luca Miserocchi già ricoperto quella carica anni fa.

mer 08 apr 2009 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio


Il Borgo non è solamente storia, tradizione, ricordi e lo sanno bene i riminesi e sempre più tutti coloro che vengono nella nostra città per turismo, per affari o per i congressi. Il Borgo è un concentrato di qualità e di offerte enogastronomiche - dal pesce, alla carne e al vino - più che in qualsiasi altra parte della città. Sull’onda di questa importante risorsa tutti gli iscritti dell’Associazione Commercianti del Borgo, vale a dire tutti i commercianti della ristorazione e delle enoteche, compresi i due nuovi arrivi Dinein e E’ pònt de dièvul, si sono accordati per promuovere il luogo come “distretto enogastronomico” di eccellenza.

mer 08 apr 2009 - Notizia di attualità - scritto da Costantini Claudio

Il Presidente della Banca Carim Giuliano Ioni e il Direttore Generale Alberto Martini, prima di illustrare i dati del bilancio 2008, hanno dichiarato di non avere nel loro portafoglio alcun titolo “tossico” e di aver rimborsato integralmente il prestito obbligazionario emesso nel 2004.
La raccolta diretta  aumenta del 12,72%, l’utile netto risente dell’andamento negativo delle borse e quindi anche dei titoli posseduti dalla banca, una componente che porta l’utile netto ad una riduzione del 58,70%..

mer 22 apr 2009 - Notizia di attualità - scritto da Costantini Claudio

In questo secondo numero di Chiamami Junior, i bambini, i piccoli alunni delle scuole elementari continuano a raccontarci come vedono loro il mondo, la realtà che li circonda in continuo cambiamento. Un mondo pieno di storie e lingue diverse con le quali convivere e trarne proficui stimoli di crescita e conoscenza. Gli scolari in queste pagine possono leggere le loro esperienze, confrontarsi e ritrovarsi in percorsi simili e nelle stesso tempo diversi. Sono sempre più numerosi gli iscritti alle scuole primarie provenienti da paesi esteri che seguono modelli di integrazione che in molte classi si tramutano in risorse e nuove conoscenze per tutti gli alunni.

mer 22 apr 2009 - Notizia di attualità - scritto da Costantini Claudio

Il week-end di Pasqua ha dato, a dispetto delle infauste previsioni del tempo, attendibili indicazioni sulla prossima stagione turistica: nonostante la crisi la Riviera potrà essere ancora la meta di milioni di turisti. Si sta già oliando la poderosa macchina economica dell’accoglienza costituita da migliaia di alberghi, ristoranti, bar, stabilimenti balneari, parchi di divertimento, negozi e decine di altre attività. Un complesso economico che fornirà il lavoro a migliaia di persone secondo la loro qualifica e professionalità. Un’occasione per molti di ricavare un reddito che sommato a quello di altri componenti della famiglia, permetterà di affrontare i mesi invernali, l’affitto, il mutuo per la casa... il futuro. 

mer 22 apr 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Sono iniziati da pochi giorni i lavori di sistemazione della Via Vespucci, per il tratto da viale Mantegazza a Piazzale Kennedy. Un intervento, commentano gli operatori di Marina Lido, che dovrebbe estendersi ben oltre, visto lo stato in cui versa la più importante via della Marina. Le stesse condizioni del manto stradale e dei marciapiedi si riscontrano anche nel tratto fino a Piazzale Marvelli e ancora peggiori fino a via Lagomaggio. Marina Lido guarda con interesse al Projet che interesserà Marina Centro e spera di risentire anche lei di qualche beneficio nella estensione modulare o almeno nella manutenzione ordinaria dell’arredo. Sono molti gli alberghi della zona che sono stati ristrutturati aspirando a rientrare a pieno titolo al centro del turismo riminese. Viale Tripoli che sarà sempre più interessata ad una intensificazione del traffico con il nuovo palacongressi, aspetta a sua volta interventi che sono in parte già programmati come la messa in sicurezza degli accessi alle vie laterali. Con i nuovi lavori all’ospedale, il quartiere è interessato a che siano costruiti parcheggi all’interno dell’area di pertinenza dell’Ausl, così che vi sia maggiore disponibilità in quelli già previsti nelle aree esterne per coloro che devono recarsi ai poliambulatori del lato monte dell’ospedale. Così si chiede che, in attesa che sia sbloccato il contenzioso sulla nuova questura che può durare chissà quanto, siano messe a disposizione le aree dei parcheggi. 

mer 22 apr 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

La comunità parrocchiale di Maria Ausiliatrice sta vivendo una intensa vita come quella degli anni sessanta e settanta. Sono decine se non centinaia i ragazzi ed adolescenti che frequentano l’oratorio. Le numerose attività sportive sono seguite da animatori volontari, mentre il teatro-cinema ospita conferenze e incontri. Vi sono importanti progetti in cantiere a favore degli immigrati già presenti nella comunità e all’oratorio. A maggio si saprà se questi andranno in porto come tutti si auspicano.

mer 22 apr 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Nonostante San Giovanni sia a due passi dal centro Storico di Rimini vuole con decisione mantenere le caratteristiche del borgo, le tradizioni, la storia, la solidarietà. Valori che migliorano la qualità del vivere e lo spirito di appartenenza. La Festa che ogni due anni si organizza nelle vie del quartiere è il segno della voglia di continuare sulla stessa strada, rinsaldando i valori propri della comunità. Il 2009 è l’anno della nona edizione del grande evento che richiamerà migliaia di cittadini. Le date sono sabato 11 e domenica 12 luglio; il titolo è “Ricordando Piero Guglielmi”. Dedica giusta e doverosa, che testimonia l’impegno di un uomo, Guglielmi, nel costruire e far crescere negli anni una festa che ha saputo far rinascere la comunità del Borgo.

Piero, “un uomo che sapeva vivere fra gli uomini”, se n’è andato, ma la sua energia si è travasata in altri che ora portano avanti la sua opera. La prossima edizione dell’evento sarà grande e interessante, verrà utilizzato lo spazio nel parco Cervi per l’esibizione di gruppi musicali, sempre nel parco sarà allestito uno spazio per i bambini con giochi e spettacoli e un forno che produrrà pane e cantarelle. Tre le mostre in allestimento: “Amare Sempre” su don Oreste Benzi, con fotografie delle sue opere nel mondo e della sua testimonianza e dedizione agli altri, ai più deboli; la seconda sarà “Tracce di Fede nel Tempo”; la terza su “Le chiese perdute di Rimini”. Vi saranno come di consuetudine stand gastronomici, in San Gregorio e nel piazzale interno alla chiesa e lungo le strade e poi musica e spettacoli. Nella parte di Via Tripoli vicina al Borgo vi saranno esposizioni di artigiani. Domenica 12 mattina con ogni probabilità si svolgerà una corsa podistica nel parco sponsorizzata dal Comitato Esercenti di San Giovanni.

mer 22 apr 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Da pochi giorni è stata riaperta la strada della fiera ed il traffico da mare a monte, seppure con qualche difficoltà, sta ritornando alla normalità. A palazzo Ghetti continuano i lavori di ristrutturazione nella parte retrostante il palazzo che renderanno più facile, una volta terminati, il passaggio da via XX Settembre a via Circonvallazione Meridionale ed ai parcheggi. Negli scavi emergono interessanti reperti che verranno catalogati dalla sovrintendenza. San Giovanni con la conclusione dei lavori del nuovo Palacongressi diventerà un punto nodale più di quando lo è attualmente per accedere in città. E’ la principale via di transito per recarsi dalla zona del mare al Centro Storico e all’entroterra, potrà usufruire dei parcheggi delle nuove strutture congressuali e delle occasioni commerciali rappresentate dal transito dei partecipanti ai congressi verso il Centro. Per integrarsi al meglio nel nuovo assetto dell’area, il Borgo dovrà razionalizzare la sua struttura viaria, a cominciare da via XX Settembre e dalla via della Fiera per cui si chiede di contestualizzare la realizzazione dei marciapiedi con la sistemazione della via.

mer 06 mag 2009 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Gli interventi di riqualificazione, di sistemazione idraulica dell’invaso del ponte Tiberio condotti dal comune stanno procedendo rispettando le scadenze. I disagi sofferti dalla viabilità non dureranno più del preventivato. Quello che resterà sarà un nuovo assetto dell’area, la bonifica dell’intero invaso (che attendeva da decenni) e il restauro delle mura medioevali (che attendeva da secoli). 

Per migliore ulteriormente la qualità urbana, anche la rete commerciale deve fare passi avanti. Per sostenere questi passi ci sono le opportunità offerte dalla legge regionale 41, concepita per favorire lo sviluppo dei “centri commerciali naturali”. La legge prevede finanziamenti su molti aspetti che riguardano il commercio e le strutture relative, il rinnovo delle attrezzature, l’ammodernamento dei locali. Sono ammessi a contributo anche gli investimenti dell’anno solare precedente. Questa legge è applicabile in presenza di interventi comunali nell’area per il miglioramento della qualità urbana, com’è appunto il il caso di Borgo Marina e del centro storico, interessati dai lavori sul vecchio porto medioevale. Il bando che ha cadenza annuale, esce verso il mese di maggio con date e tempi di scadenza dei progetti.

mer 06 mag 2009 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Un argomento che sta a cuore a tutti nel borgo è la valorizzazione del percorso mare-città. Si vorrebbe in qualche modo attenuare la divisione della città causata dalla ferrovia che il sottopasso pedonale, così com’è, certamente non risolve. Si è provato con le luminarie di Natale fatte in modo da creare un senso di continuità fra via Giovanni XXIII e via Principe  Amedeo. Ma manca ancora un’adeguata segnaletica che indichi ai visitatori i percorsi artistici come la casa del Chirurgo, il museo cittadino, il ponte romano e le altre innumerevoli risorse culturali e monumentali della città. E la via per raggiungerli passa attraverso Borgo Marina. Stesso interesse hanno i commercianti e i cittadini di Marina Centro che vedrebbero, anche in periodi di bassa stagione, una maggior affluenza di riminesi verso la Marina. E si è affacciata l’idea di proporre la ricostruzione di un sovrappasso come quello esistente prima della guerra dalla cui sommità si vedeva il mare, la città e le colline. Erano innumerevoli i cittadini, i bagnanti, e le coppie di sposi che si facevano fotografare su quel ponte pedonale. 

mer 06 mag 2009 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Con maggio appaiono i primi ombrelloni sulla spiaggia e molti alberghi stagionali aprono i battenti. Non si respira aria di crisi, o meglio non se ne vuole parlare, e si fanno perciò e comunque progetti. Si riprendono quelli dell’anno passato che hanno avuto successo come la “Notte Rosa”, “Marina Centro in Fiore”,  “Gradisca”, i mercatini e si pensa a dei nuovi. Vi sono anche singoli esercenti che proporranno eventi nei loro locali come il Caffè delle Rose di nuova gestione. Più che al futuro non prossimo del nuovo assetto della Marina con i project financing, il Comitato dei Commercianti guarda al presente. A viale Vespucci, il cui manto di porfido viene in questi giorni aggiustato ma fino a piazza Kennedy, mentre il tratto fino a Piazza Marvelli dovrà attendere; ai cordoli scivolosi dei marciapiedi; alla regolamentazione delle soste lungo viale Vespucci e in quelle a monte e al prossimo aumento (si parla del 37%) delle tariffe per il parcheggio. Preoccupazioni ne dà lo scarico a mare dell’Ausa che aspetta le vasche di prima pioggia per limitare i danni causati dalle precipitazioni torrenziali.

mer 06 mag 2009 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

E’ forse vero che nei momenti di crisi vengono fuori idee più che in altri periodi. Si comincia a delineare un interessante progetto che riguarda la mobilità: il Trenino per il Mare, come per i giovedì di blocco del traffico c’è il Trenino per il Centro. Da diversi punti della città ad ore stabilite partono i trenini per il mare, ognuno ha fermate sul lungomare ogni tre quattro bagnini, scarica i bagnanti riminesi, famiglie  con bambini, nonni o nonne con nipotini, persone anziane, ma anche giovani e adolescenti. Poi con un percorso inverso ad una certa ora, verso mezzogiorno, li ritorna a prendere. Si libererebbero decine di parcheggi, il traffico diverrebbe più fluido e il tragitto più sicuro. Con un euro, prezzo per il primo anno promozionale, andata e ritorno che siano singoli o con famiglia. Una bella idea per il turismo ecologico. 

mer 06 mag 2009 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Qualche anno fa sulla spiaggia di Marina Centro fu creato uno stabilimento balneare di nuova concezione per Rimini, Il Turquoise. Subito divenne il modello e la spinta per il rinnovamento e l’ammodernamento di altri stabilimenti, il simbolo di una imprenditoria dinamica di quella che non aspetta di raccogliere i frutti che cadono dall’albero, ma si arrampica per coglierli. Un’imprenditoria che non guarda solo quello che porta in “casa” a fine mese ma che fa il proprio lavoro con entusiasmo.

mer 20 mag 2009 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

 

In questi ultimi anni, dopo la batosta dell’apertura quasi in contemporanea di due ipermercati, il piccolo commercio della città ha saputo in qualche modo accettare la sfida puntando sulla qualità, la diversificazione, l’assistenza,  risalendo così pian piano la china. Ora l’apertura di altri due centri di grande distribuzione, coprendo insieme agli altri già esistenti quasi l’intera gamma dei prodotti distribuiti sul territorio, sta preoccupando seriamente gli operatori. Questo si sente in qualche modo abbandonato e penalizzato e non solo a Rimini; la stessa preoccupazione si riscontra in altri comuni della provincia, come a Riccione dove aprirà un’altra grande struttura.

Il Mercatone addirittura raddoppia, mentre, ci assicurano operatori del Borgo che, alla presenza delle tre confederazioni che rappresentano il commercio della provincia, il Comune e la Provincia avevano garantito che  vi sarebbero state nell’area a Nord di Rimini solo trasferimenti di superfici commerciali. Insomma, decine di piccoli esercizi rischiano grosso; insieme a loro, anche i borghi e il centro storico, tagliati ulteriormente fuori dai flussi degli acquirenti.

 

mer 03 giu 2009 - Notizia di Zeinta de Borg - scritto da Costantini Claudio

Due riedizioni di altrettanti titoli importanti per la storia della Romagna sono da pochi giorni in libreria: “Il Conte di Cagliostro - prigionia e morte nella fortezza di San Leo” e “Masôn Dla  Blona” il bandito amato e pianto dal popolo nella Romagna e nelle Marche del settecento. L’autore è Nevio Matteini, storico, giornalista, insegnante, la casa editrice è la Pieve. Due personaggi con storie assai diverse accomunati entrambi in una tragica fine, il primo muore nel 1795 nelle prigioni della Fortezza di San Leo, il secondo impiccato nel 1786 a Ravenna.  Siamo alla fine del diciottesimo secolo in luoghi e terre governate dal potere pontificio, mentre in Europa ed in particolare in Francia le società sono percorse da una potente ventata illuministica rivoluzionaria.

mer 03 giu 2009 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Dalla comunità europea e dalla nostra regione stanno arrivando segnali positivi sotto forma di finanziamenti nella direzione di una maggiore attenzione per i centri storici delle nostre città. Uno straordinario patrimonio di arte, architettura e storia da salvaguardare, non come museo a cielo aperto, ma come luogo vivo e dinamico. Una città senza commercio, luoghi di incontro, teatri, cinema ben presto viene trascurata e lasciata alla solitudine se non al degrado. I finanziamenti che sono destinati alle imprese del commercio, del turismo e dei servizi ammontano per tutta la nostra regione a 25 milioni di euro che seguono i quaranta milioni che il fondo europeo ha messo a disposizione per interventi pubblici di valorizzazione culturale ed ambientale. La provincia di Rimini ha presentato a suo tempo i progetti interessati al contributo europeo: recupero del teatro Galli di Rimini; recupero porto-canale di Bellaria; archeologia industriale a Riccione: recupero ex fornace Hoffmann; Parco del mare a Misano: riqualificazione ambientale; a Cattolica: Palazzo del turismo; nelle valli del Conca e del Marecchia: realizzazione di percorsi ciclo turistici e fluviali. La quota dei 25 milioni spettanti alla nostra regione destinata a Rimini dovrebbe aggirarsi attorno ai 4. 860.000 euro. Il bando europeo si chiuderà il 20 luglio 2009 ed entro tale data dovranno essere presentate le domande di contributo nella provincia dove si vuole realizzare il progetto. Quelli ammessi a contributo dovranno iniziare entro 6 mesi dal ricevimento della comunicazione di concessione a contributo.

mer 03 giu 2009 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

C’è stato un tempo, quello del grande sviluppo del nostro turismo anni sessanta e inizio settanta, in cui d’estate la città era divisa letteralmente in due: tutti al mare e il centro di sera era letteralmente deserto. Negli ultimi due tre decenni la tendenza è cambiata. Si è capita l’importante sinergia di una città con due millenni di storia e di vestigia artistico-culturali nell’arricchire l’offerta turistica. Anche l’entroterra comincia a ricoprire un suo ruolo nell’economia delle vacanze. Il bacino delle sue potenzialità e del Centro della città e dei suoi Borghi è ancora pieno di possibilità e per molti aspetti ancora poco si è attinto. Non vi sono per esempio ancora collegamenti stabili, al di là di quelli canonici della TRAM, che tengano conto delle esigenze del turista, specialmente alla sera, quando ci sono eventi e spettacoli in città o anche solo per chi la vuole visitare nella frescura della sera. Così come più esercizi di bar e ristorazione potrebbero restare aperti magari con qualche intrattenimento musicale. La Notte Rosa dei primi di luglio benché riguardi prettamente la Marina può comunque essere un’occasione per il centro della città di offrire al grande evento uno suo originale e interessante contributo. Un migliore arredo urbano potrebbe contribuire non poco, così come la ricostruzione del teatro Galli.

mer 17 giu 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Al Borgo San Giovanni si respira una visibile soddisfazione per la decisione della Giunta Comunale di ricollocare gli antichi obelischi che ornavano lo scomparso ponte sull’Ausa. L’intervento sarà accompagnato da una riqualificazione dell’area, con il recupero delle spallette murarie e la modifica della pavimentazione del marciapiede. 

E’ da diversi anni che San Giovanni, insieme agli altri borghi della città, cerca di recuperare le proprie tradizioni e anche la fisionomia stessa del quartiere, per non distaccarsi da quelle risorse culturali e di rapporti sociali da trasmettere poi alle generazioni future.

E’ innegabile che gli obelischi sul ponte dell’Ausa diventeranno un simbolo identitario per gli abitanti di San Giovanni ed anche per l’intera città. Una realizzazione voluta fortemente dal comitato della festa del Borgo, dall’Associazione Commercianti dalla circoscrizione n. 2 e dalla banca Malatestiana. Quest’ultima ha finanziato l’operazione di restauro e ricollocazione degli obelischi con  ventimila euro. A carico del Comune saranno le altre opere di arredo, che si aggiungono a quelle per la sistemazione dell’Arco d’Augusto con una spesa di settantamila euro. Il progetto, approvato dalla Soprintendenza di Ravenna, è dell’Architetto Pierluigi Foschi, dirigente dei Musei comunali, e di Marcello Cartoceti dell’Arrsa. 

mer 17 giu 2009 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

In questo anno di crisi economica, fortunatamente l’ottimismo - anche se accompagnato da una buona dose di prudenza - non fa difetto agli operatori di Marina Centro. L’inizio di stagione, causa il mal tempo che ha funestato il ponte del 2 giugno, non è stato dei più incoraggianti, ma in questi giorni il tempo volge al bello e con la chiusura delle scuole si vedono i primi arrivi. E tutto sommato, anche se per ora non vi sono dati ufficiali, non sembrano inferiori all’anno scorso. Gli hotel, i bar, i ristoranti, i negozi sono tutti aperti e Marina Centro è pronta a dare il benvenuto agli ospiti con una tradizionale ed apprezzata festa.

Il 21 giugno saranno banditi i tavoli di Gradisca, dove gli ospiti lungo la spiaggia della Riviera da Miramare a Torre Pedrera potranno degustare prodotti tipici del nostro mare, vino e ciambella, ascoltare musica e ammirare i fuochi d’artificio. La festa comincerà al mattino sulla spiaggia con animazione e giochi per i più piccoli. Lungo viale Vespucci i bar ed i ristoranti offriranno aperitivi e piccoli antipasti, musica al vecchio Embassy e spettacoli itineranti.

mer 17 giu 2009 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Questo anno si sono fatti solo lavori di manutenzione sul viale principale di Marina Centro, non risolvendo, però, i problemi dell’avallamento del manto stradale e della pericolosa scivolosità dei cordoli in caso di pioggia. Il prossimo anno si cambierà radicalmente. E’ già pronto il progetto ed i relativi finanziamenti per modificare radicalmente il fondo stradale. I lavori cominceranno in febbraio 2010 e termineranno ad inizio primavera per non creare difficoltà alla stagione turistica.

Verrà tolto il porfido ed al suo posto sarà steso un asfalto speciale ed i cordoli saranno messi in sicurezza rendendoli non scivolosi.

mer 17 giu 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Sabato 11 e domenica 12 luglio i borghigiani e tutta la città potranno partecipare ad un evento nello stesso tempo popolare, religioso e culturale. Saranno allestite mostre ed esposizioni. Una sarà dedicata alle Chiese Perdute, un patrimonio da scoprire e valorizzare. Si potrà percorrere la vita e l’opera di Don Oreste Benzi attraverso una raccolta fotografica ricca e documentata. E poi una mostra sui 30 anni del Meeting ed esposizioni di artisti locali. Domenica 12 vi sarà l’estrazione di una ricca lotteria, primo premio una Fiat Panda, seguiranno i fuochi artificiali. Naturalmente nelle vie del Borgo saranno aperti bar ristoranti e cantinette, stand gastronomici perspuntini, e poi torte e ciambelle. Saranno allestiti anche giochi per intrattenere i più piccoli.

Sul prossimo numero di Chiamami Città vi saranno pagine dedicate alla festa del Borgo San Giovanni con il programma dettagliato della manifestazione.


mer 01 lug 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Piazza Marvelli, già Tripoli, con il suo semicerchio è l’unica piazza di Rimini Mare nata da un disegno architettonico coerente. Dopo un periodo, diciamo così, di decadenza, l’area tenta di riprendersi un ruolo centrale con ristoranti, negozi, bar e alberghi che si sono, in questi anni, rinnovati con importanti interventi edilizi. Ancora però non sono state del tutto valorizzate le potenzialità del luogo che potrebbero essere esperite senza aspettare la realizzazione dei famosi project. Interventi urbanistici molto importanti per la nostra marina che però non devono diventare un alibi per rallentare, nel frattempo, l’impegno al rinnovamento. E di questo c’è bisogno lungo tutta la passeggiata, specialmente oltrepassato in piazzale, dove anche in prima fila non mancano serrande abbassate con il cartello “affittasi”.

mer 01 lug 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Piazza Tripoli non è solo caratterizzata dalla sua “esedra”, ma anche da un’imponente chiesa che segna da molti decenni la presenza attiva dei Salesiani e dalle Suore di Maria Ausiliatrice. Questa realtà è stata per anni il punto di ritrovo di una comunità e dei suoi giovani; vi erano scuole ed asili ed uno dei più importanti oratori della città. Quest’ultimo raccoglieva centinaia di giovani e li aiutava nello sport ed era per molti punto di riferimento. La scuola dei salesiani non c’è più ed anche la loro presenza è diminuita, mentre continua l’attività scolastica delle suore. La parrocchia è ancora viva e anche il suo oratorio che in questi anni, dopo un periodo di stasi,  ha ricominciato ad essere frequentato soprattutto dagli adolescenti. Sono decine, centinaia i ragazzi che là si ritrovano dalla mattina alla sera e sono decine gli educatori volontari che li seguono in attività di gioco e soprattutto educative, compresa l’assistenza per i compiti.

mer 01 lug 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

La Barafonda, ovvero San Giuliano Mare, lungo l’argine del Marecchia che va da via Coletti al Mare sarà il luogo che ospiterà un evento artistico suggestivo per l’ambiente e interessante per gli autori.  Le pareti vuote di case o altre costruzioni che si affacciano sulla diga ospiteranno murales disegnati sul luogo dagli artisti e  poesie di poeti riminesi che offriranno la loro opera gratuitamente. Il lungo fiume si trasformerà in una galleria all’aperto che avrà come scenario l’arte e il mare. L’iniziativa che contribuirà a valorizzare la Barafonda  è stata voluta dall’associazione culturale L'INFEZNA, parola dialettale che significa immagine, segno particolare di una persona... con il contributo di Comune e Provincia. L’associazione, di cui è presidente Luigina Ricchi, si è costituita con il preciso intento di contribuire alla crescita di San Giuliano sotto l’aspetto culturale, economico e sociale. Questa iniziativa è un importante inizio. Il 3 luglio alle 18,30 la vigilia della Notte Rosa, ci sarà l’inaugurazione con musica dal vivo e spettacoli di trampolieri. Il luogo diventerà una meta interessante per i riminesi e permetterà un bella passeggiata in un ambiente fra fluviale e marino con la possibilità di ammirare quadri e leggere poesie.

mer 01 lug 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

La festa del borgo non è solo una bella opportunità per stare insieme, può essere anche un momento di riflessione sul luogo dove si vive e si lavora, guardarsi intorno e osservare quello che si può fare e quello che è stato fatto. E poi magari pensare che se si riesce a costruire un evento così importante e complesso - e lo si può fare con successo solo se c’è la volontà, il concorso e la concordia di tutti gli abitanti del borgo - forse si potrà nel futuro ottenere quegli interventi per rendere più bello San Giovanni. Il Palazzo Ghetti è ormai completamente ristrutturato e così sarà più agibile il passaggio per arrivare ai parcheggi sulla circonvallazione. E’ di questi giorni la notizia della ricollocazione degli obelischi sul luogo dove si trovavano prima della guerra sul ponte dell’Ausa, ora scomparso. In concomitanza saranno recuperate le spallette murarie e rifatto il fondo stradale (vedi numero precedente di Zeinta di Borg). Una buona occasione per riqualificare l’intera area compresi i giardini. Un simbolo identitario importante che può essere un incentivo per mettere mano e ripensare l’intero arredo di via XX Settembre: i suoi percorsi  pedonali, ciclabili e automobilistici. Progetti ve ne sono, ma nessuno di questi ha cominciato neppure l’iter dell’approvazione. 

mer 01 lug 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Nel frattempo la pista ciclabile con il suo percorso tortuoso e poco protetto continua a creare difficoltà sia ai negozianti sia al traffico in generale. Non si sa neppure quando e se si faranno lo svincolo così detto “di Bigno” e la bretella fino a via Roma per alleggerire il traffico di via Tripoli. Anche su questa via dovevano essere messi in sicurezza i percorsi per immettersi o uscire dalle vie laterali che avrebbero contribuito a rendere il traffico più scorrevole. Quando sarà terminato il Palacongressi, via Tripoli diverrà un percorso obbligato per raggiungerlo dal mare e quindi sarà indispensabile metterci mano. Un’opera quasi sicuramente sarà realizzata in concomitanza con la fine lavori del Palacongressi: il percorso pedonale con i relativi marciapiedi e quello ciclabile dalla circonvallazione  fino al Borgo.

mer 01 lug 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Vi sono persone che con la loro determinazione e il loro lavoro riescono a superare ostacoli contro i quali altri si fermano. Una di queste era senz’altro Pierpaolo Guglielmi.  Fu ideatore e realizzatore della festa del Borgo San Giovanni, un evento che non fu solo momento di svago e conviviale. Nel corso degli anni - pur mantenendo una sua valenza religiosa: si festeggia la Madonna del Carmine - si è arricchita di percorsi culturali, con mostre sulla storia e le tradizioni del Borgo e poi con esposizioni di artisti riminesi. Una festa che ha fatto rinascere i valori di solidarietà e tolleranza di una comunità e nel contempo prendere coscienza agli abitanti e agli operatori economici delle potenzialità del luogo. Guglielmi fu anche un apprezzato geometra e stimato sacrista della chiesa di San Giovanni. Un carattere amichevole ed uno spirito giovanile erano le caratteristiche che lo facevano apprezzare da tutti. Pronto a comporre i contrasti nelle discussioni e affrontare poi insieme i problemi. “Un uomo che sapeva vivere fra gli uomini”. Il suo impegno, la sua voglia di fare, di capire il prossimo è riuscita ad infonderla a coloro che gli stavano vicino e questo ha permesso che la Festa di San Giovanni, che questo anno è a lui dedicata, potesse continuare.

mer 01 lug 2009 - Notizia di Zeinta de Borg - scritto da Costantini Claudio

 

E’ da qualche anno che i borghi della città dialogano fra loro nel Comitato dei Quattro Borghi.

Ora, il Comitato si è costituito in associazione con finalità culturali e promozionale con una precisa veste giuridica. Un passo che gli permetterà di accedere ai fondi dei finanziamenti europei per i centri storici erogati alle imprese e alle associazioni culturali e per queste ultime è assegnato un punteggio aggiuntivo. Alla regione Emilia Romagna spetta un contributo di 25 milioni di euro, alla provincia di Rimini 4 milioni e 860 mila. Il comitato, pur valorizzando le singole caratteristiche di ogni Borgo e del Centro Storico, è stato fondamentale per ricostruire un’immagine unitaria della città. I problemi del traffico, della viabilità e dei parcheggi o anche gli interventi sull’arredo urbano  non si riferiscono mai ad una singolo quartiere, debordano influenzando inevitabilmente le aree limitrofe. Fin dall’inizio, il Comitato si è posto come interlocutore propositivo dell’Amministrazione Comunale per quanto riguarda i progetti urbanistici, le opportunità della legge regionale 41 sui centri commerciali naturali, l’individuazione di aree e la costruzione di parcheggi. Un annoso problema, quest’ultimo, per la città che può frenare, se non affrontato, lo sviluppo e il rinnovamento della sua struttura commerciale con una perdita significativa della propria capacità competitiva. 

 

mer 01 lug 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Trent’anni fa fu realizzata la prima Festa del Borgo San Giuliano, un evento che ha cambiato il modo di sentire e vivere la città. Si sono recuperati appena in tempo i valori di un passato che stava scomparendo, l’anima di una comunità, la fonte stessa della sua vita e della sua storia. Altri borghi, poi,  hanno seguito il suo esempio. In questo anniversario, la Società de’ Bòrg lo scorso sabato ha presentato la sua nuova iniziativa-evento che come quella di trent’anni fa farà da apri strada ad altre. Questa volta si è voluto recuperare anche visivamente la storia, il ricordo dei marinai del Borgo, personaggi che hanno contribuito in maniera decisiva a costruire quella comunità con i suoi valori di amicizia, solidarietà, comprensione e tolleranza. Con un lavoro di scrupolosa ricerca si sono individuati, attraverso i documenti e le testimonianze, i nomi, le storie e le abitazioni di quelle persone. Per ciascuuno di cui è stata individuata l’abitazione, circa 75, è stata dipinta da Giuliano Marroncelli una formella in ceramica con il nome, il soprannome e il disegno di una barca. 

mer 01 lug 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

La sera del 3 luglio chi andrà al Borgo potrà vivere un’originale ed interessante esperienza. Saranno allestiti, presso i vari ristoranti, cantinette, bar enoteche  “salotti” dove si parlerà di libri e letteratura in compagnia degli autori. Si potrà prenotare in ogni singolo salotto allestito dai locali partecipanti che proporranno cibi ed aperitivi adeguati alla serata in rosa. Parteciperà anche la Mattel, la casa produttrice della Barbie per il suo cinquantesimo compleanno con una serie di piccoli eventi e sfilate con le varie mise della famosa bambola. Hanno dato la loro adesione importanti case editrici che hanno nel loro catalogo collane rosa: Mondadori , Giunti, Fanucci, Soperling & Kupfer, Newton Compon, SalanEdizione Elle ed Avaglianoi. L’idea è di Annalisa Angelini  della Libreria Ulisse di Bologna, la realizzazione è della Società de’ bòrg e dell’Associazione Commercianti Borgo San Giuliano.

mer 15 lug 2009 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Gli interventi sulla viabilità correlati alla realizzazione del nuovo Palazzo dei Congressi, coinvolgeranno direttamente almeno due borghi, quelli di San Giovanni e Sant’Andrea. Il rischio di compromettere un’identità, faticosamente in questi anni ritrovata, è quanto mai concreto. Nel contempo si è anche ben consapevoli delle opportunità economiche ed urbanistiche che interventi di così ampia portata possono innescare. Per favorire, però, uno sviluppo in sintonia con l’ambiente e le attività commerciali è necessario, secondo gli imprenditori del quartiere, interpellare tutti i cittadini e le categorie. Così, per esempio, la legge 41 non dovrà essere una semplice gestione di fondi regionali da parte dei comuni, ma i progetti devono coinvolgere, fin dalla loro formulazione, tutti i soggetti interessati. Ugual metodo deve essere usato per l’impiego dei fondi europei destinati ai Centri Storici, (la quota per Rimini lo ricordiamo è di 4.860.000 euro) a cui possono accedere anche singole imprese e associazioni con progetti culturali. La scadenza del bando è stata fissata per il 20 luglio, ma sarà con ogni probabilità prorogata a settembre. Il Borgo è in attesa del progetto definitivo per il parcheggio, strategico per Sant’Andrea e la città, dell’area Scarpetti. Stesso discorso per quelli in via Melozzo e via Cignani. In questa area può essere realizzato un polo scambiatore interattivo con i flussi provenienti dal Palacongressi o verso di esso. Qui si potranno trovare minibus o biciclette per arrivare nel Centro, con la possibilità di collegare la zona residenziale con quella del mare.

mer 15 lug 2009 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Forse i borghigiani hanno voluto far vedere a Pierpaolo Guglielmi, ideatore e promotore della festa,  recentemente scomparso, di aver ben appreso i suoi insegnamenti. Un evento molto atteso ha dato all’edizione di questo anno un grande valore simbolico: la ricollocazione dov’erano e com’erano dei due obelischi all’entrata sud del Borgo. Come ormai tutti sanno questi vennero collocato nel 1603 sul vecchio ponte sull’Ausa in memoria di una rovinosa inondazione del 1523, poi distrutti con la guerra. Più di cinquecento persone hanno assistito alla cerimonia e al discorso del Sindaco Ravaioli. Don Salvatore, il parroco di San Giovanni, ha poi sottolineato come la collocazione degli obelischi sia un successo di tutti i borghigiani. Una sottolineatura importante che mette in evidenza l’unità di intenti di tutti gli abitanti senza enfatizzare meriti di questo o di quello. Un evento di carattere simbolico e identitario per gli abitanti di San Giovanni. 

mer 29 lug 2009 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

San Giuliano ha saputo attrarre, unico borgo nella città, specialmente la sera turisti dalla Riviera e questo grazie ad un’offerta enogastronomica di qualità. In un’area relativamente piccola, ma suggestiva,  sono concentrati ristoranti, cantinette, ed enoteche che rispondono alla domanda di chi vuole passare una serata diversa, mangiando cibi della tradizione o bere un buon vino, lontano dalla confusione della Marina. Per mantenere questa sua capacità attrattiva il borgo deve essere anche un luogo tranquillo, dove chiunque può, anche la sera tardi, muoversi e passeggiare con sicurezza. 

mer 29 lug 2009 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

Chiunque di giorno sia passato per il Ponte Tiberio avrà senz’altro costatato la difficoltà che hanno i pedoni per attraversarlo e la pericolosità estrema di chi deve farlo con una carrozzina in mezzo a macchine, biciclette e motorini che sorpassano le une e le altre. Dopo il calar del sole la pericolosità raddoppia per mancanza di una qualsiasi illuminazione.

Finalmente - e il lavoro sarà fatto entro l’estate, così ci assicurano - il Ponte di Tiberio sarà illuminato compresa la parte transitabile. Trattandosi di uno dei più importanti monumenti romani di Rimini e non solo, si dovranno rispettare i necessari parametri estetici, per cui sarà probabilmente fatta una iniziale sperimentazione.

ven 07 ago 2009 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

L’ acqua della Sacramora è tornata a sgorgare dalla sua fonte per il piacere delle migliaia di persone che da secoli erano use riempire gli orci prima e le bottiglie poi con la sua salutare acqua. La fonte è stata riaperta senza un chiaro motivo come senza una ragione credibile era stata chiusa. Si parlava della rottura di una pompa ma due anni sono troppi per qualsiasi riparazione. Gli operai hanno impiegato un solo giorno per ripristinarne l’erogazione. Ma nessuno si romperà la testa più di tanto per indagare sul piccolo mistero ora che l’acqua è ritornata nel luogo dove più di mille anni fa, secondo la leggenda, approdò l’arca di San Giuliano da cui il nome Sacramora. Un simbolo per la Viserba delle Acque, per i numerosi turisti che prima di recarsi al mare passavano davanti alla fonte per bere un bicchiere della sua acqua. Un’ottima acqua leggera, oligominerale, buona per depurare i reni e per la circolazione a cui tutti i cittadini con parsimonia (pochi litri al giorno così è scritto nella concessione) possono accedere dall’alba al tramonto. L’abbiamo bevuta e dopo due anni è ancora più buona fresca e piacevole.

ven 07 ago 2009 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

L’incendio doloso di un negozio di bigiotteria in via Giovanni XXIII il 22 luglio scorso ha per qualche giorno riempito le pagine delle cronache cittadine. Il fatto non ha certamente giovato all’immagine che hanno i riminesi di Borgo Marina, il quartiere più multietnico della città. Qui sono numerose le attività commerciali che hanno come referenti persone immigrate che hanno occupato tutti i negozi sfitti contribuendo a rivitalizzare tutta l’area. Vi sono stati e tutt’ora sono presenti problemi di convivenza e di ordine pubblico e non potrebbe essere altrimenti quando il cambiamento avviene in pochi anni. Il Borgo Marina però non ha accettato che la situazione si degradasse fino ad un punto di non ritorno, ha reagito cercando un dialogo con tutti coloro, immigrati e residenti, che avevano a cuore lo sviluppo e la riqualificazione della zona.

ven 07 ago 2009 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Gli alberghi stanno registrando il tutto esaurito. E’ presto per stillare statistiche, non lo si fa mai in piena stagione, ma secondo gli operatori del turismo poco è cambiato, nonostante la crisi, rispetto all’anno scorso. Così come i pregi ed i difetti di Marina Centro, che continua ad essere un luogo gradevole per passare le vacanze e passeggiare la sera. Ciò nonostante vi è bisogno di interventi sull’arredo urbano e viabilità pena un lento, ma inesorabile declino della zona più pregiata della nostra Marina. In alcuni tratti, specialmente dopo piazza Tripoli, è quasi impossibile passeggiare sul marciapiede, i tavoli dei bar sono a un metro dalla merce dei negozi esposta e dove vi sono gli spazi liberi questi sono occupati da venditori che, a differenza degli altri, non pagano per l’occupazione del suolo pubblico. La maggioranza degli alberghi di Marina Centro si sono rinnovati secondo standard moderni e di qualità non altrettanto si può dire di molti esercizi commerciali che probabilmente lo farebbero se avessero l’incentivo della riqualificazione dell’intera zona. Su tutto, il capitolo dolente dei parcheggi. Chi non vorrebbe una zona mare senza auto? Ma su dove lasciarla, persiste il buio più fitto.

mer 26 ago 2009 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

Il borgo questa estate, in particolare nei giorni di agosto, è stato uno dei luoghi della città più frequentati dai turisti specialmente la sera: meta privilegiata i ristoranti, le cantinette, le enoteche. Il bel tempo ed il caldo hanno certamente favorito l’afflusso dal mare alla città in luoghi meno affollati e tranquilli, ma il vero appeal del Borgo è la sua tradizione enogastronomica con una ampia gamma di offerta che spazia dalla carne al pesce, ai cibi della tradizione. Negli anni questa vocazione si è affinata e una sana concorrenza ha favorito la diversità, la qualità e un buon rapporto con il costo. Non si è sentito, o almeno non è stato evidente, che clienti si siano lamentati del trattamento ricevuto nei locali del Borgo. E questo fatto è stato uno degli elementi più importanti per la sua promozione. Se a questo poi si aggiunge la peculiarità del luogo, la tranquillità, il Ponte Tiberio, le mura medioevali, la facilità di accesso e di parcheggio si capisce bene il suo successo.

mer 23 set 2009 - Notizia di attualità - scritto da Costantini Claudio

L’economia turistica tiene, secondo la Carim, anche in questo anno di seria crisi. Va meglio per il settore alberghiero, mentre sono in sofferenza commercio, settore manifatturiero ed edile, quest’ultimo con qualche segno di ripresa. La crisi però non sfiora se non di pochissimo la storica Cassa di Risparmio di Rimini. Secondo i dati del bilancio della sua attività nei primi sei mesi gli indici sono quasi tutti positivi: aumenta la raccolta diretta del 10,4%, il margine di intermediazione del 21,4% recuperando il decremento a due cifre registrato nel bilancio 2008. Questa ultima voce indica quanto ricava la banca dalle sue operazioni di intermediazione influenzata sì dalla plusvalenza dei titoli in suo possesso, ma non tanto da non far notare che le attività bancarie rendono. L’utile netto si attesta con un aumento del 4,3% a 8,7 milioni di euro. Aumenta anche il numero di dipendenti raggiungendo la quota di 800 unità, aumentano le sofferenze ma di una percentuale nettamente inferiore di quella nazionale. 

mer 23 set 2009 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Rimini, quasi in omaggio alla settimana della mobilità sostenibile europea di fine settembre, ha cominciato la più ampia e ardita sperimentazione di un nuovo modo di vivere il Centro Storico. L’occasione è stata data dal progetto della Fondazione Carim che prevede il ripristino del fossato intorno alla rocca malatestiana. Di conseguenza occorrerebbe spostare parte dei banchi del mercato ambulanti, che troveranno posto sulla circonvallazione occidentale. Intanto il ponte di Tiberio verrà totalmente chiuso al traffico nei giorni di mercato, mercoledì e sabato, dalle 5 alle 15 fino alla fine di ottobre. Il fossato recuperato per una profondità di 5-6 metri, per restituire alla rocca parte della originaria imponenza, costringerà anche lo spostamento dei posti auto dalla vecchia circonvallazione al parcheggio Italo Flori e a quello di prossima realizzazione in area Scarpetti. Benché, come assicura l’Amministrazione, sia stata predisposta una adeguata segnaletica e la presenza di polizia municipale, il traffico ne risentirà appesantendo ulteriormente alcune direttrici come via Matteotti e via Roma. Per ora i banchi del mercato non si spostano: verranno trasferiti solo quando inizieranno i lavori del fossato. E quando sarà? Il progetto della Fondazione Carim ancora non si è potuto vederlo. Si dice che in questi tempi di crisi la probabilità che slitti a tempi migliori sia alta. Sarà così anche per quello dell’Auditorium, ben più oneroso per Fondazione?

mer 23 set 2009 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Ci viene segnalata, sempre in relazione alla viabilità, la “pesante situazione di via Castelfidardo”, specialmente nel tratto che va da via Michele Rosa a Via Minghetti. Il terminal degli autobus a pochi metri dalle case, dice una residente, crea di per sé un grosso disagio agli abitanti e agli esercizi commerciali e vanifica la comodità di avere i mezzi di trasporto a portata di mano. E in più, continua la segnalazione, di solito viene rifatto il tratto d’asfalto fino all’incrocio di via M. Rosa e tralasciato il resto. Vi sono poi abitazioni in abbandono che deteriorano l’immagine della via soprattutto per chi ha una un negozio. Si chiedono dunque più attenzione e migliori interventi per quella strada. Un’altra segnalazione arriva da Corso d’Augusto, ristretto nel bel mezzo da lavori di ristrutturazione di un palazzo che durano da troppo tempo, deturpando notevolmente la principale via cittadina. 

mer 23 set 2009 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

All’inizio di settembre si è costituito il “supercomitato” dei Borghi Zeinta di Borg singoli comitati, pur continuando ad operare autonomamente nella loro realtà, si sono consorziati per avere maggior potere contrattuale, accedere a finanziamenti regionali per opere di ristrutturazione ed europei per attività culturali, miglior copertura assicurativa e maggior aiuto dall’Amministrazione per le loro feste tradizionali o altre manifestazioni. Il grande assente èil Centro Storico, frantumato in comitati e associazioni, senza una voce unica per portare avanti iniziative e proposte. Gli unici ad entrare nel supercomitato sono stati quelli di Facciamo Centro. Questa situazione rischia di penalizzarlo proprio in un periodo in cui sono necessari unità e progetti di sviluppo comuni per affrontare la crisi e la concorrenza agguerrita delle grandi strutture commerciali. I tempi sono maturi perchè anche al Centro Storico ci si confronti per decidere una posizione condivisa. Insieme, Borghi e Centro, potrebbero avere la forza necessaria per avviare veramente un piano di sviluppo della città, confrontarsi su tutti i grandi problemi dalla viabilità, ai parcheggi, alla mobilità, alle attività culturali e promozionali e disegnare un futuro per la città.

mer 23 set 2009 - Notizia di attualità - scritto da Costantini Claudio

Chiamami Cittadino, inserto dedicato all’immigrazione, con i suoi articoli ha cercato dichiaratamente di percorrere la via della comprensione fra culture diverse e dell’integrazione attraverso la conoscenza senza pregiudizi delle tradizioni di altri paesi, favorendo il diritto di ognuno di praticare il proprio credo religioso. Non è facile cambiare e capire gli altri, ci vuole tempo e tolleranza che però non deve essere intesa come acquiescenza al sopruso e alla violenza da qualunque parte esse vengano. Deve essere però chiaro per tutti che non c’è religione, tradizione, consuetudine inveterata o legge che può travalicare il diritto di ognuno alla vita, alla libertà, all’eguaglianza. Ogni persona ha diritto (in molti paesi negato) di scegliere il proprio futuro. Questa possibilità non è stata data a Sanaa Dafani sgozzata, quasi in modo rituale, dal padre e prima ancora a Hina Saleem a cui sempre il padre tagliò la gola. Ma è giusto chiamare queste persone ancora padri? Sanaa come Hina giovanissime ragazze avevano appena cominciato la loro vita, il futuro si apriva davanti ai loro occhi, sono state uccise barbaramente nel fiore degli anni. 

mer 07 ott 2009 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Il "supercomitato" dei Borghi di recente costituzione con ogni probabilità esprimerà una posizione sull'assetto della viabilità che deriverebbe da una chiusura alle auto del Ponte di Tiberio, il recupero del fossato intorno al castello, lo spostamento di parte del mercato, la ricostruzione del teatro Galli.
La sperimentazione di questi giorni (deviazione bisettimanale del traffico all'uscita del ponte Tiberio) se non altro ha dato forza al dibattito e confronto nella città, nelle sue varie componenti, sul tipo di mobilità per prossimi anni decenni.
Al Borgo Sant'Andrea come presumibilmente negli altri borghi della città, né i commercianti né gli abitanti hanno posizioni pregiudiziali. Tutti vorrebbero strade meno inquinate con traffico pedonale e ciclabile, con mezzi pubblici funzionali e parcheggi. E' tempo di decidere, con il consenso più ampio della città, che tipo di circolazione si vuole e quello realmente realizzabile. E quale che sia il  modello scelto. per essere realistico deve essere supportato da cospicui investimenti.

mer 21 ott 2009 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

In questi giorni di ottobre il vento da nord e il calo brusco della temperatura ci fa dimenticare l'estate e volgere il pensiero ai prossimi mesi, fino ai giorni di dicembre. Sembra un po' presto per pensare alle festività natalizie, ma quando si vuole ben organizzare qualcosa ci vuole tempo. E questo è l'atteggiamento del comitato dei commercianti di Marina Centro che si sta impegnando alla costruzione, con l'aiuto della Canoa Club e dell'associazione Crescere Insieme, di uno dei più bei presepi della città. Tutti gli anni ne veniva allestito uno sul piazzale del Caffè delle Rose; quest'anno si è pensato di spostarlo nel piazzale davanti all'ex Embassy. Invece il presepe di sabbia, sempre molto apprezzato, non sarà più al bagnino 26, ma al porto. Si stanno già montando le luminarie lungo il viale Vespucci e Principe Amedeo senza soluzione di continuità fino a piazzale Kennedy. I marciapiedi saranno delle vere e proprie vie di luce che inviteranno alla passeggiata fino al mare. Anche quest'anno si farà il grande spettacolo di fine anno con collegamento RAI che attirerà migliaia di persone. 

mer 21 ott 2009 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Le feste dei borghi sono diventate - uniche nel panorama romagnolo e non solo per il modo in cui sono organizzate e per la loro periodicità - un vero e genuino momento di aggregazione e di incontro degli abitanti della nostra città. L'ultima festa di Sant'Andrea, detta "dei record", ne è la chiara dimostrazione. L'evento durato cinque giorni ha coinvolto decine di migliaia di cittadini proponendo momenti culturali, musicali, di spettacolo e poi mostre, laboratori e competizioni sportive. Sono stati venduti, solo per dare alcune cifre, 14 mila biglietti della lotteria (vedi numeri estratti in queste pagine); 12 mila sono stati i pasti serviti nelle varie "trattorie" ognuna con le sue specialità; gli stand espositivi sono arrivati al numero di 282 con offerte delle più varie diramandosi per sei chilometri nelle vie del Borgo. Le arene per gli spettacoli e la musica hanno coinvolto migliaia di persone con orchestre di tipo tradizionale e moderno e compagnie di attori che hanno allestito rappresentazioni per bambini e adulti. Si è esibito anche il coro cittadino L. Benizzi con il suo repertorio classico. 

mer 21 ott 2009 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

In ottobre l'associazione Borgo Marina ha passato il traguardo del suo primo anno di vita. Il suo intento è quello di cogliere le opportunità che il luogo può ancora offrire per rilanciare il commercio, il recupero delle tradizioni e la convivenza fra etnie e culture diverse. All'associazione partecipano operatori economici di diversa provenienza e cittadini del quartiere che insieme rappresentano la realtà multietnica del luogo. La via Giovanni XXIII, cuore del borgo è il passaggio obbligatorio e naturale verso la Marina. Può convogliare, in un senso e nell'altro, turisti e residenti, possibili clienti dell'offerta degli esercizi commerciali. Anche nell'ultima assemblea prima dell'estate si è ribadita la volontà di impegnarsi per migliorare l'arredo del luogo e la convivenza nel rispetto delle regole. Il programma c'è, ora bisogna portarlo avanti, e per farlo ci vogliono le risorse umane.

mer 04 nov 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

In questi ultimi anni, grazie anche alle feste del Borgo, a San Giovanni si è raggiunta una coesione della comunità, cittadini, operatori sociali, imprenditori e le loro associazioni, tale da poter proporre e in futuro realizzare, progetti innovativi, solo impensabili qualche anno fa. L'ultima e più interessante proposta affronta la risistemazione di via XX Settembre. Il transito delle autovetture e veicoli commerciali sarebbe limitato solo in alcune ore del giorno rendendo così la via praticamente un'isola pedonale. I marciapiedi verrebbero ridisegnati in modo da farli convivere con una pista ciclabile degna del nome senza intralciare i percorsi pedonali come tutt'ora accade.

mer 04 nov 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

La chiesa di Maria Ausiliatrice con il suo complesso di edifici, un simbolo non solo per Marina Lido ma per la Riviera è tuttora un punto di riferimento importante per la comunità ed anche per i turisti d'estate. La scuola dei Salesiani non c'è più, ma continua a funzionare il suo oratorio. Non è più il tempo delle squadre sportive e delle competizioni calcistiche parrocchiali, ma ugualmente sono centinaia gli adolescenti che ogni giorno lo frequentano seguiti da educatori volontari nello studio e nel gioco. E' incerto, però, il futuro immobiliare dell'intero complesso attiguo alla chiesa: potrebbe cambiare destinazione. La comunità ha però bisogno di un luogo dove potersi incontrare ed i ragazzi conoscersi nella zona mare c'è rimasto solo quello.

mer 04 nov 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Subito dopo le feste di fine anno, il 7 gennaio, cominceranno i lavori di sistemazione del manto stradale di viale Vespucci con la rimozione del porfido. Il primo stralcio dei lavori arriva fino a Piazzale Kennedy, ma si spera che si possano trovare i fondi almeno per proseguire fino a Piazzale Tripoli, con l'augurio che nel contempo siano conclusi i lunghi lavori di ristrutturazione dell'edificio all'altezza dell'hotel Corallo. I viali delle Regine, i più bisognosi di interventi, per ora dovranno accontentarsi di piccole manutenzioni. Una zona, quella di Marina Lido, strategica per il nostro turismo e ancor più con il nuovo Palazzo dei Congressi. Molti alberghi, e non solo quelli in prima linea, in questi anni hanno investito in ristrutturazioni aumentando il loro standard di qualità. Non altrettanto si può dire per molti, non tutti naturalmente, esercizi commerciali. 
Le potenzialità della zona non sono scarse e investimenti nella qualità ed originalità possono avere la loro giusta remunerazione, così almeno la pensano coloro che lo hanno fatto.

mer 04 nov 2009 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

I due principali accessi alla città, quelli a Nord e a Sud, sono e saranno interessati da un aumento del traffico di autoveicoli. Due nodi strategici che hanno bisogno di importanti interventi se non si vuole arrivare alla paralisi della viabilità, come in occasione di fiere e congressi. Nel medesimo tempo la città necessita di progetti, alcuni già avviati, per una mobilità sostenibile che privilegi quella lenta di biciclette. E mezzi pubblici per offrire reali alternative al trasporto individuale. 
Fra qualche mese sarà terminato il nuovo Palacongressi, un vero motore economico non solo per le aree limitrofe come borgo San Giovanni e Sant'Andrea, ma per l'intera città. Per cui si spera in un suo pieno e duraturo successo. Questo, però, porterà come inevitabile conseguenza un notevole appesantimento del traffico in uscita ed entrata verso la zona della vecchia fiera. Un'unica direttrice dovrà sopportarlo, viale Tripoli e via della Fiera. 

mer 18 nov 2009 - Notizia di Riccione - scritto da Costantini Claudio

Nei primi decenni del novecento, l'Italia come altri paesi d'Europa vive una storia tumultuosa, tragica per la guerra, ma piena di fermenti sociali, politici ed economici dove un numero sempre più vasto di cittadini vuole essere protagonisti del proprio avvenire. Nascono movimenti e partiti, quello socialista, quello cattolico e dopo la guerra il partito fascista. Riccione in questi anni ripercorre la storia d'Italia. Simile a quella di molti paesi e città della Romagna, ma con una sua propria specificità e originalità, elementi che caratterizzeranno la sua popolazione anche negli anni a venire fino al nuovo secolo. Il libro di Manlio Masini "Dall'Internazionale a Giovinezza" (Riccione 1919-1929 gli anni della svolta), Panozzo Editore ne ripercorre le tappe con una ricerca rigorosa attraverso i documenti, gli atti amministrativi, le cronache dei numerosi giornali. 

mer 18 nov 2009 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Spostamento dei banchi del mercato ambulante del mercoledì e sabato: l'ultima proposta in ordine di tempo dell'amministrazione comunale è di sistemarne una parte in Piazzale Gramsci. Le altre indicazioni rivelatesi via via non agibili o bisognose di ulteriore sperimentazione riguardavano la Circonvallazione Occidentale, Piazza Tre Martiri, via Valturio, il parco Cervi ed aree limitrofe, oltre alla prospettata demolizione dell'edificio dell'Ausl insieme allo spostamento dell'asilo. Per quest'ultima proposta si deve tener presente che l'attuale collocazione degli ambulatori dell'Azienda sanitaria è utilissima ai cittadini sopratutto per quelli più anziani che non possono recarsi agevolmente in sedi decentrate se non con un notevolissimo disagio.

mer 18 nov 2009 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Il notevole impegno di tutti i borghigiani e degli operatori economici ha innegabilmente determinato il successo dell'ultima festa del Borgo. Abbiamo già ricordato i numeri da record degli eventi e di quanti vi hanno partecipato. La festa non è stata solo un incontro di persone, un riappropriarsi delle tradizioni, una riscoperta dell'anima del luogo; la grande affluenza di pubblico e la buona organizzazione ne ha un momento promozionale per l'intera area. Un valore aggiunto anche per il commercio, che ripagherà l'impegno profuso. 

mer 18 nov 2009 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Rimini è una città così interdipendente in tutte le sue parti che se si muove qualcosa in un borgo o in un quartiere molte aree della città ne risentono. La prova, se ce ne fosse ancora bisogno, è stata la sperimentazione della chiusura del ponte Tiberio. Fra qualche mese sarà terminato il nuovo Palazzo dei Congressi, una grande scommessa per l'economia dell'intera città in particolare per i borghi di Sant'Andrea e San Giovanni che gli sono contigui. Gli operatori economici ed i cittadini ne stanno discutendo per capire l'impatto che questa opera avrà sulla viabilità e le opportunità che si potranno cogliere; fra queste l'uso dei parcheggi del Palas in assenza di congressi. Nel frattempo l'interesse è puntato su quelli promessi da tempo.

mer 02 dic 2009 - Notizia di cultura - scritto da Costantini Claudio

Suona il campanello, quello dell’appartamento di Massimo Tafis, Max, investigatore privato, è la sua vicina di casa Maria Grudella, alta, magrissima con un bel volto dolce e nello stesso tempo anonimo. Ha bisogno del suo aiuto si sente minacciata. Grudella è stata sempre un enigma per il detective che presto gli sarà in parte svelato dalle parole della sua probabile cliente. Così inizia il romanzo di esordio di Aldo Sanese un giallo “Il Mistero della donna fuscello” editrice La Stamperia, per alcuni aspetti un noir con tutti gli ingredienti canonici del suo genere. La Signora Maria è una piccola imprenditrice con una lunga e tormentata storia alle spalle, una presenza sempre viva durante tutto il racconto dove il suo amore e profonda umanità faranno da contraltare allo squallore, alla bassezza e alla crudeltà che possono albergare nell’animo di certi uomini. 

mer 16 dic 2009 - Notizia di cultura - scritto da Costantini Claudio

Ogni leggenda nasconde qualcosa di vero, e così è anche per quella sul tesoro di Sigismondo Malatesta. In epoche diverse fino alla nostra, semplici cittadini, nobili e perfino i reggenti veneziani - che acquistarono la nostra città nel 1500 da Pandolfo IV “il Pandolfaccio” - cercarono le ricchezze nascoste del signore di Rimini. La ricerca, per quel che ci è dato sapere, non ha mai avuto successo. Diverse cronache del tempo ne hanno fatto cenno, già subito dopo la morte di Sigismondo nel 1468, e diversi sono i castelli indicati come possibili luoghi adatti a nascondere il tesoro. Quello di Montefiore è tutt’ora il più accreditato. Sono state fatte negli anni ricerche anche approfondite in quella costruzione, con particolare insistenza nella torre così detta del Diavolo colpita da un fulmine attirato “sicuramente” dall’oro e dall’argento. Di ricchezze Sigismondo ne aveva accumulate molte nella sua vita come capitano generale delle milizie della Chiesa, di Firenze e di Venezia. La sua fama di abile condottiero era conosciuta in tutt’Italia e i suoi servigi richiesti e ben pagati. 

mer 16 dic 2009 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

Da alcuni giorni le luci del Natale hanno ricoperto gran parte della nostra città e forse mai sono state così splendenti. Ogni via e borgo di Rimini si sono caratterizzati con un particolare addobbo e San Giuliano come al solito ha voluto segnare una sua originalità distinguendosi dagli altri luoghi. “Borgo Natale”, la scritta che campeggia all’entrata sia nord che sud, indica quasi un ritorno alle proprie origini come se tutti gli edifici e vie fossero in questa ricorrenza una unica grande casa pronta ad accogliere gli ospiti. All’accensione delle luci che si estendono per la prima volta fino a via XXIII Settembre, vicino al Ponte di Tiberio sono stati distribuiti castagne e vin brulè. Il ricavato, le offerte libere, è stato devoluto alla parrocchia per comprare materiale didattico e donarlo poi ai più bisognosi. Dopo il successo dello scorso anno, l’Associazione Commercianti, la Società de Bòrg, le ACLI e la Parrocchia, propongono la seconda edizione de “La chesa adubeda”, il concorso per la casa con i migliori addobbi natalizi. Una iniziativa che coinvolge tutto il borgo. Giovedì 17 una giuria - che nessuno conosce, nascosta nel corteo che percorrerà le vie del Borgo accompagnato dai "Cantori delle tradizioni e quei d'una volta" - sceglierà la più bella e originale abitazione addobbata per le feste. Un modo per attraversare le strade di San Giuliano ed augurare a tutti buone feste, specialmente alle persone più anziane. I premi saranno sotto forma di pacchi dono riempiti dai commercianti, alcuni saranno riservati a chi ha bisogno anche se esporrà solo un lumicino. Al Teatro Tiberio, sabato 19 serata finale dove ci sarà la consegna dei premi ed uno spettacolo a sorpresa inventato dalla comunità parrocchiana.

mer 13 gen 2010 - Notizia di attualità - scritto da Costantini Claudio

Spesso molti fatti vengono conosciuti solo quando i mezzi di informazione ne parlano perché esplodono le contraddizioni, le proteste popolari o scoppiano le tragedie. Quello che è accaduto a Rosarno in questi giorni, le provocazioni contro gli immigrati di colore, tutti africani, e le conseguenti proteste non appartengono a quella categoria. E' da anni che si conosce lo sfruttamento senza nessuna tutela dei clandestini nell'agricoltura, specialmente al sud, e le antigeniche condizioni degli alloggi in cui sono costretti a vivere, alloggi di cartone dentro capannoni senza servizi igienici con un unico rubinetto per l'acqua potabile. Non si è fatto niente per affrontare il problema nemmeno dopo le denunce delle organizzazioni umanitarie come Medici Senza Frontiere e il reportage della BBC dell'inizio del 2009. Solo un anno fa a Castel Volturno in Campania vennero massacrati sei immigrati dalla camorra. Anche loro erano braccianti provenienti dall'Africa e lavoravano per pochi soldi nelle serre in condizioni di lavoro molto precarie, senza nessuna tutela. Ebbero il coraggio di scendere in strada e ribellarsi contro la camorra. Fu l'unica protesta in tanti anni contro la criminalità di tutta la provincia, ma non organizzata dagli abitanti del luogo. Una situazione analoga si è presentata a Rosarno, hanno sparato contro i braccianti senza fortunatamente lasciare morti sulla strada.

mer 13 gen 2010 - Notizia di cultura - scritto da Costantini Claudio

Una chiesa, quella di Santa Rita a Rimini in piazza Gramsci, dall’aspetto esteriore modesto, semplice che però al suo interno custodisce tesori dell’arte. Un luogo assai frequentato dai devoti della santa che là si raccolgono a pregare. Le pareti, l’abside, i quadri erano coperti della grigia patina del tempo. Nel 2005 cominciarono i restauri e questi svelarono ben presto la bellezza degli affreschi, delle tele, degli scranni in legno di noce del coro quattrocentesco e dell’organo del settecento. I risultati che ognuno può costatare con i propri occhi, sono stati documentati in un bel libro “La chiesa riminese dei Santi Bartolomeo e Marino detta di Santa Rita”scritto e curato da Pier Giorgio Pasini, edito da Minerva edizioni con il contributo della Banca Carim e Fondazione Cassa di Risparmio. Pasini oltre a spiegarci l’origine dei dipinti e degli affreschi e l’arte dei loro autori, traccia la storia millenaria della chiesa che forse non molti conoscono a Rimini a cominciare dal nome. In origine la chiesa fu dedicata a San Marino. 

mer 13 gen 2010 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Ricostruire un passato, ancor più quello recente, non è opera sempre facile. Sono tutt'ora vivi molti dei testimoni che quel periodo hanno vissuto e visto con i propri occhi e lo ricordano secondo la propria esperienza, il lavoro, le passioni, la cultura, il caso che ha spesso determinato nel bene e nel male le scelte di vita. Manlio Masini con il libro Eravamo i burdèll di prét (Panozzo Editore), ricostruisce la storia di una comunità, quella cresciuta all'inizio del ‘900 attorno alla chiesa di Maria Ausiliatrice, l'oratorio e la scuola dei Salesiani e dell'istituto delle figlie di Maria Ausiliatrice. Un nuovo quartiere, un area che si estendeva dalla ferrovia al mare, dall'Ausa a Bellariva per molti aspetti autonomo che aveva come punto di riferimento "non il vecchio ‘centro storico', quanto il mare, la spiaggia e le attività connesse". Il periodo rivissuto da Masini corre dal 1944, occupazione degli alleati, un città distrutta, ritorno degli sfollati, al 1982 centenario della venuta di Don Bosco a Rimini. I documenti a cui attinge l'autore sono i giornali del tempo, le cronache tenute dalla due comunità salesiane quella delle suore molto più attenta e precisa e quella dei preti, e i ricordi del suo tempo vissuto con i sacerdoti di Don Bosco. I Salesiani - già prima, ma ancor più dal dopo guerra in poi - sono stati punto di riferimento per migliaia di adolescenti, giovani e famiglie, per l'intera comunità di Marina Centro. Leggendo il libro non si ascoltano solo le voci di chi in quella comunità ha vissuto, ma anche quelle di un intera città che uscita dalla guerra costruiva con contraddizioni e contrapposizioni, il proprio futuro.

mer 13 gen 2010 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Si spengono le luci del Natale nelle vie, nelle piazze e nei borghi della città. A San Giovanni si fanno i primi bilanci e a sentire le categorie interessate non sono negativi come molti temevano. Non esaltanti, ma nemmeno catastrofici. Ora si pensa ai saldi, per alcuni iniziati troppo presto. Non si è avuto un congruo periodo di decantazione per non penalizzare troppo chi ha pagato il prezzo pieno. Quando inizia un anno nuovo sono molte le aspettative e di solito si è più ottimisti, così a San Giovanni si spera che finalmente sia messo mano all’arredo urbano ed alla viabilità veicolare, dei pedoni e delle biciclette. Si dovrà ricominciare a parlare della zona a traffico limitato in alcune ore delle giornata, se questa è fattibile, o vi siano altre soluzioni per rendere il luogo più attraente per accogliere cittadini e acquirenti. E, come sta facendo il borgo fratello al di la del ponte Tiberio, pensare ad un piano promozionale con offerte speciali in alcuni giorni della settimana o altre iniziative originali. La concorrenza è l’arma più adatta per aguzzare l’ingegno e la creatività.

mer 27 gen 2010 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Difficilmente chi vuol raccontare la storia della nostra città, sia semplice cronista o storico, può prescindere dagli scritti e dalle ricerche di Luigi Tonini. I suoi studi coprono l’intera storia di Rimini dall’epoca romana fino al 1874 anno della sua morte. Uno studioso insigne, un appassionato archeologo di cui si apprezza e si usa a piene mani l’opera, in primo luogo i sei volumi della sua “Storia civile e sacra di Rimini”. Uno storico la cui fama travalica i confini cittadini. Di lui si parla solo attraverso i suoi lavori, ma poco “è stato scritto della sua vita, di riminese, di cristiano, di patriota”. Romano Ricciotti con il suo libro “Luigi Tonini riminese”, edizioni Panozzo, collana “Quaderni di Ariminum” ci parla dell’uomo, anche se lo studio e la ricerca sono una costante imprescindibile nella sua vita. Percorrendo questo cammino troviamo come sfondo la Rimini dell’Ottocento assai diversa dall’attuale: “...era una città povera e scarsamente popolata (poco più di 15000 anime)... Torme di ragazzi percorrevano le strade sterrate e fangose dedicandosi al furto...”. 

mer 10 feb 2010 - Notizia di cultura - scritto da Costantini Claudio

Sono più di quanto uno può pensare le persone che cercano la poesia, per sentire il suono delle parole, ritrovarsi nella sua atmosfera, nei suoi colori. Le poesie che rispondono e appagano le tue domande e danno forma e immagine ai ricordi sono difficili da trovare, sono sparse qua e là nei libri, bisogna saperle riconoscere. Vincenzo Giorgetti in “Impronte” - la sua nuova raccolta di versi edita dalla Theut - ci apre una porta per entrare nella sua anima, ma ancor più, come accade quando si leggono componimenti poetici, in noi stessi. Quei versi, sparsi in una trentina di poesie alle volte abbandonano l’autore e allora sei tu che percorri il viale “accanto agli enormi pini riempiti di freddo” la notte di San Silvestro o che vedi i silenzi “dipingere i sussurri, le emozioni del cuore”. Vincenzo cammina sulla spiaggia, lungo le strade portandosi dietro la sua vita e mischiandola con le cose, le persone, i ricordi, l’amore. Poi si ferma e scrive i versi delle sue poesie. Il libro inizia con un racconto per immagini, quelle della giovinezza, della speranza del futuro, della solitudine, dei luoghi nei quali si svolge tutta un’esistenza. Poi la prosa si trasforma in versi e trovi in entrambi la stessa persona Fabio Boni ovvero Vincenzo e la città o meglio un suo quartiere. Da qui si può sentire la brezza marina e lungo un viale costeggiato da pini arrivare al mare, alla spiaggia e d’inverno sentire con la nebbia la solitudine. Si possono anche risentire le voci dei bambini che nel campo del quartiere giocavano, le madri e le nonne che li richiamavano a casa e le tante persone che ora non ci sono più se non nei versi e nella prosa di Vincenzo.

mer 24 feb 2010 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

Per promuovere e far conoscere i progetti, le iniziative e le problematiche del commercio e degli abitanti di San Giuliano le categorie stanno promuovendo incontri in occasione delle elezioni regionali con i candidati. Le difficoltà del commercio sono note e acuite in questi ultimi due anni perciò si chiede di intervenire sulle normative costose e sulle procedure burocratiche. Si chiede anche che vi sia opera di prevenzione prima di applicare sanzioni pesanti anche per piccole infrazioni.

mer 24 feb 2010 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

Farà molto discutere l’iniziativa di Milano e Torino di chiudere al traffico, domenica 28 febbraio, le aree urbane di tutta la pianura padana. Sarà soprattutto un atto simbolico per denunciare il problema dell’inquinamento più che un provvedimento con effetti quantificabili, ma certamente non troverà il consenso della maggioranza degli imprenditori commerciali di Rimini che già devono subire il “giovedì senza traffico”. Molto dipende da come sarà attuato il blocco e quali le vie interessate. Al Borgo San Giuliano - dove sono presenti diversi esercizi del comparto enogastronomico, ristoranti, enoteche, pub - sono preoccupati essendo la domenica il giorno di maggior afflusso. Senza fasciarsi la testa in anticipo e con la speranza di trasformare una costrizione in risorsa, al Borgo si continua con le iniziative del giovedì che stanno segnando un buon successo, tale da proporre “Il giovedì al Borgo” per tutto l’anno. Con la buona stagione saranno allestiti spettacoli per bambini, mercatini ed altre iniziative per rendere più piacevole il recarsi al Borgo. Tutti gli esercizi che hanno aderito hanno mantenuto le promesse e ampliato le offerte. Si è creato un gruppo che potrà in seguito operare per lo sviluppo dell’intera zona con proposte ed iniziative dando così anima e gambe al centro commerciale naturale dell’area. Un passo necessario per avere più voce nei rapporti con l’amministrazione e sviluppare una migliore concorrenza con altri soggetti economici come gli Iper e non di meno accedere ai finanziamenti della legge regionali 41. Il Borgo è già rientrato insieme alle Celle ed al Centro Storico nei due progetti promossi da CNA.COM al fine di ottenere finanziamenti europei per la riqualificazione che interessano imprese del commercio e dei servizi. La cifra finanziata è di 100 mila euro di cui in questi giorni si fa la rendicontazione. Altri soldi sono attesi per il Centro Storico e la Valconca. 

mer 24 feb 2010 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

Nella nostra città come in molte altre con secoli di storia alle spalle, ogni intervento inevitabilmente coinvolge non un solo luogo, ma a cascata l’intera area urbana. Il 17 febbraio la Giunta Comunale ha approvato il progetto esecutivo per il completamento del foyer del teatro “Amintore Galli”. La spesa prevista è di 5.5 milioni di euro. Il foyer era già stato parzialmente restaurato e con quella cifra non esigua saranno realizzati altri lavori nella linea del progetto di “Com’era e dov’era” degli architetti Cervellati e Grazillo. Verranno realizzate scale ed ascensori a norma e consolidate le opere murarie secondo i nuovi standard di sicurezza. Sarà costruito il solaio ligneo sopra la sala Ressi dove il sottotetto potrà essere utilizzato come sala prove. Verranno rifatti gli intonaci mancanti, le tinteggiature e i pavimenti.

mer 24 feb 2010 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

Con la Nuova Fiera, via XXIII Settembre è diventata una delle più trafficate dell’intera area urbana. Deve sopportare la viabilità verso il centro di Rimini in occasione degli eventi fieristici insieme a quella. Già prima molto sostenurta, in entrata e in uscita dal centro. Quindi ogni intervento atto a renderla più percorribile è ben venuto. Sono iniziati da qualche giorno i lavori per la nuova rotatoria alla confluenza della via XXIII Settembre con via Tonale subito a ridosso del ponte sul deviatore del Marecchia. Il costo è di 211mila euro ed i lavori - assicurano - saranno condotti riducendo al minimo i disagi e il rallentamento della circolazione. Saranno anche istallati nuovi punti luce. Questa è la terza rotatoria in circa un chilometro, le altre due sulla stessa strada sono collocate una alla confluenza di via Sacramora e l’altra di via Bagli. 

mer 10 mar 2010 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Appena spunta un po’ di sole la Marina e i sui viali ricominciano ad animarsi. Tanti già i “forestieri”, grazie alla mostra in Castel Sismondo, "Da Rembrandt a Gauguin a Ricasso. L'incanto della pittura". Fra un mese è Pasqua e Anthea, la ditta che cura i lavori, ha assicurato che per quel periodo il nuovo viale Vespucci verrà terminato. Il manto stradale sarà di colore simile al porfido, ricoperto da una speciale vernice che contribuirà all’abbattimento delle polveri sottili riducendo l’inquinamento atmosferico. Lavori importanti ma che dovranno essere accompagnati da una riqualificazione dell’arredo urbano dell’intera zona. Purtroppo anche in quest’area pregiata cominciano a vedersi negozi con la scritta affittasi o vendesi, mentre il livello dell’offerta commerciale già da tempo non è dei più eccelsi. Insieme all’intervento pubblico che deve fare la sua parte, anche i privati devono fare la loro riqualificando e innovando i propri esercizi. Esempi in tale direzione ve ne sono, devono essere estesi a tutta l’area delle Marina.

mer 10 mar 2010 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Vi è un desiderio crescente di borghigiani di “non lasciare andare giù” il luogo in cui vivono e se c’è un deprezzamento dell’area una parte di colpa ce l’hanno anche alcuni residenti e proprietari di case, come scrive un abitante in una lettera pubblicata in queste pagine. Nel raggio di trecento metri c’è la biblioteca universitaria molto frequentata, non solo da studenti. E ci sono i laboratori universitari di farmacia. Via Giovanni XXIII è l’asse più importate per arrivare dal mare in Centro. Se poi si aggiunge che si deve passare da quella via per arrivare alla domus romana ed al museo della città, è chiaro come la zona abbia tutti elementi per essere rivitalizzata e divenire interessante commercialmente. Per ottenere risultati tangibili, però, è necessario agire sull’arredo urbano, installare una buona illuminazione, rendere decente il sotto passaggio della ferrovia, installare una segnaletica ben visibile che indichi il percorso verso le zone archeologiche ed artistiche. 

mer 10 mar 2010 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Dopo i fatti di via Padova a Milano si è tentato a Rimini di paragonare quella strada alla via Giovanni XXIII e al Borgo Marina, senza che vi siano nella realtà nessun motivo per tale abbinamento. I dati forniti dalla questura parlano di reati in calo a Rimini. Ma l’accostamento rischia di penalizzare il Borgo e le sue attività, gestite da italiani come da stranieri. La crisi economica che ormai dura da circa due anni si è fatta sentire anche negli esercizi commerciali di questa parte di Rimini. Non sono poche le saracinesche abbassate e gli esercenti immigrati che sono ritornati per l’inverno nel loro paese d’origine. Con la buona stagione si spera in una ripresa del commercio e delle attività correlate. La maggioranza degli stranieri ha una occupazione ed il loro rapporto con gli italiani è generalmente buono, così come avviene nella scuole, dove le classi “miste” sono ormai la normalità.

mer 24 mar 2010 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Per i commercianti di San Giovanni, ma anche per molti cittadini, queste elezioni potrebbero portare miglioramenti al Borgo ed alla città solo se almeno una parte delle promesse dei candidati si concretizzasse in un futuro non troppo lontano. Gli esercenti si sono più volte incontrati con i futuri consiglieri in occasione della prossima tornata elettorale per esporre le proprie necessità. E’ stato un coro nel richiedere una consistente semplificazione della burocrazia e delle norme per renderle più “umane”. Per una singola pratica, anche la più semplice, intervengono cinque o sei enti diversi. E naturalmente se sbagli per semplici errori, non perché non vuoi adempiere alle corrette procedure, allora sono sanzioni. Se si intervenisse preventivamente con un avvertimento “qui bisogna fare così se no incorri in penali” si ristabilirebbe la fiducia fra amministrazione e cittadino.

mer 24 mar 2010 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Un lungo corteo di cittadini a piedi, in bicicletta, in carrozza, cavallo e naturalmente sul somaro unirà il mare di Rimini alle sue colline passando attraverso la città e i suoi borghi. E’ il Somar Lungo del Lunedì di Pasqua, giunta alla sua quinta edizione. Un evento del passato, molto popolare fino a tutto l’Ottocento, che riproposto da CNA.COM ha subito ritrovato una grande adesione da parte dei riminesi grandi e piccoli.

Nelle edizioni storiche erano i marinai i protagonisti della processione che, partendo da San Nicolò raggiungeva il convento delle Grazie per ringraziare la Madonna degli scampati pericoli in mare. La giornata poi si trasformava in una allegra scampagnata con pranzo al sacco, la ligaza.

Il Somar Lungo di queste nuove edizioni è un momento di incontro fra i cittadini per apprezzare l’ambiente e la “mobilità lenta”, condividere momenti conviviali, stare all’aria aperta con i propri figli, conoscere la città. Il corteo sarà infatti accompagnato da storici dell’arte che spiegheranno nelle soste programmate la storia del luogo.

gio 08 apr 2010 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Grande attesa fra i commercianti e gli abitanti del Borgo Sant'Andrea per l'apertura del nuovo Palacongressi, anche se questa è slittata a settembre. Un evento che avrà un impatto sull'intera zona sia per la viabilità che per le opportunità economiche. Al borgo si aspettano piste ciclabili e pedonabili con opportune indicazioni che possano convogliare i congressisti verso il Centro Storico attraverso Sant'Andrea come interessante via di accesso. Anche piazza Mazzini non potrà mantenere l'assetto attuale, ma conformarsi ai nuovi itinerari. Lo svincolo in via Melozzo, il Foro Boario, potrà avere una nuova funzione per alleggerire il traffico in via Saffi, trasformandosi, come negli auspici, in una piazza. Non per niente l'ultima tappa del Somar lungo del Lunedì di Pasqua che ha per tema "Le piazze di Rimini" prima di arrivare al santuario delle Grazie", è in questo luogo. 

mer 05 mag 2010 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

La storia di San Giuliano Mare è intimamente legata alla chiesa parrocchiale dei SS Giovanni e a don Duilio Magnani, che la guidò per 39 anni dal 1964 al 2003. Don Duilio se n'è andato il 20 aprile scorso, la sua chiesa non è più parrocchia, ma di lui resterà l'esempioed i frutti delle sue opere verso gli umili ed i diseredati. Una comunità solidale e le associazioni di volontariato che sono nate grazie a lui sono i più bei fiori che si possano posare su di un feretro. 
Non si può ricordare don Magnani se non si parla di esperanto, la lingua universale, il latino dei popoli. Una passione che lo hanno accompagnato durante gran parte della sua vita: fu per anni segretario dell'Unione Esperantistica Cattolica Italiana e Internazionale. Tredici anni fa convinse il papa Giovanni Paolo II a fare gli auguri di Natale anche in esperanto. Tutto iniziò nel 1973 in Polonia quando il nostro parroco incontrò il cardinale primate Stefan Wyszynski e poi da una avventurosa visita al campo di concentramento di Auschwitz passando per la Cecoslovacchia. Già nel 1975 il cinema della parrocchia si chiamava Espero.

mer 05 mag 2010 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

In Italia le piccole e medie imprese, quelle sotto i 20 addetti, sono il 95% delle aziende del nostro paese, producono più dei due terzi del Pil e assorbono nel loro complesso più del 70% dell'occupazione. Ma ogni volta che i governi discutono di finanziaria, al tavolo delle trattative sono seduti solo Confindustria e Confederazioni Sindacali. Grandi assenti le PMI, le Piccole e Medie imprese. Un grande peso sul piano economico che non ha uguale in quello politico.
Tre anni fa la svolta al Cinema Capranica di Roma (il Patto Capranica) dove le Associazioni delle piccole imprese e del commercio si sono riunite e, superando storiche divisioni politiche, hanno avviato un percorso comune per arrivare a rappresentare le proprie istanze nei confronti dei vari governi con un'unica voce. 
Una prima tappa a cui sono seguiti nuovi incontri per mettere a punto un progetto che avrà la sua sanzione ufficiale il 10 maggio all'Auditorium della Musica a Roma quando si riuniranno le associazioni della piccola impresa e del commercio: CNA, Confartigianato, Casartigiani, Confcommercio e Confesercenti. Sarà costituita una sorta di confederazione che avrà il compito di rappresentare tutti gli associati in tutti i tavoli delle trattative con il governo e non solo. Sarà anche eletto un unico coordinatore che resterà in carica a rotazione per sei mesi. A questo organismo sarà associata una fondazione guidata da De Rita, presidente del Censis, per la ricerca e lo sviluppo delle strategie. 

mer 16 giu 2010 - Notizia di il taccuino della tavola - scritto da Costantini Claudio

Decidere di cenare o pranzare al Borgo San Giuliano, il nostro distretto enogastronomico di eccellenza, è già di per sé una garanzia di buona cucina, ma bisogna anche poter e saper scegliere secondo i propri gusti e la composizione degli ospiti e l'atmosfera che si vuole avere intorno. Tutti aspetti importanti, ma poi è la qualità del cibo unita alla cortesia e professionalità del ristoratore che fanno la vera differenza. Appena passato il ponte di Tiberio, il primo ristorante che si incontra, è il ristorante "Il Ponte di Tiberio". Fa in qualche modo fa gli onori di casa, una responsabilità che deve onorare con la qualità dei sui piatti che a detta dei molti ospiti non ha mai deluso. Una volta scorso il menu, la qualità dell'offerta in buona sintonia ed equilibrio con i prezzi alle volte sotto la media, visitato i locali si può anche continuare il giro per il Borgo. Il più delle volte si ritorna e ci si siede ai suoi tavoli. La sala del ristorante è ampia elegante ed il giardino interno fresco, dispone anche di una terrazza con vista al ponte romano. Il menù sia per la carne che per il pesce è ampio e dettagliato. Chi ha già le idee chiare su cosa mangiare troverà senz'altro ciò che lo soddisfa altrimenti è buona pratica affidarsi ai consigli di Arturo il gestore del ristorante e solo la sua presenza per chi lo conosce è garanzia di qualità, semplicità e raffinatezza.

mer 16 giu 2010 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Fenomenomediatico, movimento di protesta, popolo dei blog, neo partito: sta di fatto che il MoVimento Cinque Stelle, espressione politica degli amici di Beppe Grillo, alle ultime elezioni regionali ha ottenuto ottimi risultati raggiungendo a Rimini il 9,6% dei consensi, record nazionale. 
Il prossimo anno si terranno a Rimini le elezioni comunali e i "grillini "con un certo anticipo si preparano alla consultazione con il metodo del Town Meeting. Nato negli Stati Uniti qualche secolo fa è usato come espressione di democrazia diretta: gli abitanti di un distretto in assemblea discutono dei problemi e delle soluzioni possibili. Così si è cominciato a fare a Rimini con il quartiere n.1, a cui altri seguiranno. Un vero sondaggio per capire i problemi da affrontare nella città e ricavarne una linea guida. Non vi sono gerarchie nel movimento, così ci assicura Luigi Camporesi, un attivista del coordinamento, ingegnere laureato in Inghilterra, che poi aggiunge: "Il movimento non ha proprietari, ma solamente cittadini che svolgono la propria attività con una organizzazione orizzontale".

mer 16 giu 2010 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Nel giro di una settimana tre consiglieri della Confcommercio di Rimini, tra cui il presidente e il vice presidente, hanno dato le dimissioni. Nella settimana precedente era stata la volta della responsabile delle delegazioni Daniela Angelini, che non sopportava più il clima di diffidenza e di sospetto che si respira da qualche tempo nell'associazione. Da Riccione Sergio Pioggia, presidente comunale sempre della Confcommercio, fa sapere con una dura presa di posizione che così non va. E la protesta è per il modo di condurre l'associazione dell'attuale consiglio provinciale presieduto da Richard Di Angelo. L'accusa di Pioggia è pesante: si è più "impegnati a occupare poltrone anziché individuare strategie per il rilancio dell'Associazione".

mer 30 giu 2010 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Continua la marcia di avvicinamento del nostro Centro Storico con la Rimini del mare e dell'industria delle vacanze. Sono finiti i tempi in cui le due aree della stessa città erano quasi completamente separate; vi sono tuttavia ancora sinergie da valorizzare. Si sono creati in questi anni itinerari e mezzi di trasporto che facilitano gli spostamenti dal mare all'interno della città: navette, trenini, biciclette messe a disposizione dal comune e dagli albergatori. Percorsi che devono ancora essere meglio segnalati (richieste specifiche sono state avanzate dai comitati dei borghi) sia per quanto riguarda le direzioni da prendere che i luoghi da visitare. L'assessore Gamberini assicura che l'Amministrazione è impegnata nel facilitare l'accesso alla città soprattutto attraverso la mobilità lenta, con percorsi all'interno dell'isola pedonale adatti ai veicoli a due ruote e ai pedoni ora indistinti. Per questi veicoli sono già stati predisposti nuovi stalli. L'assessore poi ci assicura che i progetti dei parcheggi Flori e Scarpetti stanno procedendo senza intoppi ed è stato discusso in Consiglio Comunale il piano finanziario.

mer 14 lug 2010 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Da quando negli anni trenta fu separata da Rivabella con lo scavo del deviatore del Marecchia, San Giuliano Mare - la Barafonda - pian piano seppe costruire una sua offerta turistica. Si cominciò con l'affitto delle case nella stagione estiva, da qui si passò alla costruzione di piccole e medie pensioni famigliari. I prezzi generalmente erano più bassi che in altre parti della riviera e una gran parte della spiaggia era libera, spesso erosa dalle correnti e riempita dai sassi del fiume. Era una posto tranquillo, adatto alle famiglie ed ai pensionati. Col tempo sorsero diverse pizzerie e ristoranti, alcuni rinomati in tutta Rimini. I piccoli negozi di via Ortigara, il lungomare della località, facevano discreti affari. C'era anche un dancing famoso per le serate jazz organizzate dal compianto Guido Buldrini. 

mer 28 lug 2010 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Non si può chiamare in aiuto i cittadini e "chiedere la loro collaborazione se non si rispetta il sacrosanto diritto di sapere...": "Rimini Nera" il libro di Roberto Sapio, edito da NdA press da alcuni giorni nelle librerie, ci aiuta a ricordare quello che molti hanno rimosso: il lato oscuro della nostra città. La verità dei fatti anche quelli criminali e poco edificanti non svilisce o diminuisce l'importanza del lavoro e dell'impegno di migliaia di cittadini per l'onesto sviluppo della loro comunità. La loro conoscenza è indispensabile per vincere il degrado ed affrontare i problemi con la voglia di risolverli.
Roberto Sapio è stato pubblico ministero nella nostra città per 24 anni dal 1969 al 1993 e non vi è persona più informata sui fatti di lui. Quello che Sapio ci racconta nel suo libro sono storie "maledettamente vere" ma l'autore non si ferma alla semplice descrizione del fatto e alla scoperta del "colpevole", cerca di conoscere il perché, l'ambiente, la condizione sociale.

mer 25 ago 2010 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

Ogni festa del Borgo non è mai stata uguale a quella precedente se non forse per i fuochi d'artificio finali, ma anche quelli costruivano sempre nuove figure nel cielo dell'ultima notte. Ogni volta la Società de' Borg è riuscita ad allestire spettacoli che hanno stupito cittadini e turisti e, cosa ancor più sorprendente, è stata capace di riconciliare i riminesi con la loro città e riportare per un giorno molti di quelli che si sono allontanati per le varie vicissitudini della vita. Sarà il palcoscenico del ponte di Tiberio e l'invaso sottostante dalla parte del parco ad ospitare sabato 4 settembre l'evento più spettacolare del gruppo francese Ilotopie dal titolo "La valigia del migrante" di cui parliamo ampiamente in altra parte del giornale. 

mer 25 ago 2010 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

L'immagine sulla copertina del libro lascia pochi dubbi sulle storie, le vicende, i luoghi che incontreremo al suo interno: la vacanza, il turismo, il mare... Il titolo "Falce, martello e lasagne" con l'accostamento, all'apparenza assai improprio, di politica e gastronomia sembra indicare come due aspetti in sé cosi diversi possano in qualche modo convivere, come due opposti abbiano trovato una sintesi. L'artefice è stato il popolo della costa della Romagna che ha saputo abbandonare la campagna per creare quasi dal nulla l'industria dell'ospitalità più grande d'Italia e negli anni sessanta d'Europa. Sono tre gli autori del libro, ben conosciuti nella nostra città, Tiziano Arlotti, Giuliano Ghirardelli e Mario Pasquinelli, l'introduzione è di Giovannino Montanari. Ognuno pescando nei ricordi e nella conoscenza diretta dei fatti ha descritto una Riviera Romagnola che forse non c'è più, ma che ha prodotto quasi tutto quello che vediamo lungo i 30 chilometri della nostra costa. 

mer 08 set 2010 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Sono molti ancora coloro di media età che si ricordano la pesca a tratta, i giovani quasi sicuramente non l'hanno mai vista. Qualche decennio fa sulla spiaggia della nostra costa erano molti coloro che la mattina presto la praticavano. Ed ognuno dei partecipanti anche spettatore aveva alla fine qualche pesce da portare a casa. La pro loco del Ghetto Turco da qualche anno rievoca ai più giovani questa vecchia tradizione di pesca con l'aiuto di pescatori storici delle marineria viserbese. Saranno quattro le calate di tratta: due quelle del 4 e 5 settembre si sono svolte a Viserba e Viserbella, le prossime due: venerdì 10 a Miramare (stabilimenti 139-140); sabato 11 a Marebello (bagni 99-100). La Pro Loco coinvolgerà le scuole riminesi per far conoscere le tradizioni marinare dei loro nonni e bisnonni. Si potrà visitare anche il museo dell'Associazione culturale "E Scaion" a Viserbella in via Minguzzi.

mer 08 set 2010 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

E'confermata la data del 25 di settembre per l'inaugurazione del Nuovo Palazzo dei Congressi che con la Nuova Fiera rappresenta un potente volano economico. Una buona notizia per la città e la sua economia. Un'opera, nonostante gli ultimi intoppi, realizzata tutto sommato nei tempi previsti, un primato per la nostra città e non solo. Sarà la struttura congressuale più capiente d'Italia che potrà ospitare grandi eventi di migliaia di persone: 9300 è la capienza massima delle sue 42 sale, 11.000 metri quadrati di aree espositive, 4000 il foyer d'ingresso, 500 posti auto sotterranei, costo dell'opera compreso il terreno 117 milioni di euro. Già sono stati prenotati numerosi eventi, il primo è per il 14 settembre: l' International Biotechnology Symposium. 
Alle ore 17 è previsto il taglio del nastro. Oltre al presidente della regione Vasco Errani sono stati invitati il ministro Brambilla e Silvio Berlusconi - la cui presenza però viene ormai data per improbabile - alle autorità locali sindaco in testa. Seguirà una cene per gli ospiti e uno spettacolo con Antonella Ruggeri. Il 26 settembre domenica il 
Pala Congressi sarà aperto a tutti. Finalmente si potrà costatare con i propri occhi quello che per ora era solo un'immagine.

mer 08 set 2010 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Era difficile non prevedere un successo della diciasettesima Festa del Borgo visto lo spettacolare programma e le aspettative dei riminesi, ma l'affluenza di cittadini e turisti è stata superiore ad ogni previsione. Sabato scorso migliaia di visitatori hanno riempito all'inverosimile il Borgo San Giuliano decretando con la loro presenza non solo la riuscita della festa e la fiducia negli organizzatori, ma anche la voglia di stare insieme per parlare o solo per un saluto. Spesso si vedevano mani alzate per farsi notare da amici, strette di mano, abbracci, atteggiamenti accompagnati sempre da un sorriso. Tutti erano gentili e disposti verso gli altri, in un clima favorevole, in un luogo dove la gente era invitata ad incontrarsi senza scontrarsi nonostante il gran numero di persone. Lo spettacolo della prima sera, quello della compagnia Ilotopie nell'invaso del Ponte, con la sua imponente scenografia ha affascinato migliaia di spettatori trasmettendo nel contempo messaggi di speranze, ma anche domande senza risposta, alle volte difficili a comprendere. In ognuno dei sei stand allestiti per la ristorazione, oltre a quelli dei ristoranti e cantinette, c'era la fila e il cibo come da tradizione che sia stato a base di pesce o di carne o altre specialità era ottimo e apprezzato dai commensali.

mer 22 set 2010 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

All'angolo di via Roma con via Dante, l'ex Palace Hotel si spoglierà dalle impalcature che lo hanno avvolto per decenni. Nella prima metà di ottobre finalmente verrà inaugurato lo studentato universitario del Polo di Rimini, destinazione definitiva dell'edificio. Potranno essere ospitati circa cento studenti in camere doppie o singole. Tutte le camere sono con bagno e possono usufruire della cucina comune, vi sono poi monolocali con uno o due letti e angolo di cottura. L'edificio è stato rifatto completamente al suo interno e dispone di internet wi-fi, ascensore, sala studio e TV, servizio di lavanderia, garage per motorini, biciclette e servizio di portineria giorno e notte. I prezzi sono, così ci dicono, in linea con le offerte della città, un esempio: 197euro la singola, 250 il monolocale, per i mesi di dicembre e gennaio le tariffe sono di poco ridotte. Il bando per le assegnazioni è già stato pubblicato e si è stilata una prima graduatoria. Tutto dovrebbe essere pronto per l'inizio dell'anno accademico.

mer 22 set 2010 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Non è rimasto più niente di quello che una volta era l'Embassy se non una insegna con il suo nome appeso sulla facciata del villino Cacciaguerra. Questo finalmente libero da ogni costruzione circostante ci dà una immagine anche se sbiadita di come doveva essere viale Vespucci tanti anni fa con le sue ville i caffé, gli alberghi, la passeggiata. C'è a questo punto da augurarsi che il cantiere non resti aperto più del dovuto con conseguenze negative per l'immagine di Marina Centro. Gli imprenditori e i commercianti della zona confidano che, una volta realizzato il nuovo progetto, l'intera area potrà ricavarne beneficio e sviluppo commerciale. All'inizio del prossimo anno inizieranno i lavori per il rifacimento del manto stradale da piazzale Kennedy a piazza Tripoli. Un'occasione per tentare di riqualificare anche le offerte commerciali, bar e ristoranti compresi. Gli interventi pubblici in viale Vespucci hanno potuto mettere in moto i finanziamenti della legge regionale 41, quella che riguarda i centri commerciali naturali, per il rinnovo dell'arredamento delle attività commerciali. Undici esercizi che ne hanno fatto domanda con un progetto potranno usufruire del finanziamento regionale di 360 mila euro

mer 06 ott 2010 - Notizia di attualità - scritto da Costantini Claudio

Alla presentazione del bilancio semestrale la scorsa settimana, alla Carim non si respirava il solito clima ottimista. C'erano facce piuttosto serie al tavolo della presidenza, in qualche modo rassegnate. La causa non era solo il bilancio in rosso di 30,8 milioni di euro (vedi altro articolo). Avevano appena ricevuto il verbale relativo al controllo effettuato dagli ispettori della Banca d'Italia. Bocche cucite quel giorno, ma indiscrezioni erano già trapelate ed erano purtroppo tutte vere. Per quattro mesi, da febbraio a giugno, la banca è stata sottoposta alla revisione della Banca d'Italia. La Carim è anche proprietaria del "Credito Industriale Sammarinese" e sappiamo l'attenzione di Mario Draghi e di Giulio Tremonti verso il Titano. 
Le conclusioni sono state però inaspettate, impietose e peggiori di ogni ipotesi: commissariamento. E' la prima volta nella sua secolare vita della Cassa di Risparmio che ciò accade, un brutto regalo per il suo 170° compleanno. Il ministro Tremonti, con decreto emanato su proposta della Banca d'Italia, dispone il commissariamento e l'amministrazione straordinaria della Carim, lo scioglimento degli organi con funzione amministrativa e di controllo, praticamente tutto lo staff dirigenziale quello che per onor del vero aveva fatto la fortuna della banca ed allargato il credito alle famiglie ed alle piccole imprese. Le motivazioni: "per gravi irregolarità nell'amministrazione e violazioni normative, gravi perdite patrimoniali nonché per gravi inadempienze nell'esercizio dell'attività di direzione e coordinamento del gruppo bancario, con particolare riferimento alla controllata Credito Industriale Sammarinese". 

mer 06 ott 2010 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Come tutti gli anni Rimini puntualmente il 14 ottobre festeggia il suo Patrono San Gaudenzo. Il vescovo nativo di Efeso secondo la tradizione fu infatti martirizzato dagli ariani il 14 ottobre del 360 d.C. cioè 1650 anni fa. 
Per la festa del Patrono, stand con prodotti tipici della nostra terra, vini e dolciumi riempiranno piazza Cavour. Alle 14,30 concerto della banda cittadina ed alle 15,30 estrazione della grande e tradizionale tombola di beneficienza con un battitore d'eccezione Patrick Venerucci riminese e campione del mondo di pattinaggio e vi sarà pure un interprete della lingua dei segni per i sordomuti. Il ricavato sarà devoluto per opere di beneficienza e per acquisto di attrezzatura sanitaria. Tiziano Arlotti e Amos Piccini daranno lezioni di dialetto a tutti coloro che sono interessati. Vi saranno anche spettacoli per i bambini con i clown della Croce Rossa. 

mer 06 ott 2010 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Il Centro Storico, durante tutto l'arco dell'estate, ha avuto un trend positivo per quanto riguarda la presenza di turisti e visitatori. Una tendenza che dura da alcuni anni, da quando Rimini si è presentata con decisione come città d'arte e monumentale. Un valore aggiunto al nostro turismo in passato poco sfruttato. Il successo di visitatori della Domus del Chirurgo è stato il volano che ha fatto capire, ai riminesi in primo luogo, quanto importanti siano i tesori della città. Il Museo della Città ha inaugurato l'ala archeologica con 49 nuove sale, i visitatori sono in continua crescita, in venti anni sono passati da settemila a quasi novantamila, lo stesso numero ha visitato la Domus. Non si sono mai visti poi tanti turisti vicino al Ponte Tiberio, all'arco d'Augusto o al Tempio e al Castello malatestiano. E Rimini ha ancora molto da far vedere e scoprire. Ma non c'è solo il passato.

gio 04 nov 2010 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

Risuonava la musica dell'estate -"stella d'argento che brilli nel ciel" - nei dancing della riviera quando Mussolini il 10 giugno del 1940 dichiarò la guerra e una intera generazione poco più che adolescente, i ragazzi degli anni venti, dovette rinunciare alle speranze della giovinezza ed immergersi nei cupi anni del conflitto. "I ragazzi che fummo" il libro di Antonio Milano, edito da La Tribuna, uscito in questi giorni (un bel regalo per il prossimo Natale) parla di quegli anni, "prima durante e dopo la bufera". Il testo del racconto è corredato da numerose immagini, fotografie dell'epoca, di luoghi e persone, articoli di giornale, un linguaggio narrativo che ti porta alle atmosfere cupe o allegre di quegli anni fin quando la guerra con le sue tragedie alla fine terminò e la vita iniziò di nuovo a riempir le menti e l'animo "dei ragazzi che fummo". Furono anni tremendi, Rimini fu devastata dai bombardamenti, un'intera popolazione dovette sfollare nelle campagne circostanti, sopportare l'occupazione tedesca, fino all'arrivo degli alleati. Ritorna la pace tutto si rimette in moto, l'economia e le speranze, esplode il turismo di "massa" e in riviera risuona la stessa canzone che si era interrotta nel 1940, "Stella d'argento" ("quanti ricordi fai rivivere tu") per poi dar subito spazio a ritmi più moderni portati dai vincitori.

mer 17 nov 2010 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

La risorsa principale del teatro dialettale, se non l'unica, è il pubblico che assiste alle sue rappresentazioni. Gli attori sono quasi sempre, anche se molto bravi, non professionisti, le sale sono per lo più parrocchiali e gli unici introiti, a differenza del teatro ufficiale, sono quelli dei biglietti di ingresso. Un teatro che non esclude, dove non vi è divisione fra palcoscenico e platea. Qui uomini donne e bambini ridono, si commuovono, commentano, si immedesimano perché ritrovano parte dalla loro vita, quella della comunità o quella raccontata dai padri e dai nonni. "Do int una volta", una commedia in tre atti in dialetto marinaresco di Rimini di Giovanna Grossi Pulzoni riesce anche nella sola sua lettura a riprodurre quell'atmosfera di coinvolgimento emotivo che si ha in teatro. E' una Rimini degli anni '50, quella dei pescatori alla sinistra del porto, quella dell'infanzia dell'autrice dove le case erano aperte e si viveva una vita semplice e genuina, dove le preoccupazioni, i drammi erano spesso condivisi dalla comunità circostante. Un giovane marito decide di lasciare il lavoro sicuro in ferrovia e partire in mare come suo padre perché qualcosa più forte di lui lo spinge a questa avventura. Lascia a casa la madre e la moglie, non avevano ancora figli, lui non li voleva. Si rifarà vivo solo dopo molto tempo. Un racconto non certo allegro. Ma la commedia introduce altri personaggi e situazioni che inducono al riso che distolgono lo spettatore dal dramma dell'abbandono. Ognuno con comportamenti diversi che insieme riproducono e rappresentano il modo di pensare e di vivere di quella comunità di marinai. Il dialetto ha una funzione insostituibile non è solo veicolo di parole diventa a sua volta attore nel riuscire a descrivere e rappresentare stati d'animo e atteggiamenti dei personaggi.

mer 17 nov 2010 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Sono molti i modi, i linguaggi, le immagini usati dal gruppo di "Ricerca storica della documentazione orale G. Iacopucci" per raccontare la civiltà contadina della Valle del Conca. Un mondo quasi scomparso che rivive solo nella memoria degli anziani, nelle vecchie case, nei racconti e nelle rare immagini. Il Gruppo con varie iniziative, mostre , convegni, pubblicazioni, più di trenta, e con il Museo Etnografico di Valliano stanno preservando quel mondo con i suoi valori, le sue storie e la sua civiltà per farlo conoscere ai più giovani o farlo ricordare a coloro che quei luoghi hanno abbandonato. L'ultima pubblicazione appena data alle stampe, con la sponsorizzazione della Banca Popolare Valconca che ha sempre sorretto le iniziative del gruppo, ha per titolo "Le scuole della Valconca raccontano" un libro edito da "la Stamperia", l'autore è Gino Valeriani che si è avvalso della collaborazione di Gilberto Arcangeli, Giancarlo Frisoni e Silvano Incanti. 
Con l'unità d'Italia cominciano ad essere promulgate leggi contro l'analfabetismo, si va dalla legge Casati che nel 1859 stabilisce due anni di scuola obbligatoria fino a quella di Gentile che porta nel 1923 a 14 anni l'obbligo scolastico. Nelle campagne l'obbligo era largamente disatteso, coloro che non sapevano né leggere né scrivere erano molti, prima del ‘900 nei comuni di Gemmano e Mondaino arrivavano intorno al 90 per cento.

mer 01 dic 2010 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

 

Capita che lo sguardo si fermi su particolari, su vecchi muri, su scritte e disegni che affiorano da edifici in demolizione. Ci si chiede cosa quegli edifici fossero stati un tempo, chi vi abitava o quale uso avessero. I ruderi alle volte parlano, basta saperli interrogare. E' successo ad un abitante della zona di via Pascoli che un giorno, passando in quella via vicino alla ferrovia, vede che di un edificio in demolizione rimane solo un muro e su questo un disegno, uno dei primi graffiti riminesi, quelli disegnati con le bombolette spray. Poi si accorge che il muro è quello che rimane di un luogo dove si ritrovavano i ragazzi e i giovanotti della Rimini delle vacanze, un dancing, il "Confidential" la cui musica si sentiva risuonare le sere d'estate. Due storie vicine, ma separate fra loro, appartenenti a due epoche e mondi diversi.

 

mer 01 dic 2010 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Il 7 dicembre il Lions Club Rimini Malatesta all'Holiday Inn ore 20,00 presenterà l'edizione digitale del manoscritto di Luigi Tonini "Gregorio XII e Carlo Malatesti o sia la cessazione dello scisma durato mezzo secolo nella Chiesa di Roma 1873-1874". Questa opera del grande storico riminese era rimasta inedita, conosciuta solo da esperti e studiosi, eppure riguarda un episodio importantissimo per la storia di Rimini: Carlo Malatesta ospitò Papa Gregorio XII facendo di Rimini la sua Sede Pontificia (1414 - 1415), facendo prevalere le tesi riminesi sulla legittimità della sua posizione di "Papa vero" nel contesto del Grande Scisma della Chiesa che vide ben due anti-papi, con ciò contribuendo sostanzialmente a risolvere il Concilio di Costanza (1415). Rimini insomma per un anno divenne capitale della cristianità. 

mer 01 dic 2010 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

La sala del Giudizio del Museo della Città venerdì scorso era piena di gente. Tutti venuti per la presentazione della commedia in dialetto riminese marinaresco di Giovanna Grossi Pulzoni Do int una völta edito da "il Ponte Vecchio". Una dimostrazione di quanto ancora il dialetto, il mondo e la cultura da lui rappresentati siano importanti per una città. E non solo perché in quella parlata ancora ci si può riconoscere, il dialetto è la chiave che fa rivivere in una comunità, i suoi rapporti umani. Insieme all'autrice erano presenti Davide Pioggia che ha presentato uno saggio sulla toponomastica della Rimini romana e medioevale e Daniele Vitali che ha parlato dello studio dei dialetti romagnoli e della ricerca di un modo condiviso di tradurli in scrittura. Entrambi gli argomenti sono presenti in due saggi come premessa ed appendice del libro. Durante l'incontro sono stati letti dalla stessa autrice e da due attori, suoi amici, brani della commedia. Le battute ed i modi di dire erano costantemente sottolineati dal pubblico che accennava al sorriso o a gesti di approvazione. Una dimostrazione che era la parlata dialettale il veicolo del riso, dell'ironia, della commedia e della tragedia, senza questa le parole e le situazioni perdevano la loro anima.
Vi è quindi la necessità di mantenere viva questa parlata della nostra città per non dimenticare quelle parole che i più giovani hanno orecchiato dai padri e dai nonni e che avendole ancora nella mente possono meglio capire ed anche parlare quella "lingua" ed apprezzare in seguito la non piccola produzione poetica e teatrale in dialetto. 

mer 15 dic 2010 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Spesso passando per le stesse vie più volte negli anni non ci si fa più caso alla case, ai negozi, alle vetrine come fossero là da sempre, parte integrante e insostituibile del paesaggio urbano. Poi da un giorno all'altro spariscono, chiudono, e si sente all'improvviso un vuoto, come se mancasse qualcosa e non ci rendiamo subito conto cosa. Ci guardiamo intorno e ci accorgiamo che non solo la casa o il negozio non ci sono più, anche il quartiere, la città sono cambiati. Alla fine di questo mese e di questo anno chiuderà alla Fossaccia (Fusaza) in via Flaminia 139 un negozio da barbiere, una piccola vetrina, una luce non certo abbagliante, ma vedrete che quando le saracinesche saranno abbassate per l'ultima volta il luogo non sarà più lo stesso. 
La barbieria è quella storica dei gemelli Valentini Piero e Marcello. Durante i cinquanta anni della loro attività su quelle poltrone davanti allo specchio si sono sedute centinaia di persone ognuno con la sua storia, con il suo carattere, con le sue richieste. "Si parla di tutto, noi ascoltiamo e interveniamo". "Si impara a conoscere le persone ed apprezzarle, tutti hanno sempre qualcosa di interessante da raccontare". E naturalmente si parla di sport, di calcio. Piero e Marcello sono di due squadre diverse Juve e Inter, ma per dimostrare che il loro negozio è aperto a tutte le opinioni tirano fuori oltre alle bandiere della loro squadra anche quelle di altre formazioni.

mer 26 gen 2011 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Per il quindicesimo anniversario della sua costituzione, Linea D'ombra, la società di Marco Goldin, ha ridato il sorriso a tutti coloro che a Rimini amano l'arte e a quelli che lavorano per consolidare il nostro turismo culturale.
Non è durata molto la delusione per l'annuncio della stessa società di spostare in altre città le sue mostre d'arte. E' della settimana scorsa l'annuncio che Goldin non lascerà Rimini, ma al contrario allestirà sempre a Castel Sismondo con la Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini, una esposizione, per numero di quadri di grandi artisti, fra le più importanti d'Italia e d'Europa. Sarà inaugurata il 20 gennaio 2012 ed ospiterà quadri di grandissimi artisti: da Mantegna a Raffaello, da Tiziano a Lotto, da Guercino a Canaletto, da Velázquez a Goya, da Poussin a Fragonard, da Monet a Van Gogh, da Rembrandt a Vermeer, da Dürer a Cranach, da Gainsborough a Turner, da Kandinsky a Picasso. Un percorso artistico che va dal '400 al secolo scorso, un viaggio nella storia dell'arte divisa in nove sezioni: due per l'Italia del Quattrocento e Cinquecento, poi il Seicento e il Settecento, una per la Spagna di Seicento e Settecento, due ancora per la Francia dal all'Ottocento. Quindi i Paesi Bassi, la Germania ed Inghilterra, mentre la nona sezione sarà dedicata ad alcuni maestri del Novecento. 

mer 26 gen 2011 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Alle volte accade che dal cassetto dei sogni ne esca uno che poi si trasformerà in progetto, il primo passo per la sua trasformazione da sogno in realtà. Sta accadendo con il treno che dovrà collegare Rimini, la Riviera con la repubblica di San Marino. Tutti sanno, almeno i non più giovani, che prima della guerra esisteva una linea ferroviaria che si arrampicava fin su il monte Titano con ponti e gallerie. Queste ultime hanno offerto riparo a migliaia di Riminesi durante i bombardamenti del 1944 che distrussero la nostra città e la ferrovie Rimini San Marino. Nei decenni successivi, negli anni del successo del trasporto individuale e su gomma, con la realizzazione della super strada nessuno sembrò più essere interessato al suo ripristino. 
I tempi sono cambiati, l'inquinamento causato dall'aumento vertiginoso del traffico è sempre più un problema. La necessità di un graduale riequilibrio fra trasporto individuale e collettivo ha spianato il terreno a progetti come quello, proposto dalla nostra Amministrazione, della linea ferroviaria Rimini San Marino. Da tempo l'assessorato alla mobilità del comune di Rimini ha focalizzato l'attenzione su questo progetto e ne ha fatto partecipe tutti gli altri soggetti: il comune di Coriano, la Repubblica del Titano e la Provincia che dovrà coordinare gli interventi delle varie amministrazioni. La Regione ha valutato il progetto come priorità e questo permetterà di accedere più facilmente a finanziamenti specifici.

mer 26 gen 2011 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

I borghi di Rimini stanno sempre più diventando centri commerciali naturali. E mentre nel centro della città i negozi chiudono, nei borghi se ne aprono di nuovi, sei solo nel Borgo Sant'Andrea nell'ultimo anno. La tendenza a rivalutare i borghi come luoghi per collocare una propria attività è iniziata con le feste dei Borghi e il desiderio degli abitanti di ricostruire una comunità. Quindi si è intensificata l'attenzione sulla qualità del luogo in cui si vive e la presenza di attività commerciali qualificate certamente contribuisce ad aumentarla. 
Problemi sempre in primo piano sono l'arredo urbano, l'accessibilità, l'inquinamento prodotto da traffico, i parcheggi. Per quanto riguarda questi ultimi è stato aperto il parcheggio di via Melozzo. Per quello dell'area Scarpetti, i lavori, così ci assicura l'assessore Magrini, saranno iniziati subito dopo la realizzazione del parcheggio in via Italo Flori. E sempre l'assessore rassicura i commercianti: non saranno tolte le aree di sosta in via Saffi e via Covignano e non sono previsti cambi di sensi unici, "e che comunque ogni intervento sarà discusso preventivamente con le associazioni d'area e del commercio". 
Una prassi che dovrà essere attuata anche per quanto riguarda il paventato aumento del prezzo del parcheggio o il mettere a pagamento posti auto fin'ora gratuiti. Una preoccupazione presente nell'Associazione Sant'Andrea.Com, che lamenta che qualora si attuassero questi provvedimenti crescerebbe la disparità con gli apparati commerciali degli Iper dove le soste sono del tutto gratuite. 

mer 23 mar 2011 - Notizia di attualità - scritto da Costantini Claudio

E' di due settimane fa la vicenda di una studentessa rifiutata da una albergo per uno stage perché, per sua tradizione, portava lo hijab il velo islamico. Un caso che avrebbe potuto innescare incomprensioni, accuse di intransigenza, di fondamentalismo e perfino di razzismo. Fortunatamente non è stato così. E questo lo si deve alla maturità dei protagonisti, della ragazza in primo luogo, della scuola e degli albergatori riminesi. Ognuno ha espresso - senza voler entrare nel merito - le proprie ragioni poi si è trovata una soluzione senza costringere alcuno a fare cose contro le proprie convinzioni. Sono sempre più numerosi i lavoratori immigrati che lavorano nella nostra industria del turismo, alberghi, pensioni, bar. In molti esercizi sono la maggioranza e sono ormai indispensabili per il loro funzionamento. Una risorsa non solo per il lavoro perché ognuno porta con sé una cultura e tradizioni con le quali si deve confrontare e se ciò sarà fatto, con la dovuta apertura mentale, porterà senz'altro ad un arricchimento reciproco.

mer 06 apr 2011 - Notizia di healthness - scritto da Costantini Claudio

La produzione di energia da fonti rinnovabili ed ecologicamente sostenibili è la strada ormai obbligatoria da percorrere per soddisfare il crescente bisogno energetico. Nella nostra provincia vi sono aziende che quella strada la stanno già percorrendo...
La vostra azienda, la Marano Solar, partner Petroltecnica s.p.a. - Terra Therapy, è riuscita a formulare una proposta in grado di coniugare la bonifica ambientale con la produzione di energia pulita. Chi ha un capannone industriale con copertura in amianto può, a costo zero, sostituirla con pannelli fotovoltaici...
Marano Solar s.r.l. ha iniziato le proprie attività alla fine del 2010, ed è la new entry nella rete di aziende che sono legate a Petroltecnica s.p.a. - Terra Therapy. Ci occupiamo di progettazione, installazione e costruzione di impianti di energia da fonti rinnovabili,oltre che a produrre energia con impianti fotovoltaici di nostra proprietà. L'esperienza di Petroltecnica nella rimozione e smaltimento amianto ci ha permesso di allargare queste attività di bonifica alla sostituzione delle coperture in eternit degli edifici con impianti fotovoltaici. L'investimento necessario a rimuovere l'eternit, posizionare una nuova copertura e installare l'impianto fotovoltaico è ampiamente ripagato dal ritorno economico ventennale del Conto Energia. Oltre ai vantaggi economici dati dalla vendita o dall'autoconsumo dell'energia prodotta, e all'incentivo del Conto Energia, sono da sottolineare i notevoli vantaggi ambientali che provengono dall'eliminazione di un materiale pericoloso come il cemento-amianto, e dal mancato consumo di combustibili fossili, con conseguente mancata emissione di gas serra e altri gas inquinanti. 

mer 06 apr 2011 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

A poco più di un mese dalle elezioni comunali, i comitati, le associazioni e singoli cittadini hanno fatto sapere ai candidati a sindaco città i problemi ai quali la prossima Amministrazione dovrà dare una risposta. Per il Borgo Sant'Andrea, i nodi che dovranno essere sciolti sono innanzi tutto quelli della viabilità, dei parcheggi, della mobilità lenta, pedoni e biciclette, dell'arredo urbano. Tutti elementi, sottolinea Roberto Balducci dell'Associazione Quei de Borg ad Sant'Andrea, che se non affrontati potrebbero frenare lo sviluppo economico dell'area. Ad appena un chilometro da Piazza Mazzini passano la circonvallazione e l'autostrada che avrà sei corsie e con il futuro assetto saranno attuate nuove rotonde in via Covignano e all'altezza dei Padulli con relative vie di accesso al Centro e tutte in qualche modo interesseranno il quartiere di Sant'Andrea. Se si potenzieranno questi percorsi dovranno essere anche previsti parcheggi adeguati per non intasare tutta l'area.

mer 04 mag 2011 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Incrociare le dita è senz'altro utile per addormentarsi o ingraziarsi la sorte, ma non porta mai a risultati concreti. L'esperienza è l'ago della bussola che ci indica la strada più giusta da seguire e questa ci dice che la prevenzione è il metodo umanamente più adatto per prevenire i pericoli, gli incidenti, le catastrofi naturali e quelle prodotte da sconsiderati interventi umani. Facciamo pure i dovuti segni scaramantici, ma intanto dobbiamo plaudire all'iniziativa dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Rimini che ci ricorda che Rimini è a rischio terremoto. L'Ordine ritiene indispensabile informare correttamente sui rischi sismici del nostro territorio e nel contempo sensibilizzare i cittadini sulla necessità ed il valore della prevenzione per affrontare questi eventi che non possiamo prevedere quando avverranno. Possiamo però sapere se viviamo in un territorio a rischio ed il suo grado approssimato di intensità. E purtroppo abitiamo in un'area a rischio, lo indica l'orogenesi del territorio e la storia. In media ogni cento anni subiamo un terremoto di media-alta intensità, l'ultimo è del 1916.

mer 04 mag 2011 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Inizia la stagione dell'accoglienza. Doppia inaugurazione alla stazione di Rimini venerdì 22 aprile: nuova sede dell'Ufficio Informazioni Turistiche rinnovato e ampliato, ora anche nella parte dello stabile di piazzale Cesare Battisti che prima era dei vigili, e contemporaneo scoprimento proprio di fronte allo IAT, della prima elegante struttura di segnaletica verticale necessaria a Rimini come in tutte le città turistiche. Che tuttavia da noi era finora inesistente. Si tratta di una grande mappa - la prima, poi ne seguiranno altre tre - che fa vedere la nostra città in un colpo d'occhio e racconta a chi arriva in treno come visitare il Centro Storico. Evidenziati efficacemente, con fotografie e prospettive reali, i siti archeologici e artistici, anche grazie ad una legenda essenziale e comunicativa. Pur dando la precisa idea dell'impianto di Ariminum circondata dalle mura romane e medievali, comunica la città vera e contemporanea con le vie e i palazzi degni di menzione (da Palazzo Gambalunga a Palazzo Buonadrata e Ghetti) così come indica agli universitari dove trovare tutte le 16 sedi di UniBo. Voi siete qui, dice la carta. E di fronte a voi, "i percorsi pedonali consigliati all'interno del patrimonio artistico dell'Ariminum romana (III sec. a.C. - V sec. d. C.), medievale e rinascimentale (VI sec. - XVI sec.), moderna (XVII - XIX sec.). 

gio 19 mag 2011 - Notizia di healthness - scritto da Costantini Claudio

 

Per approfondire l'argomento che abbiamo anche trattato nei numeri precedenti del giornale, abbiamo intervistato Egisto Canducci, direttore del dipartimento Consulting Sales & Project Development di Daikin Italia, di cui la Rotex di Savignano è la sezione riscaldamento

Il risparmio energetico e la produzione di energia da fonti rinnovabili sono due facce della stessa medaglia, quella della difesa dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile. Quali sono i settori in cui opera la vostra azienda e che tipo d'impianti installate?
"La nostra azienda, una multinazionale giapponese, è leader mondiale nella produzione di pompe di calore, strumenti che consentono di operare congiuntamente sia nel settore del risparmio energetico sia nel settore dell'energia rinnovabile.
La pompa di calore non produce energia termica consumando risorse fossili se non in parte minore. Normalmente oltre i ¾ dell'energia termica utilizzata in un'abitazione, è prodotta da fonti rinnovabili. Infatti, il calore utilizzato viene semplicemente trasferito da un ambiente all'altro e alzato di temperatura".

 

gio 19 mag 2011 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Erano molti i riminesi e qualche turista - era presente anche il sindaco Ravaioli - che sabato hanno assistito in via Vespucci all'inaugurazione della mostra fotografica "Amarcord Embassy, Novecento" allestita lungo i pannelli che delimitano il cantiere del nuovo complesso"Embassy abitare il mare". 
Una serie di fotografie, molte delle quali scattate dal grande Davide Minghini, hanno fatto rivivere una parte della storia della nostra città, quella della Rimini dei bagni, e di un luogo, viale Vespucci e il suo locale più conosciuto, l'Embassy. 
Sono esposte fotografie del prima e del dopo guerra, dai primi del secolo fino agli anni '90. Per chi quei tempi li ha vissuti, guardare le immagini era come rivivere il passato di cui poteva sentire la musica, le voci, i suoni. Un'atmosfera ben rappresentata anche nel libro "Viale Vespucci" di Manlio Masini e Giuliano Ghirardelli editore Panozzo. Per i più giovani la testimonianza di come Rimini sia stata una meta per i più importanti artisti dello spettacolo. 

mer 01 giu 2011 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

In occasione della recente visita del presidente Giorgio Napolitano in Israele, è stata dedicata a Giorgio Perlasca una foresta di alberi piantati in suo onore. Alla fine della seconda guerra mondiale salvò a Budapest, spacciandosi per console onorario spagnolo, cinquemila persone di fede ebraica dalla deportazione. In Ungheria vi erano 800 mila cittadini ebrei, 500 mila non tornarono più dai lager. 
Il Borgo San Giuliano conosce bene questo "uomo normale" come lo definisce il figlio Franco, perché lo ha eletto nel 1992 cittadino onorario del Borgo. Nello stesso anno è nata la "Settimana del Giusto" una iniziativa che si propone di onorare una persona - o un'organizzazione - distintasi per atti di particolare significato umanitario, senza curarsi di frontiere ideologiche, nazionali, politiche, razziali o religiose. L'idea nacque da Sergio Giorgi il partigiano meglio conosciuto con il nome di Mazaset. Nel comitato promotore figuravano l'Anpi, la "Società de' borg", Chiamami Città, ONU di Rimini, e la Libreria Luisè.

mer 01 giu 2011 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

Subito dopo il ponte degli Scout, quello di legno sul deviatore Marecchia, le piene del fiume formano con i detriti, durante l'anno, un'isola di sassi: un luogo ideale e sicuro per molte specie di uccelli fluviali, la testimonianza di una rinascita, per ora, in senso naturalistico dell'ambiente. Le anatre, la specie più numerosa e fra queste il Germano Reale, sono riuscite a nidificare e all'inizio del mese di maggio si potevano vedere gli anatroccoli in fila nell'acqua seguire la madre o questa che andava sulle rive a raccogliere un piccolo che si era allontanato. 
Sono molti gli spettatori, soprattutto bambini con genitori e nonni, che si fermano a guardare con esclamazioni di contentezza e meraviglia: mamma, mamma guarda, come sono carini.... Finalmente vedono nella realtà quello che hanno solo osservato nei cartoni animati o nei libri. Vi è anche qualche pescatore dilettante, ma non sembra disturbare gli uccelli e anche i cani in quei luoghi vengono tenuti al guinzaglio. Non sono solo le anatre le frequentatrici dell'isola, vi sono altre specie che là fanno tappa in diversi momenti della giornata e dell'anno. Sulle rive nidificano la Folaga e la Gallinella d'acqua che tutti osservano quando si tuffa per pescare. Spesso si vede, soprattutto a fine estate, l'Airone Cenerino con il suo ciuffo, immobile con le zampe nell'acqua in attesa del passaggio di qualche pesciolino o lo Svasso Maggiore più raramente. Alcuni hanno visto anche l'Airone Rosso e la Garzetta. Qualche mese fa una piccola colonia di cormorani pescava sull'isola, prendevano il volo e si tuffavano in acqua quando vedevano la preda, poi sulla riva aspettavano con le ali aperte per asciugarsi. 

mer 15 giu 2011 - Notizia di healthness - scritto da Costantini Claudio

In luglio a Marina Centro sulla spiaggia dei Bagni dal numero 12 al 18 si svolgerà la nona edizione di "Rimini for Mutoko" il grande torneo di Beach Tennis per raccogliere fondi in favore dell'ospedale "Luisa Guidotti" di Mutoko nello Zimbabwe in Africa dove opera da oltre trent'anni la dottoressa riminese Marilena Pesaresi. Sono molte a Rimini le persone che conoscono l'opera della dottoressa Pesaresi, le associazioni e i privati che la sostengono finanziariamente e fra questi il gruppo di amici "Gli Spappolati" organizzatori di "Rimini for Mutoko" che con la loro iniziativa riescono a mettere insieme cifre di un certa consistenza. Nel 2010 sono stati raccolti 38.000 euro, l'anno prima 25.000. Giorgio Casadei, l'anima e le gambe dell'iniziativa, racconta che si è partiti nove anni fa con una modesta offerta di duecento euro dopo una partita fra amici, da qui, poi è nata l'idea di allargare l'iniziativa a tutti coloro che volevano partecipare e a ditte e imprese che a questa si volevano associare: nel 2010 erano 55 e i partecipanti alle gare 180. Quest'anno, anche se Casadei non fa previsioni, il numero delle aziende e ditte è aumentato e probabilmente lo saranno anche i partecipanti. I soldi raccolti vengono interamente e direttamente devoluti con bonifici alla associazione "Verso Mutoko" per l'ospedale "Luisa Guidotti" gestito dalla Marilena Pesaresi. L'anno scorso dei 38.000 euro raccolti, ventidue sono serviti per ampliare, con una nuova sala in muratura, l'orfanatrofio, annesso all'ospedale, con lettini e tre bagni per ospitare più di 20 bambini

mer 29 giu 2011 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

San Giovanni sarebbe un tutt'uno col Centro Storico, se non fosse separato dal traffico ininterrotto delle vie dei Bastioni. Come negli altri borghi - e contrariamente al centro- anche a San Giovanni aprono nuove attività, tre in questi ultimi mesi. Una di queste propone un indovinato ibrido fra commercio e artigianato. Una strada che altri negozi stanno percorrendo con discreto successo potendo proporre qualità e originalità, estro ed eleganza. Si è arrivati ad un numero sufficiente di esercizi di tal genere da poter proporre un percorso dell'artigianato nel centro di Rimini. 
La Festa del Borgo, oltre ad essere un evento culturale è un'utile occasione - saranno migliaia i visitatori - per mostrare ai Riminesi, la "Vetrina del Borgo" cioè tutto quello che di qualità e originalità il luogo sa offrire. 
I problemi della viabilità non si limitano all'area dell'Arco. Il Borgo San Giovanni è la porta meridionale della città, la più vicina al casello A 14. Il Palacongressi, poi, oltre ad essere una risorsa indubbia, appesantirà inevitabilmente il traffico di auto e mezzi pubblici. Sono fermi i progetti che riguardano via Tripoli la sua percorribilità, la sicurezza del sottopasso, la rotatoria all'incrocio con via Roma, lo svincolo di "Bigno", la fantomatica bretella di alleggerimento fino a via Ugo Bassi, mentre da tempo i borghigiani sarebbero favorevoli a una parziale pedonalizzazione di via XX Settembre. Progetti che per essere attuati necessitano di parcheggi; quello della nuova questura con più di 400 posti risulterebbe utilissimo se ben collegato. Tutti nodi che devono essere al più presto affrontati. L'Associazione Commercianti sa bene che non si può avere tutto e subito, ma appena finita l'estate chiederà al nuovo sindaco, a cui fanno gli auguri, di riunirsi attorno ad un tavolo per trovar la via più percorribile per risolvere i problemi.

mer 27 lug 2011 - Notizia di Riccione - scritto da Costantini Claudio

Un signore quasi settantenne vestito con un completo grigio siede sotto una tenda sulla spiaggia di Riccione, non sembra interessato alla conversazione e neppure a quello che succede intorno, forse i suoi pensieri stanno ripercorrendo gli anni della propria vita. Quel signore sotto la tenda ritratto in una fotografia dell'epoca, siamo nel 1934, potrebbe raccontarci molto di sé e del suo tempo, il suo nome è Silvio Lombardini ed è stato il primo sindaco di Riccione quando questo divenne comune autonomo nel 1922. Un uomo che "trasformò un'umile borgata in Perla Verde dell'Adriatico". 
Quel racconto ora ce lo propone Manlio Masini con il libro edito da Panozzo "Silvio Lombardini 1866 - 1935, un uomo perbene tra Santarcangelo, Forlì e Riccione". Lo fa ripercorrendo gli anni della sua vicenda umana e professionale attraverso documenti, giornali e anche fotografie completando in un certo modo quello che su Riccione aveva già scritto nel suo precedente libro, sempre edito da Panozzo, "Dall'Internazionale a Giovinezza" Riccione 1919-1929. Un personaggio in qualche modo non sufficientemente apprezzato e conosciuto anche dai riccionesi. 
Lombardini nasce a Santarcangelo, il padre è un piccolo artigiano che fabbrica pipe, la madre muore a 33 anni dopo aver dato alle luce cinque figli. Silvio intraprende gli studi di ragioneria - a quei tempi l'analfabetismo era altissimo - per diventare segretario comunale e funzionario statale. Trova impiego in diversi comuni della Toscana. Le leggi e le normative che riguardavano le amministrazioni erano ancora molto carenti. Nel 1901 ormai divenuto esperto riconosciuto nel diritto e legislazione e pratiche amministrative fonda il mensile "Lo Stati Civile Italiano"

mer 27 lug 2011 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Tutti coloro che per diversi motivi hanno i loro interessi contigui con il nostro porto canale e in primo luogo i pescatori, sanno che quando spira forte il vento Tramontana o Maestro è difficile se non impossibile entrare in porto e bisogna ricoverarsi a Ravenna o ad Ancona. E quando c'è burrasca non sono al sicuro nemmeno le imbarcazioni all'interno del canale. Da decenni si chiede la messa in sicurezza del porto. Si è costruita la nuova darsena, ma il pericolo è rimasto, se non peggiorato. 
Finalmente nel 2005 il comune di Rimini, usufruendo di un finanziamento regionale, vara un progetto per rendere sicura l'entrata nel porto canale. Dopo aver discusso con tutti gli enti e operatori interessati, dopo i dovuti monitoraggi delle maree, moto ondoso e correnti si è deciso di costruire due bracci di scogliere. Una, appena completata, della lunghezza di 150 metri congiunta al molo di levante; l'altra della lunghezza di 100 metri, che sarà perpendicolare alla nuova darsena. Insieme saranno in grado di abbattere all'imboccatura la potenza del moto ondoso del 60%. 
L'assessore ai lavori pubblici Roberto Biagini assicura che i lavori - già interamente finanziati (4,5 milioni di euro) - procedono regolarmente. A ottobre ci sarà un monitoraggio per verificare la tenuta della nuova diga, l'erosione delle correnti e il moto ondoso. Dopo aver fatto questi accertamenti cominceranno i lavori per la seconda diga. L'assessore non esclude che in un futuro, con una adeguata perimetrazione, le dighe potranno divenire luoghi per le passeggiate di riminesi e turisti. 

mer 27 lug 2011 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Un successo auspicato e puntualmente arrivato, ma non scontato quello della gara di Beach Tennis organizzata il 9 e 10 luglio sulla spiaggia da Giorgio Casadei e il gruppo gli "Spappolati" per raccogliere fondi per l'ospedale "Luisa Guidotti" di Mutoko nello Zimbabwe in Africa. Sono sempre più i riminesi che conoscono o hanno sentito parlare di quell'ospedale diretto da più di trenta anni dalla nostra concittadina dottoressa Marilena Pesaresi. Unico presidio sanitario in un raggio di 150 chilometri dove intorno vi è solo miseria e desolazione. Alla gara hanno partecipato 230 giocatori amatoriali, fra questi 80 donne alcune sopra i cinquanta, perfettamente in forma. Sono state disputate 400 partite - il termometro segnava 40 gradi, nei campi dei bagni dal 12 al 18 - con una notevole partecipazione di pubblico, circa 2500 persone. I vincitori di questa decima edizione sono: per la sezione maschile Andrea Zaghini, Claudio Mecozzi, per quella femminile Monica Cappelletti e Ilaria Gessaroli. Con questa iniziativa si sono raccolti 48.000 euro una cifra notevole, superiore a quella già alta dell'anno passato 38.000 euro. 
Un risultato che si è potuto raggiungere grazie alla partecipazione di 70 aziende e di donazione di singoli cittadini. Naturalmente tutti i soldi raccolti fino all'ultimo centesimo sono destinati all'ospedale ed ai suoi poveri pazienti. 30.000 euro sono serviranno per riattrezzare il reparto di radiologia ossea toracica completo di un tavolo operatorio motorizzato e il laboratorio di analisi con una nuova macchina per il conteggio dei linfociti per combattere l'AIDS, i rimanenti 18.000 saranno usati per la ristrutturazione del reparto bambini dell'ospedale.

mer 07 dic 2011 - Notizia di Valmarecchia - scritto da Costantini Claudio

Era finita solo da qualche mese, siamo nel 1865, la guerra di secessione americana quando il gesuita Padre Tosi partì dal principato di Monaco verso gli Stati Uniti. Dopo un breve periodo trascorso a New York si mise in viaggio verso le missioni cattoliche delle Montagne Rocciose per dare il suo contributo di fede ed evangelizzazione. Rimase in quei luoghi inospitali per venti anni, nel 1886 venne inviato in Alaska, una terra per la gran parte ancora sconosciuta, immensa, poco abitata e con un clima polare. Morirà in quelle terre nel 1898. I
l libro  "La vita di Padre Pasquale Tosi", a cura di Stefania Bolognesi ed Anna Falcioni edito da Bruno Ghigi per conto della Banca Malatestiana, ricostruisce il percorso della sua vita e della sua opera missionaria e lo fa attraverso una meticolosa ricerca negli archivi e una lettura dei documenti e delle numerose lettere da lui ricevute ed inviate.
Pasquale Tosi nasce a San Vito nel 1835 da una famiglia contadina e profondamente religiosa, nel 1854 la sua vocazione al sacerdozio, entra nel seminario di Bertinoro dove insegnano i gesuiti che danno alla sua cultura una dimensione vasta, che supera i confini della sua terra e dell'Europa. Dopo essere stato ordinato sacerdote va a Monte Carlo dove continua gli studi e le lingue, che impara con facilità. La vocazione per la missione e l'evangelizzazione è già tracciata. Viene destinato agli Stati Uniti e partirà per quel paese nel 1865. Nelle Montagne Rocciose portò la sua fede "senza costrizione" fra le tribù dei pellerossa facendo spesso da paciere negli anni delle terribili guerre indiane.

mer 07 dic 2011 - Notizia di cultura - scritto da Costantini Claudio

Alla fine della lettura del libro di Anna Maria Guccini sulla Valconca, chi non vi è mai stato vorrà andarci, magari durante una vacanza estiva sulla costa; chi la valle la conosce vorrà ritornarci. Il libro si presta a due letture, una complementare all'altra, due osservatori con prospettive diverse che dialogano lungo tutto il viaggio. Vi è la scoperta, o riscoperta, del paesaggio, i crinali, le colture, i castelli - e ve ne sono di belli, alcuni assai ben conservati - i borghi, i villaggi, le case coloniche, le chiese. Le belle immagini fotografiche sono puntualmente commentate, descritte e storicizzate. Sono poi riprodotte le mappe catastali e le cartografie del novecento e dei secoli precedenti e le fotografie scattate dagli aerei della seconda guerra e ora dai satelliti. Due visioni che costantemente si confrontano e ci mostrano i cambiamenti prodotti nel tempo sia dall'urbanizzazione sia dall'abbandono del territorio. 

mer 21 mar 2012 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Non è da oggi che gli abitanti e gli operatori economici del borgo Sant'Andrea chiedono che venga finalmente affrontato il problema della viabilità, dell'accesso al quartiere, la risistemazione di piazza Mazzini, l'avvio dei lavori per il parcheggio Scarpetti e Italo Flori e la creazione di un'area polifunzionale dove un tempo era il Foro Boario. Quest'anno dovrebbe essere quello decisivo per la conclusione di almeno una parte dei progetti. A differenza degli altri interventi per cui vi sono già progetti definitivi, per il Foro Boario, un'area strategica per il borgo, si stanno in questi mesi mettendo a punto le idee guida per la sua realizzazione. Intanto c'è stata una serie di incontri con gli abitanti, le associazioni e gli operatori del commercio per spiegare il tipo di intervento ed accogliere idee e suggerimenti. I lavori, ci assicurano, stanno procedendo con celerità ed è intenzione dell'Amministrazione concluderli in tempi ragionevoli. Il progetto sarà unitario, anche se la sua realizzazione potrà essere fatta per stralci. Il Foro Boario sarà un luogo di incontro per il quartiere con attività commerciali e di ristoro, sono previsti spazi verdi e parcheggi con l'eliminazione di manufatti cadenti. Insomma, una vera piazza con portici dove si potranno svolgere in determinate date mercatini di varie merceologie.

mer 04 apr 2012 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

 

Nelle città si sono sedimentati il lavoro, la vita la storia delle persone che lì hanno abitato. Sono gli uomini che hanno costruito le città, ma queste a loro volta con il passare degli anni hanno formato il cittadino. Nel nostro caso il riminese, in altri luoghi il modenese, il bolognese e così via. E' difficile a questo punto saper dire qual è il ruolo della città nel determinare le scelte che fa il suo cittadino nel modo di vivere, di realizzare un propria idea, un progetto, una casa, un'azienda. Ed è altrettanto arduo stabilire qual è il contributo originale del cittadino nell'evoluzione della città. 

Gianfranco Simonetti con il libro "Rimini città della Trevi" ha usato il linguaggio delle immagini più delle parole, per mostrarci il trascorrere del tempo e i cambiamenti di Rimini negli ultimi trentacinque anni. Che è stata anche l'età della Trevi, un'importante industria elettronica di consumo nata e sviluppatasi nella nostra città. Le fotografie che marcano gli anni, le mode, i luoghi, le abitudini che cambiano, sono intercalate dalle fotografie dei prodotti della Trevi usciti negli stessi anni con un loro tipico design che molti possono ricordare. 
Venticinque anni fa lo stereo si portava sulla spalla e il filobus faceva capolinea in piazza Tre Martiri. Paralleli che si ricorrono in tutto il libro. Le foto di Simonetti sono un documento che non può essere contraffatto, una realtà più credibile del racconto. Ogni immagine porta la mente al periodo in cui è stata scattata ed il lettore può legarla alla sua storia. Ciascuno degli anni, dei trentacinque che si raccontano nel libro, ha una sua legenda che non è cronologia, ma piuttosto uno sguardo soggettivo sulla città che l'autore non nasconde. 

 

mer 04 apr 2012 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

"Quando ve ne sarete andati mi verranno in mente i fatti, le persone e i luoghi che ritornano tutti i giorni nei miei ricordi e che ora non so raccontarvi come vorrei". Jonne Balestra, classe 1916, seduta su di una sedia vicino ad una luminosa finestra, pronuncia queste parole con un leggero sospiro, poi aggiunge: "Sono nata nella Castellaccia, un quartiere non certo ricco della città, ma a me piaceva vivere là, ci conoscevamo tutti, vi sono rimasta fino agli anni ‘50. I miei mi hanno fatto studiare, ho fatto le medie e poi sono diplomata come maestra giardiniera. Mio padre, del borgo San Giuliano, prima di sposarsi emigrò in Argentina e tornò dopo qualche anno con un po' di soldi per comprare la casa. D'estate andavamo al mare in bici con le amiche passando da via Bastioni, la domenica al cinema, alle volte andavo anche da sola al Fulgor a vedere i film a puntate. I ragazzi non erano cattivi, era solo che avevano studiato poco. Non mi sono sposata, avevo un carattere un po' difficile, c'è chi mi corteggiava, ma non più di lì - aggiunge in dialetto - forse non mi hanno voluto". "Non ho fatto molti viaggi, ma sono stata a Roma per dare l'esame di stato di maestra giardiniera e il giorno in cui Mussolini dichiarò la guerra ero a piazza Venezia. La gente gridava tutta contenta. Se avessero potuto solo immaginare la catastrofe che ne seguì...". 
"Ho sempre lavorato - continua Jonne - dopo gli studi, nel negozio alimentare di mio padre in piazzetta Ducale all'angolo con via Cavalieri, poi da Isaia Pagliarani che vendeva prodotti per bambini. Io mandavo le lettere alle neo mamme per propagandare i suoi prodotti. Un'occasione per un buon lavoro mi capitò all'inizio della guerra. Gli uomini erano stati richiamati alle armi e all'anagrafe avevano cominciato ad assumere qualche donna istruita che sapesse anche scrivere a macchina, mentre prima praticamente vi erano solo uomini.

mer 18 apr 2012 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Nella città, e specialmente nel borgo San Giovanni, si comincia ad avvertire l'influenza positiva che il nuovo palazzo dei congressi ha sull'economia dell'area. 
La si è toccata con mano in occasione dell'ultimo importante congresso, quello della massone-ria. Se è vero che il Palacongressi ha una sua potenzialità interna per soddisfare la domanda di servizi, è pur vero che chi viene per l'evento, poi non vuole chiudersi per tutto il tempo nelle sale delle conferenze e vuole visitare la città. E il borgo San Giovanni è un passaggio obbliga-tor. I ristoranti, i bar, le cantinette, i negozi, potranno senz'altro trarne vantaggio. 
Ma siccome bisogna salire sull'albero per cogliere i frutti è necessario affinare l'offerta e farla conoscere e poi stabilire percorsi preferenziali e itinerari che coinvolgano il Borgo. Vale per i congressisti come per i turisti estivi, che per venire in città hanno via Tripoli e quindi il borgo come itinerario naturale. Una via che dovrebbe essere percorsa da mezzi per il trasporto multiplo non inquinanti. C'è poi il tracciato verde dell'Ausa, il più strategico fra quelli ciclo-pedonali: prezioso, utilizzato e non certo degradato (appena conclusi i lavori al sottopasso ferroviario), ma ancora qualcosa in più per valorizzarlo si poterebbe fare. Magari separare dov'è possibile le bici dai pedoni? Quella che nei paesi nordici è la norma, a Rimini sarebbe una novità assoluta.

gio 03 mag 2012 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

La storia di un paese, di una comunità, di una città, la si può ripercorrere e in qualche modo rivivere scegliendo una strada fra le cento che le vestigia ed i documenti ci presentano. Lanfranco Capelli ha scelto per il suo racconto storico su Rimini quella del commercio, qui da noi spesso coniugato con l'artigianato, che si è sviluppato nella bottega tradizionale come "centro di relazioni sociali". 
Il lavoro di Capelli copre un ampio arco di tempo dal primo secolo ai giorni nostri. Una ricerca metodica - citando di volta in volta rigorosamente le fonti - attraverso documenti, vestigia ancora visibili e libri della storia della nostra città. L'ultima parte del libro, quella che copre gli ultimi due secoli, è quella che in parte possiamo rivedere e immaginare tutti noi solo se, passeggiando per la città, alzassimo lo sguardo ai piani superiori dei palazzi, delle case, dei negozi. Rivedremmo in parte quegli stessi edifici che sono riprodotti nelle prime fotografie della città riproposte in copia nel dattiloscritto. Una città che Lanfranco Capelli ha conosciuto in parte direttamente, in parte attraverso la storia della sua famiglia originaria tutta della Contrada dei Magnani e borgo Sant'Andrea. 
I fratelli Capelli sono conosciuti a Rimini per i loro negozi di abbigliamento. La loro origine come commercianti nel settore dell'abito e della moda risale alla fine dell'‘800. Il bisnonno aveva una sua sartoria, il nonno nel 1896 apre il suo primo negozio in piazza Tre Martiri, allora Giulio Cesare, in un edificio demolito nel 1921 per aprire la via IV Novembre, mentre i figli con il carro trainato da cavalli continuavano "a fare i mercati". Si trasferiscono quindi al numero 6 di via Garibaldi, negozio chiuso definitivamente qualche anno fa. 

mer 16 mag 2012 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Dopo un certo periodo di sconcerto, i riminesi hanno cominciato ad abituarsi, o meglio a non far più caso, alla nuova "diga foranea" perpendicolare alla palata del nostro porto canale. Si è cominciato a vedere un possibile lato positivo della struttura specialmente da quando è stato alla sua sommità ricavato un marciapiede abbastanza largo da essere percorso per una passeggiata. E infatti la possibilità di camminare sulla nuova scogliera è da settimane richiesta a gran voce da tanti cittadini. Anche perché arrivare infondo alla "palata" è sempre più difficile. 
L'Amministrazione comunale ha recepito il messaggio. In settimana l'ingegner Totti, responsabile Infrastrutture, Mobilità e Ambiente, farà un ulteriore sopraluogo per mettere a punto un progetto e darne esecuzione. 
L'afflusso di visitatori, così ci fanno notare, dovrà in qualche modo essere regolamentato, essendo la diga concepita come un'opera di difesa del porto. E dovranno essere rispettati parametri di sicurezza. 

mer 30 mag 2012 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Puntualmente ogni volta che in Italia la terra tragicamente trema distruggendo edifici e uccidendo persone, le città fanno l'esame di coscienza. Si interrogano chiedendosi dove e di quale intensità sarà il prossimo evento, quali sono le prevenzioni adottate. Domande che si fa anche la nostra città ricordando il terremoto del del 1916. In tre riprese - 17 maggio, 16 giugno, 16 agosto, oltre a scosse protrattesi fino a dicembre - Rimini contò 4 vittime, 15 Riccione, centinaia furono i feriti, 1000 edifici lesionati di cui 600 dovettero essere abbattuti. 
Un anno fa a Rimini l'Ordine degli Ingegneri della nostra provincia ha promosso una serie di incontri e mostre dal titolo "Io non tremo" per far conoscere gli effettivi pericoli di eventuali sommovimenti tellurici. Una iniziativa che riuscì a focalizzare nelle giuste dimensioni e senza creare inutili allarmismi il problema della prevenzione. La stessa rassegna adeguandosi a diverse realtà, in collaborazione con il locale Ordine degli Ingegneri è stata proposta dal 5 al 23 maggio a Pesaro, poi sarà la volta di Firenze. 
L'Ordine ci rammenta che a Rimini il 70% degli edifici non è in regola con le norme antisismiche dal momento che fino al 1983 non rientravamo nella categoria di città ad alto rischio. Lo eravamo dal 1927 al '38. Dopo la guerra si doveva ricostruire e si derogò alle regole di prevenzione sismica. Dal 1983 le normative sono diventate via via più severe (decreti del 2003 e 2008). 

mer 30 mag 2012 - Notizia di Borgo Sant'Andrea - scritto da Costantini Claudio

Il centro della nostra città si va sempre di più espandendo ed in questi ultimi tempi il processo ha avuto una accelerazione notevole. I borghi, pur cercando di mantenere una propria individualità, sono sempre più vicini al Centro. Le mura della città, non quelle antiche, ma quelle tracciate dalla nuova conformazione urbana si sono notevolmente allargate. I quartieri ed i borghi sono sempre più integrati in un tessuto urbano di una città che vuol diventare ecosostenibile per quanto riguarda la viabilità e la salubrità dell'aria. Al Borgo Sant'Andrea, quello più vicino all'autostrada ed alla circonvallazione, ne sono pienamente consapevoli e quindi interessati a discutere i problemi della viabilità e dell'accessibilità che riguardano: Piazza Mazzini, via Saffi, il parcheggio dell'area Scarpetti, quello di via Cignani e Melozzo da Forlì con la relativa piazza, la circolazione attorno alla scuola Toti. Quest'ultimo punto ha trovato una soluzione condivisa, l'entrata nella rotatoria sarà lato monte, l'uscita su via Saffi, lato mare. 

mer 27 giu 2012 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Rimini oltre la casa del Chirurgo potrà avere anche la Casa di Bacco, perché Rimini da un po' di anni, ma forse fin dai tempi dei romani, profuma di Sangiovese. Ne ha parlato Alfredo Monterumisi, "ambasciatore della città del vino", sabato 23 giugno nel giardino della "La Lavanderia", la Taberna del Museo in via Cavalieri. 
"Il turismo - ha detto Monterumisi - non può essere più solo mare e spiaggia, sono migliaia le località che ci possono fare concorrenza e ancor più oggi con i voli low cost. Noi possiamo dare alla nostra offerta un valore aggiunto, che è quello di saper coniugare il turismo della Riviera alla cultura, all'arte, alla storia, all'enogastronomia. E per progettare il futuro bisogna conoscere il passato, la storia dell'enogastronomia. Questo percorso lo si può fare attraverso il vino perché il vino è storia, cultura, memoria, racconto. E' quindi necessario creare un distretto turistico integrato prendendo spunto da quello che hanno fatto i francesi per esempio sulla Costa Azzurra o gli spagnoli". 
Un progetto di "Enoturismo Club" il Centro Culturale Enogastronomico, il cui tema è il vino. Che coinvolgerebbe le località della provincia di Rimini: Santarcangelo, le valli dei Marano, Marecchia e Conca.

mer 27 giu 2012 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Dal 21 giugno vi è un motivo in più per fare una escursione in Valmarecchia, sia per i riminesi che per i turisti: visitare la "Collezione da Parigi" e la "Collezione Orientale" di Fernando Gualtieri esposte nel lo storico Palazzo Mediceo di San Leo. Nella stessa valle, un altro comune custodisce da dieci anni le opere del Maestro: Talamello, che alla sua arte ha dedicato il museo "Lo splendore del Reale". 
Talamello è il luogo di origine della nonna e della mamma del pittore, entrambe emigrate in Francia, dove novantatre anni fa, a Longlaville, nacque Ferdinando. Da quando iniziò il suo percorso artistico a Parigi, i suoi quadri hanno fatto il giro del mondo, sono stati esposti a Londra, New York, Parigi, Pechino, Tokio... e ora sono ritornati in gran parte nella terra di origine dell'artista. Questo dal 2010, quando Gualtieri decide di terminare l'attività nella sua galleria a Parigi, la "Galatée Gallery", per trasferire le collezioni in Romagna. Le due località, Talamello e San Leo, sulle rive opposte del Marecchia, ora sono due tappe del percorso pittorico di Gualtieri. Alla fine della visita al museo "Lo splendore del Reale", nasce immediato il desiderio di continuare a percorrere la via dell'arte di Gualtieri e per appagarlo si può prendere la strada per San Leo. Un circuito che oltre alle due località potrà comprendere San Marino, dove si trovano altre opere del pittore dello "Splendore del reale". Un percorso che può arricchire le offerte turistiche del nostro territorio. 

mer 11 lug 2012 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Nelle serate del 14 e 15 Luglio il Borgo invita i riminesi ed i turisti a una grande cena "sotto le stelle" lungo la via XX Settembre. La strada sarà chiusa al traffico e si riempirà dei tavoli e delle sedie delle enoteche, dei bar, del fornaio, delle rosticcerie, pizzerie, piadinerie, ma anche latterie e negozi alimentari. Ciascuno presenterà menù originali con le proprie specialità. E la gamma della scelta è molto ampia: solo in via XX Settembre sono circa quindici gli esercizi che hanno a che fare con l'enogastronomia nei sui vari aspetti. 
Oltre ai tavoli dei ristoratori, vi saranno anche quelli dei borghigiani. Al proposito, Alfredo Vigorosi del Comitato Esercenti del Borgo San Giovanni, associazione che organizza la Festa, "invita tutti a scendere in strada e portare tavoli e sedie per ospitare amici e conoscenti a cena in uno dei luoghi più suggestivi di Rimini". E sempre Vigorosi tiene a sottolineare che " i protagonisti della vita del borgo e delle iniziative devono essere i suoi abitanti, i borghigiani; la loro presenza dà vita al luogo e lo preserva da ogni possibile decadenza". 
Come nelle altre edizioni una componente importante delle serate sarà la musica. Due sono i complessi musicali: "The Reverend Dave & Orchestrina" é un progetto che nasce nel 2007 dall'idea di unire la melodia italiana degli anni cinquanta e sessanta con sonorità tanto blues quanto rockabilly; "La Santeria" che nasce nel 2009 come sintesi di tante altre esperienze musicali. 

mer 01 ago 2012 - Notizia di Zeinta de Borg - scritto da Costantini Claudio

Un giallo a sfondo storico, ambientato ai nostri tempi, in una località marina dove nelle vicinanze si trovano alla sommità di una collina che si protende sul mare, i ruderi di un'antica abazia non distante dai resti di un castello e di un abitato medioevale. Le scorribande saracene nel medioevo furono la causa principale della loro distruzione. Franc Ravelli ha ottenuto l'incarico dal sovraintendente ai beni culturali - le indagini della polizia erano ad un punto morto - di cercare le tracce di un illustre archeologo Alfonso Rodari scomparso da alcuni mesi mentre stava conducendo delle ricerche nel sito dove sorgeva l'antica abazia. Dopo alcuni sopraluoghi, sentiti i testimoni e con indovinate deduzioni Ravelli ritrova il corpo di Rodari in uno stato di decomposizione. La causa della sua morte si poteva ricondurre, a prima vista, ad un incidente sul lavoro quindi il caso si sarebbe potuto chiudere velocemente. Ma frugando nelle tasche dell'archeologo, Ravelli trova una antica preziosa collana con una scritta intarsiata nell'oro: nunc et semper. Una traccia ghiotta per un detective che aprirà un nuovo scenario investigativo dove il passato si intreccia al presente, che porterà alla luce le vere cause che mille anni prima portarono alla distruzione del'intero complesso. Assieme a lui, alle sue indagini, scopriamo che la storia umana è un pozzo senza fine di crudeltà e mostruosità inaudite. Straordinario, nel libro di Aldo Sanese, l'accostamento insolito fra vita turistica di una località balneare - un paesaggio, che basta guardarsi intorno, possiamo ritrovare lungo la nostra costa - e la realtà che si scopre nel sottosuolo della collina percorsa da cunicoli e passaggi segreti.

mer 29 ago 2012 - Notizia di Borgo San Giuliano - scritto da Costantini Claudio

Il futuro di una comunità è nelle persone che la compongono e nella loro storia, saranno loro i protagonisti degli anni a venire. Dalle radici si assorbe la linfa vitale, ma sono le nuove generazioni che devono a loro volta alimentare la pianta della vita. Negli anni di crisi economica - e non solo come quello che stiamo vivendo - prevale il pessimismo sul futuro tanto da dar credito alle profezie di fine del mondo come quella del calendario dei Maya che la data al termine di quest'anno. 
A dispetto del pessimismo dilagante, la società del Borgo con la sua diciottesima festa biennale ha voluto dare un messaggio di speranza. E sono i giovani a essere protagonisti, quelli che hanno preso le redini in mano dell'organizzazione per indicarci la strada per un "ritorno al futuro" facendo coincidere per 48 ore presente, passato e futuro. 
Il presidente del rinnovo generazionale della Società de Borg, Luca Miserocchi, tiene a sottolineare che una festa ha come primo scopo, altrimenti non sarebbe tale: quello di far divertire le persone, di farle sentire a proprio agio fra le vie del borgo mentre assistono da protagonisti o spettatori agli spettacoli, dove adulti, anziani e bambini possano trovare il loro spazio. 
"Le persone hanno bisogno di credere nel futuro - continua Miserocchi - tanto più in anni difficili come questo, anche a livello psicologico". 
Anno di crisi, di taglio delle spese, come avete fatto a realizzare un cartellone di eventi così ricco? "Molti sponsor hanno dimezzato i contributi - spiga Miserocchi - questo anno però abbiamo autogestito totalmente la regia della festa con un buon risparmio e con l'appoggio del comune e della Sagra Malatestiana abbiamo potuto allestire lo spettacolo di musica sinfonica nell'invaso - il grande evento di apertura della festa alle 22,15 di sabato 1 settembre - Il Dies Irae dal Requiem di Giuseppe Verdi eseguito dall' Orchestra Sinfonica G.Rossini e l'Orchestra d'Archi Lettimi con Coro A.Galli e Coro Lirico M.Alboni (105 coristi e 65 orchestrali), che avrà come sfondo i fuochi d'artificio muti di Scarpato. Ogni piazza e strada del borgo sarà luogo di eventi musicali di diverso tipo, popolare, jazz moderna, teatrali, che parleranno del passato, del presente e del futuro. Per la prima volta la Società de Borg sarà ispiratrice e produttrice di un concerto con brani musicali inediti sul borgo San Giuliano e avrà un ospite di eccezione il grande chitarrista Pietro Nobile". 

mer 26 set 2012 - Notizia di Borgo Marina - scritto da Costantini Claudio

Con internet, la stampa digitale, i giornali on line, i blog, i social network, tutte le notizie, gli avvenimenti e l'informazione commerciale che per arrivare al pubblico avevano bisogno di un supporto cartaceo, ora in gran parte viaggiano in forma di numeri nella grande rete. Le tipografie che solo due decenni fa erano gli incontrastati luoghi dove la carta si riempiva di immagini, parole e notizie ora, specialmente le medie e le piccole, stanno chiudendo o hanno vita assai difficile. La tipografia Zangheri era una di queste con una storia centenaria alle spalle. Erano i primi anni del novecento quando Gualtiero Zangheri, Cosmi e Gattei fondarono la tipografia Operaia, che dopo la separazione dei soci prese il nome di tipografia Zangheri. Enzo Pirroni in questo suo libro ha voluto raccontarci la storia del fondatore Gualtiero, (il padre Attilio se ne era andato, lasciando moglie e figli, per seguire una cantante lirica) dei figli e dei nipoti. Ognuno con un suo percorso di vita, non tutti furono tipografi, ma la tipografia fu un punto di partenza e di riferimento costante. 

mer 24 ott 2012 - Notizia di attualità - scritto da Costantini Claudio

Si è chiusa lo scorso 15 ottobre la sanatoria del 2012, ovvero la possibilità di regolarizzare i lavoratori in nero che non hanno nessun tipo di tutele. Il risultato non è certamente edificante. Le domande inviate sono state 134 mila su una cifra stimata di lavoratori in nero immigrati di circa 800 mila in tutti i settori lavorativi, agricoltura, artigianato, industria, domestico, edilizio. Di queste domande circa l'83% riguardano il lavoro domestico. A Rimini le richieste per l'emersione del lavoro nero sono state 689 di cui 610 (88%) una media più alta di quella nazionale, per lavoro domestico. La ragione di questa disparità ce la spiega in un comunicato Massimiliano Zani responsabile di CNA World Rimini: "il costo per una richiesta relativa a colf e badante non supera i 2.000 € (tra una tantum e contributi previdenziali), mentre in settori come l'edilizia, il commercio, o l'agricoltura il costo può essere tra due a quattro volte maggiore". 

mer 07 nov 2012 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Chi oltrepasserà l'Arco di Augusto ai primi di dicembre per recarsi al Borgo San Giovanni potrà vedere finalmente, in via XX Settembre, la bella facciata del Palazzo Ghetti restaurata. Per il ripristino degli appartamenti del signor Ghetti ci vorrà ancora qualche mese. 
Dopo più di sessanta anni dalla fine della seconda guerra mondiale uno dei più bei palazzi dell'Ottocento riminese rimasto in piedi dopo i bombardamenti torna ad abbellire la città e il borgo. Questi ultimi interventi completeranno l'opera iniziata qualche anno fa con il restauro della parte posteriore del cortile, del porticato e delle ali. I lavori sono stati finanziati dalla banca Malatestiana, che in quel palazzo ha stabilito la sua sede. Con la chiusura del cantiere verrà ripristinato il passaggio che porta alla circonvallazione e ai parcheggi dell'ex consorzio. 
Sempre a dicembre, il Borgo sarà illuminato dalle luci natalizie che si accenderanno in un momento di crisi, una luce necessaria per illuminare quel tunnel della recessione di cui solo alcuni riescono a vedere la fine. Al di là dei soliti contrasti sui costi e la loro ripartizione, i commercianti lamentano che nonostante la spesa per la realizzazione delle luminarie sia stata ammortizzata negli anni passati e i fili già stesi da una parte all'altra della strada, i costi non sono diminuiti. Il prossimo anno si ritornerà alla tradizione - resteranno comunque le luminarie - quella dei presepi fatti dalle scuole ed esposti nelle vetrine e con premi per i più belli. 

mer 07 nov 2012 - Notizia di Borgo San Giovanni - scritto da Costantini Claudio

Nel numero scorso di Chiamami Città, Oreste Delucca aveva lanciato un appello per salvare il cippo romano del primo miglio della via Flaminia alla Colonnella, lamentando il degrado in cui si trova. Delucca ha anche ricordato l'importanza di questi segnali, della loro storia, dei luoghi che da questi hanno preso nome. Ebbene questa pietra ha rischiato il degrado e la sua distruzione più negli ultimi decenni con il crescere del traffico e delle nuove costruzioni, che nei suoi duemila anni di storia. 
La pietra miliare per ora è stata transennata e fatti i primi scavi di prospezione, dai quali emerge il basamento. In settimana l'assessore comunale alla cultura Massimo Pullini insieme a Maurizio Biordi, dirigente della sezione di Archeologia, decideranno sul recupero e restauro della colonna. 
A Rimini è stata redatta tempo addietro una carta delle potenzialità archeologiche che potrebbe, se tenuta in giusta considerazione, favorire il recupero di reperti di epoche passate e una attenzione maggiore quando si costruisce e si scava in luoghi sensibili. 
Solo all'ex consorzio agrario durante gli scavi sono state riempite cinquecento casse di reperti da studiare e catalogare. Sotto la platea dell'ex Supercinema sono venute alla luce varie stratificazione di epoche passate fino a quella romana dove sono, anche lì, emersi mosaici di epoca imperiale. 

mer 21 nov 2012 - Notizia di Centro Storico - scritto da Costantini Claudio

Erano gli anni in cui in mare a qualche metro dalla battigia, c'erano, a distanza di un centinaio di metri una dall'altra, le altalene con la pubblicità del Campari sulla traversa. Quante persone, bambini, ragazze, donne sono stati fotografati mentre ondeggiavano avanti ed indietro. La maggioranza delle foto erano ancora sviluppate in bianco e nero e c'era la fila dei bagnanti che aspettavano di essere fotografati. Sono i ricordi di Renato Patrignani, storico fotografo di Bellariva. "Iniziai da ragazzo questo mestiere - continua Patrignani - poi nel ‘68 decisi di mettermi in proprio e aprire un negozio, quello stesso che chiuderà a giorni perché cesso l'attività. La licenza comprendeva oltre alla fotografia anche quella di vendita di bombole a gas. Con quest'ultima mi sono pagato il negozio". 
In pochi anni la fotografia ha avuto uno sviluppo, un cambiamento drastico, non più pellicola e camera oscura, ma foto digitali: "Prima non si vedeva l'ora di sviluppare su carta quello che avevi impresso nella pellicola, ora vedi subito il risultato sul display e non c'è più l'emozione dell'attesa, della scoperta". Patrignani con le sue foto, scattate nell'arco di quasi mezzo secolo, molte esposte nel suo negozio a Bellariva, ha documentato il mutamento dei costumi, del modo di vivere, di divertirsi, di fare vacanza. A Bellariva non c'era cresima, matrimonio, comunione che non vedesse la presenza della sua macchina fotografica. "Si lavorava sedici ore al giorno, nel negozio con mia moglie, nella camera oscura per sviluppare e poi la sera d'estate nei dancing, nei lunapark e la mattina sulla spiaggia".

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - è