Don Pippo e l'epopea della SanG.Es

Rimini - Notizie Borgo Sant'Andrea - mer 30 mag 2012
di Enzo Pirroni

Storie e personaggi del nostro sport
Viva San Gaudenzo Escursionista!

Tutto ebbe inizio nel 1941 allorché Don Giseppe Semprini (conosciuto universalmente come Don Pippo), divenne cappellano della parrocchia di San Gaudenzo, nel proletario borgo Sant'Andrea. In quegli anni tristissimi funestati da distruzioni e lutti, Don Pippo si adoperò incessantemente recando aiuto e conforto a chiunque ne avesse bisogno; ed attraverso le opere, il suo costante prodigarsi per il prossimo, in virtù della di lui mansuetudine e dell'infinita bontà della sua natura, venne guadagnandosi, l'amore e la stima non solo dei parrocchiani ma dei riminesi tutti. 

Soprattutto, Don Pippo, si rivelò un vero faro ed una guida importante per i ragazzi, per i quali "spese il proprio ministero per la loro formazione di vita cristiana". Fu così che nel 1948, nacque la San G. Es. Un acronimo che significa: San Gaudenzo Escursionista. Strana ed ingenua sigla. Sorta tra la chincaglieria malinconiosa e stracciona dell'immediato dopoguerra. Gite in bicicletta, feste con cotillons di cartone e spumante da quattro soldi. Ma l'entusiasmo, in quegli anni, era smisurato: c'era l'esigenza di divertirsi, di giocare, di tornare a fare sport.
Nei primi anni Cinquanta la Sanges aveva diverse squadre di calcio e la "squadra dei grandi" era davvero forte. Il terreno di gioco sul quale la Sanges pedatava era il vecchio prato della fiera e su quella spianata immonda i biancorossi di Don Pippo seppero compiere meraviglie. L'intero borgo Sant'Andrea si identificava con la squadra di calcio ed il nostro sacerdote, che nel 1951 era divenuto parroco, non perdeva occasione di praticare, attraverso il foot-ball, una vera e propria pastorale dello sport.
Nel 1976 venne costituita la "Polisportiva Sanges" e il vecchio campo della fiera lasciò il posto all'attuale impianto nella località Casetti. Generazioni intere si sono scapicollate rincorrendo il pallone avendo addosso i colori della Sanges. E, particolare, non da poco, se uno (e questo vale per un giocatore che abbia saputo affermarsi o per il più misero dei brocchi) ha indossato la maglia di questa società, resta per sempre un atleta della Sanges.
Capita, tutt'ora, nelle mie senili frequentazioni, di ricordare i tempi andati con antichi giocatori di Don Pippo. Questi sono diversi da tutti gli altri. C'è una infinita passione allorquando rimembrano partite ormai antidiluviane ed è con orgoglio che salmodiano i nomi di oscuri ed ormai attempati compagni di gioco: Soannini, Morri, Calisesi, Del Bianco, Colombo, Neri, Casadei, Arlotti, Ceccarelli, Frisoni, Ingrosso, Magnani, Parma, Giovanardi, Taddei.... La vielle garde meurt mais ne se rend pas!

 

commenti

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - č