LE IMPRESE DI VERUCCHIO NON VOGLIONO MOLLARE

VILLA VERUCCHIO - Notizie Valmarecchia - mer 27 mar 2013
di Beatrice Piva

L'Associazione chiede premi volumetrici per le aziende artigiane che rigenerano i loro immobili
Emiliano Bugli (CNA): "Una Happy Shopping Night in piazza Europa per rilanciare il commercio"

Verucchio dimostra di essere territorio che non si arrende davanti alle difficoltà e al momento economico ancora difficile. Dalle parole e riflessioni di Emiliano Bugli, responsabile della sede CNA di Verucchio, si evince come il paese stia reagendo unendo le forze e facendo rete tra i soggetti economici che sostengono il comune: commercianti, artigiani pubblica amministrazione ed associazioni. A Villa Verucchio è nato un nuovo spazio, piazza Europa, a riprova di questa volontà di rinnovamento. Un luogo da animare, una vetrina dove nuove attività aprono e si mettono in gioco.
Emiliano Bugli, com'è la situazione a Verucchio dopo 4 anni di crisi?
"Diciamo che a fronte di una contrazione sia dei consumi che degli investimenti, la risposta delle aziende del commercio e del piccolo e medio artigianato è stata positiva. Positiva nel senso che nonostante tutti i giorni debbano fare i conti con una realtà che non li aiuta, né dal punto di vista economico, né da quello burocratico, la percezione che si ha è quella che le aziende non vogliano mollare".
In questo contesto come si inserisce il lavoro di CNA?
"Le iniziative sono naturalmente bipartite, ovvero sono suddivise sul fronte artigianato e commercio e sul fronte burocratico e creditizio. Stiamo cercando di creare uno spirito associativo che non pesi sulla libertà di scelta delle aziende e contemporaneamente che le possa aiutare ad intraprendere le strade migliori per sopravvivere a questa crisi devastante".
Ce le può descrivere?
"Per quanto riguarda le iniziative su burocrazia e credito, abbiamo intrapreso un vivace scambio con la pubblica amministrazione del comune di Verucchio e con i comuni limitrofi, a cui abbiamo già iniziato a presentare le richieste delle aziende. Devo dire che la risposta è stata immediata e positiva e ha portato ad un dialogo costante con le Pubbliche Amministrazioni. Per quanto riguarda il credito la situazione è ancora critica, in quanto nonostante i buoni uffici e la grande competenza dei ragazzi di UNIFIDI e FIDATI, la situazione in cui ci troviamo e la totale mancanza di liquidi non favoriscono il lavoro con gli istituti di credito".
Come si affronta il problema dell'accesso al credito?
"E' importante, come già è stato fatto nel vicino comune di Santarcangelo, incontrare gli istituti di credito per cercare di trovare soluzioni che vadano incontro alle reciproche esigenze, Diventa cruciale il ruolo del nostro ufficio bandi, per ricercare le fonti di finanziamento extra-bancarie, ma mi aspetto di riuscire a trovare le soluzioni necessarie anche con i vari istituti che coinvolgerò nell'operazione".
Avete già in mente alcune soluzioni? Si possono anticipare?
"Sicuramente la chiave di volta del rilancio economico della zona di Verucchio passa attraverso il commercio. Le attività commerciali della zona sono molte e credo che con le giuste iniziative di marketing il rilancio dei negozi potrà riavviare il motore economico della zona. In questo momento le iniziative che siamo riusciti a progettare sono i mercatini estivi, che coinvolgeranno ambulanti ed hobbisti, e la serata del commercio che abbiamo deciso di chiamare Happy Shopping Night, in cui i commercianti che aderiranno all'iniziativa potranno utilizzare il palcoscenico di piazza Europa per promozionare la propria attività".
Ci sono dei fattori che le preme sottolineare per la buona riuscita dell'iniziativa?
"Intanto desidero ringraziare il sindaco Pruccoli, per il sostegno e l'apporto necessario da parte della Pubblica Amministrazione. Invito i commercianti a partecipare numerosi perché prima di tutto e sopra a tutto questa è la loro iniziativa perchè CNA, come ho già ricordato, deve essere un veicolo di queste iniziative e non un promotore, in modo tale da non svilire la capacità imprenditoriale dei singoli, ma anzi di esaltarla. Questo significa essere partner forte delle imprese, aiutarle a superare gli ostacoli, non abbatterli".
E per quanto riguarda l'artigianato?
"Sull'artigianato abbiamo già presentato alcune proposte alla pubblica amministrazione, come per esempio i premi volumetrici relativi a chi rigenera il proprio immobile. Inoltre stiamo affrontando anche la complessa partita della costituzione di reti di impresa che permettano ai nostri associati di utilizzare le risorse delle imprese che decidono di fare rete assieme senza abbandonare la singolarità della propria azienda, avendo in questo modo la possibilità di aggredire una più ampia fetta di mercato".

 

commenti

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - č