RIMINI La torre, il molo e la pineta

RIMINI - Notizie Attualità - mer 09 lug 2008
di Stefano Cicchetti
[{Il project financing presentato da Ge.cos e disegnato da Norman Foster} Un grattacielo in piazzale Kennedy, un anello di verde e uno spettacolare pontile lungo 400 metri] Una torre di cento metri dalle linee sinuose. Uno spettacolare pontile che si lancia nel mare. E una pineta che risorge. Sono i pezzi forti del progetto presentato dalla Ge.Cos spa. La società riminese di costruzioni ha incaricato lo Studio Foster & Partners di Londra di sviluppare un’idea partendo dalle indicazioni del bando comunale. Il project financing della Ge.Cos è l’unico presentato per il tratto compreso fra piazzale Kennedy e piazza Martelli (ex Tripoli). [L’unico progetto presentato per questa area] Che obiettivi si è posta la spa riminese? “Ci siamo proposti – si legge nella presentazione del progetto – di aumentare sensibilmente le zone verdi e i parcheggi, di immaginare nuove funzioni ai luoghi interessati dall’intervento e di tutelare al massimo quelle esistenti. Ci proponiamo di migliorare sensibilmente la qualità urbana, di alleggerire al massimo la presenza degli autoveicoli. Soprattutto, abbiamo immaginato un intervento che prosegua nel cammino di costruzione dell’idea di una città che accoglie tutto l’anno e con strutture di qualità”. Ge.Cos tiene a precisare anche che “quella che presentiamo è un’opera interdisciplinare ed il progetto architettonico solo uno degli aspetti. Il project financing deve funzionare nel suo complesso, deve produrre reddito per chi vi si trova coinvolto, deve avere una prospettiva, quindi comporta incarichi di fattibilità economica, analisi di valutazione e sostenibilità ambientale, un piano economico finanziario, ricerche di mercato”. [“Vogliamo ricongiungere il mare e la città”] A sua volta, l’architetto David Nelson, venuto a presentare il progetto a nome dello Studio Foster , ha detto: “Rimini deve riuscire a estendere la sua attrattività sul luogo del mare oltre ai mesi estivi con funzioni addizionali a quelle balneari, con spazi pubblici, musei e collegamenti più forti fra mare e centro città. Serve un masterplan unitario. Oggi il mare e il centro sembrano entità separate e il nostro progetto cerca di cogliere il potenziale di entrambe le parti e creare delle connessioni più forti”. Scendendo nei dettagli, Nelson ha spiegato: “Il molo (in piazzale Kennedy con 200 metri a terra e altri 200 in mare, ndr) porterà le persone oltre la spiaggia e direttamente sul mare. Costituirà probabilmente il molo più moderno del Mediterraneo. La pineta porterà un parco lungo la promenade dando ombra nelle ore più calde del giorno e un’occasione per passeggiare di sera. Piazza Martelli cambierà, da rotonda per auto a parco pubblico per la città, con una fontana e un parco per bambini”. [Il nuovo commerciale coprirà circa 5 mila metri quadrati] E poi, o prima di tutto, la “torre”, un grattacielo di oltre 100 metri al posto dei giardinetti di piazzale Kennedy, che dovrebbe ospitare un hotel da almeno 250 camere, tutte con vista sul mare. Non solo: nel piano interrato è previsto uno spazio pubblico da destinare a museo, mettendolo a disposizione della Fondazione Fellini. Per quanto riguarda i parcheggi del lungomare, saranno sotterranei e con 700 posti auto, mentre ora sono 250. La viabilità sarà dunque “prevalentemente pedonale”. E ancora, cellule fotovoltaiche forniranno l’energia per dar luce ai 700 metri di lungomare. Il tutto racchiuso da un anello di verde – la “pineta” – che partirebbe dal parco Cervi per scendere in via Tripoli, costeggiare la spiaggia e ricongiungersi al parco in piazzale Kennedy. I nuovi spazi commerciali (anche sul molo) dovrebbero coprire circa 5-6 mila metri quadrati. La Ge.Cos è pronta a investire su questo progetto 80 milioni di euro. [DATECI IL VOSTRO PARERE E LASCIATE UN COMMENTO]

commenti

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - è