ATTUALITÀSatira

guarda tutti gli articoli

La nostra austerità? è nei dolci

RIMINI - Notizie satira - mer 27 mar 2013
di Lia Celi

Non risulta che i tifosi inglesi in trasferta nel Riminese abbiano preso d'assalto anche i panifici. La birra interessava loro in tutte le sue forma tranne che come lievito, anche se non possiamo escludere che per disperazione si sarebbero gettati anche su quello, qualora i pub di Marina Centro avessero terminato le scorte. Se ci hanno messo piede l'hanno fatto in forma civile e pacifica, lieti di vedere in vetrina qualcosa di molto simile al loro Easter Bread, e cioè la nostra pagnotta pasquale.
Stessa reazione avrebbero avuto i tifosi israeliani, greci, ucraini e dell'Est Europa in generale, dove a Pasqua è tradizione arricchire il pane con uova, un po' di zucchero e uvetta e lucidarlo con il tuorlo sbattuto.
Certo, la versione romagnola, non c'è bisogno di dirlo, è la più grezza: la pasta viene semplicemente modellata a cupola (in Grecia, ad esempio, le si dà la forma di una treccia) e lasciata priva di decorazioni (in altre zone d'Italia si infilano nel dolce le uova benedette colorate o lo si cosparge di confettini variopinti). Ci facciamo sempre riconoscere, noi.
Okay, d'accordo badare al sodo e assicurare il minimo sindacale. Ma insomma, almeno per le feste di precetto anche l'occhio vorrebbe la sua parte, e se ci riescono quegli spiantati dei greci ad abbellire la loro pagnotta pasquale, forse dovremmo sforzarci un pochino anche noi.

Il profeta che toglie la voce ai portavoce

RIMINI - Notizie satira - mer 27 mar 2013
di Nando Piccari

Sommersi come siamo dall'effetto mediatico dei tanti "spacciatori di grillismo" che ci propinano un'adulatoria "mondezza comunicativa" a favore di un signor nessuno che loro stessi hanno creato leader, figuriamoci che peso potrà mai avere la dissertazione polemica sull'uso improprio di una parola. Ma io la faccio lo stesso, "per la precisione", come diceva Massimo Alfredo Giuseppe Maria Buscemi, la stravagante spalla di Fazio quando questi ancora non era l'ondivago conduttore televisivo strapagato per fare l'equidistante fra politica e antipolitica.
Vocabolario alla mano, dicesi "conferenza" un «colloquio tra due o più persone su un argomento particolare», mentre per "conferenza stampa" s'intende «l'intervista che un personaggio della politica, dell'arte, della scienza tiene, rispondendo alle domande dei giornalisti». Avendo i grillini in gita-premio al Parlamento inaugurato la prassi della conferenza stampa con divieto di parola ai giornalisti (che però continuano masochisticamente a farsi da loro sbeffeggiare), logica vorrebbe che non la chiamassero "conferenza" ma "referenza", che essendo sinonimo di "informazione" non comporta l'obbligo all'interlocuzione. Indire una conferenza stampa in cui siano impedite le domande ai giornalisti denota una stortura mentale paragonabile a quella di chi pretendesse di guidare un'auto senza benzina o di cuocere gli spaghetti senz'acqua.

Habemus Grillinam

RIMINI - Notizie satira - mer 13 mar 2013
di Lia Celi

«Io li ho votati, ma a sentire la tivù mi ero spaventato» mi confida un amico simpatizzante M5s. «Poi sono andato all'incontro con la Giulia Sarti, nella sede della Provincia, e mi sono tranquillizzato. Se vedi questa ragazza, se la senti parlare, percepisci un entusiasmo che gli altri non hanno, c'è poco da fare».
Ebbene sì, riminesi, da questa settimana, oltre al Papam, habemus grillinum - anzi, grillinam - in Parlamento. Di questi tempi vale quasi più del papam. Tanto, chi se lo fila ormai? Sono dieci anni, cioè dal definitivo declino fisico di Karol Wojtyla, che decidono tutto le lobby vaticane, ed è chiaramente per questo che Benedetto XVI «gliel'ha data su», come si dice a Bologna, e ha attaccato le scarpette di Prada al chiodo.
Il deputato grillino, invece, conta eccome. Appartiene al primo e più influente partito italiano, il fenomeno politico di cui tutto il mondo parla, è inseguito dai tiggì, tallonato dai cronisti politici, consultato dai reporter come un oracolo, ogni suo starnuto diventa lancio d'agenzia, titolone, breaking news.
Ci credo che il mio conoscente si era spaventato: a forza di sentire starnuti, più che una deputata temeva di aver eletto un raffreddore da fieno. E invece la nostra rappresentante M5s in Parlamento (dico nostra nel senso di "del territorio") gli ha fatto una buona impressione: «Ogni due settimane verrà qui per raccontare quel che succede a Roma, per ascoltare i bisogni dei cittadini e portarli in aula». E se Casaleggio e Grillo non sono d'accordo?

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - Rimini - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.