Un euro al giorno per il parcheggio

Rimini - Notizie Borgo Sant'Andrea - mer 17 dic 2008
di Redazione

Centro Storico

CNA.COM chiede più finanziamenti per l'innovazione, sosta meno cara e tasse più contenute per l'occupazione del suolo pubblico


Le luminarie di Natale riusciranno per poco tempo ancora a coprire la crisi strisciante che sta già colpendo le piccole imprese di Rimini come quelle delle altre città italiane. Per queste non sono stati predisposti finora ammortizzatori sociali e finanziari. Questa crisi dell'economia arriva proprio in un momento in cui gli esercizi commerciali della nostra città stavano metabolizzando l'impatto del rullo compressore dei due ipermercati sorti nel giro di tre anni alle porte di Rimini. Se lo Stato è parco nel concedere risorse finanziarie, la Regione certamente non è prodiga. La legge 41 per i Centri commerciali naturali può essere usata, come sottolinea Ivano Panigalli di CNA.COM, "per finanziare ristrutturazioni di negozi e di altre attività solo quando in quell'area vi sono interventi dell'amministrazione per opere pubbliche; nel Centro Storico per ora non ve ne sono".
La CNA chiede, in questa difficile situazione economica, alla Camera di Commercio ed alla Provincia un intervento finanziario straordinario per attivare crediti a favore delle realtà imprenditoriali del Centro Storico e dei Borghi che vogliono promuovere innovazione, ristrutturazioni, e realizzare idee e progetti. Nell'immediato per favorire l'accesso al Centro e diminuire il peso delle tasse sugli esercizi commerciali di quell'area, CNA.COM avanza alcune proposte realizzabili in un breve lasso di tempo.
Come limitare, dal 1 gennaio al 30 marzo, ad un euro per l'intera giornata il costo dei parcheggi quando oggi per un pomeriggio si spendono 3 o 4 euro, pagati preventivamente e non a consumo come era stato richiesto.
Poi una riduzione sostanziale della tassa di occupazione del suolo pubblico, che qui è fra le più alte in Italia. A fronte dei 191-126 euro per metro quadrato all'anno pagati a Rimini, a Milano se ne sborsano 90, a Viareggio 30.
Infine sui cartelli pubblicitari, per favorire i piccoli commercianti, vi dovrebbe essere un minimo di superficie (un metro quadrato) esente dal pagamento. E' difficile che da una crisi esca qualcosa di buono, ma come altri momenti in cui ha saputo vincere le sfide, oggi Rimini può cogliere finalmente l'opportunità di una vera riqualificazione del centro della città.

 

 

commenti

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - č