RIMINI Come sogno la mia Rimini

RIMINI - Notizie Prima Pagina - mer 06 ago 2008
di Redazione
“... E, se sognavo vagheggiavo una costa con tutti gli alberghi rasi al suolo. Una spiaggia piena di dune e di ortiche, dal molo fino a Gabicce. Una marea di camerieri trasformati in guardie forestali. Un Grand Hotel liberato dal parco alberato che gli sta davanti e che è frutto di usucapione (ah, Comune, Comune!) Un Kursaal risorto dal nulla (sempre per effetto della bacchetta magica). Un corpo di tremila vigili urbani, magari senegalesi, per dirigere il traffico. Una società per la difesa dei diritti del pedone di cui vorrei essere dittatore perpetuo. Un teatro ricostruito secondo i disegni del Poletti, e sotto il quale fosse sepolto il progetto Natalini per tutta l’eternità. (...) Inutile dire che io invecchiato nella capitale del turismo, sempre in attesa di essere classificato il primo degli ultimi, non sono un turista.. Non amo viaggiare, conoscere terre lontane. Per me Covignano vale più dell’Everest (...). Sono un pessimista. Amo la mia città (ma quale?) Purtroppo Rimini è come l’Italia. E l’Italia è irrimediabile”. {Liliano Faenza dal numero 28 di Chiamami Città 1989}

commenti

SCRIVI COMMENTO Nome
email
Titolo
Commento
I commenti verranno pubblicati salvo approvazione da parte della Redazione di Chiamamicittà
Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2010  - è