CULTURA

guarda tutti gli articoli

L'ORGOGLIO E LA RABBIA DI ESSERE ORIANA FALLACI

RIMINI - Notizie cultura - mer 27 mar 2013

In "mi chiedete di parlare..." Monica Guerritore è ‘la Fallaci'. Ma anche la sua ombra, Oriana. Più che raccontare la più famosa (e famigerata) delle scrittrici e giornaliste italiane, la Guerritore ne riprende il respiro. Da grandissima interprete di donne assolute qual è. «Lo spettacolo è nato dall'imbarazzo di pensare a un talento come la Fallaci catturato sotto un cappello politico che non le appartiene» mi dice la Guerritore, che ne è drammaturga, interprete e regista. «Raccontare la libertà, la grandezza dell'artista era la cosa più importante, fuori dalla sciatteria con cui per "La rabbia e l'orgoglio" è stata letta da personaggi come Calderoli. L'urlo contro il micidiale attentato dell'11 settembre per lei non è una bandiera politica, ma una specie di urlo di Munch, un urlo di rabbia, che solo dopo diventa ragionamento. La sua è una scelta di vita contro una cultura di morte.» Come l'ha concepita? «Il personaggio si fa vivere partendo dagli inferi, come scrive Hillman... Per entrare nel suo respiro, nella pelle ci sono voluti sette, otto mesi. Leggo moltissimo e lascio sedimentare, fino a un materiale magmatico, alla costituzione di un ‘fantasma' che si compone dei brani che scelgo... c'è come un processo alchemico, poi ogni cosa va al suo posto e in una decina di giorni scrivo il testo».

Ora Eutyches diventa interattivo

RIMINI - Notizie cultura - mer 27 mar 2013
di Lorella Barlaam

Nasce dai desiderata dei disabili, la nuova guida interattiva della Domus del Chirurgo che sarà presentata al Museo della Città il 5 aprile alle 16.30. Un format rivolto all'handicap mentale ideato nell'ambito del Progetto Europeo C.L.E.A.R., che potrebbe trovare applicazione in tutti i luoghi culturali, per ‘gestirne' la visita in autonomia. "Quattro sassi" il nome del progetto, di cui è stato promotore il Centro Zavatta di Rimini, l'output è un video interattivo su tablet che, passo passo, permetterà di vivere la storia e i personaggi della Domus del Chirurgo.
«Era necessario mettere a punto uno strumento che non chiedesse modifiche agli spazi né li invadesse, autonomo nell'uso, e il nostro lavoro si è concentrato sull'audiovideoguida» mi spiega Anna Pizzioli del Gruppo Alcantara, che ne ha curato la ‘drammaturgia', mentre Zaffiria ha tradotto il tutto in forma multimediale. «Per realizzarla c'è voluto un anno e mezzo. Nella prima fase abbiamo coinvolto in percorsi di sperimentazione all'interno di Domus e Museo gruppi di persone di età diversa e con disabilità cognitive differenti, per rilevare gli elementi che destavano maggior interesse. E sicuramente le cose che li colpivano di più erano i riferimenti alla vita quotidiana dell'epoca, che li emozionava e in cui si identificavano, il discorso della morte... anche il titolo, "Quattro sassi", è ispirato alla battuta di un disabile che, entrato nella Domus, ha detto: "ma ci avete portato qui per vedere quattro sassi?". Per fortuna - sorride Anna - poi si è ricreduto.

Niccolò non è mai stato machiavellico

RIMINI - Notizie cultura - mer 13 mar 2013

Sapere che oggi gli si attribuisce il motto «il fine giustifica i mezzi» susciterebbe l'enigmatico sorriso di Niccolò Machiavelli. Che non l'ha mai scritto. Per fortuna a decostruire la vulgata ‘machiavellica' e a restituire al Segretario della Repubblica fiorentina il profilo del «più influente scrittore politico repubblicano moderno» da anni lavora il filosofo Maurizio Viroli, uno degli studiosi italiani più apprezzati nella comunità scientifica internazionale, docente di Teoria politica all'Università di Princeton. A Misano, per Ritratti d'autore, ne commenterà Il Principe, l'opera più famosa. E famigerata. «Machiavelli in Italia lo considerano come l'autore del Principe, quindi come consigliere di principi o, secondo l'opinione comune, come il sostenitore dell'idea che la politica è autonoma dalla morale» chiarisce disponibile Viroli, inseguito al telefono tra i suoi mille impegni. «Meno noto è il Machiavelli autore dei Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio, che è stato storicamente l'ideale punto di riferimento politico del pensiero e dell'azione di chi voleva dar vita a delle buone repubbliche moderne. Noi italiani ci siamo privati del Machiavelli che è maestro di libertà per fermarci soprattutto sul Machiavelli consigliere di principi, col risultato che da secoli abbiamo scarsissima coscienza repubblicana e non sappiamo cosa significhi essere cittadini liberi.
I risultati di questa poca attenzione li vediamo ogni giorno, ed è un problema che Machiavelli aveva visto, il fatto che gli italiani hanno una debolezza interiore, morale, non hanno la forza di carattere o la determinazione assoluta che ci vuole a combattere tirannide e corruzione.

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - Rimini - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.