Il libro di Panozzo "Il borgo cambia pelle" con le foto di Gilberto Ceccarelli e Paolo Miccoli

Rimini - Notizie Centro Storico - mer 21 dic 2011
di Redazione

Borgo San Giuliano ieri e oggi
I fiaccherai, i pescatori e gli operai non abitano più qui

Tutti coloro che per vari motivi negli anni sono andati ad abitare al borgo San Giuliano, si sono sentiti automaticamente suoi cittadini come se in quel posto avessero abitato da anni. Una cittadinanza che rimarrà attaccata per sempre come è rimasta nell'anima di tutti coloro che hanno dovuto emigrare in altre città o in altri paesi e continenti. Beatrice Cenci, emigrata in Sud Africa da ragazzina subito dopo la guerra, tanto per fare un esempio, ci scrive da anni per ricordare il borgo natio. San Giuliano negli ultimi tre decenni è profondamente cambiato. Le case sono state ristrutturate, molte sono diventate abitazioni eleganti e molti borghigiani non abitano più quel luogo. Non più fiaccherai, pescatori, operai, ma architetti, professionisti, benestanti. Una inversione di tendenza. Solo pochi anni fa si usciva dal Borgo per andare ad abitare in città, ora sono molti quelli che vorrebbero avere lì una casa . "Il borgo cambia pelle" il libro fotografico edito da Panozzo cerca di documentare questo cambiamento. Lo fa attraverso il confronto di immagini fotografiche, per lo più inedite, scattate negli anni settanta da Gilberto Ceccarelli con quelle di Paolo Miccoli scattate questo anno negli stessi luoghi. Due grandi fotografi che riescono a far vivere contemporaneamente due epoche diverse, le didascalie ed i commenti di Giuliano Ghirardelli e Mario Pasquinelli colgono aspetti che i non frequentatori del borgo e della sua storia difficilmente potrebbero cogliere. Il libro, mentre si è presi dalle immagini e dai ricordi, fa riflettere su quale futuro attende il borgo, sulla sua identità. Rimarrà solo la sua storia, il ricordo delle sue tradizioni, dell'esempio di vita dei suoi abitanti, o saprà ancora essere vitale e mantenere i caratteri più profondi espressi negli anni dalla sua comunità? Le immagini del libro possono solo suggerire le risposte, ti invitano a recarti in quei luoghi, in quelle vie e in quelle piazze, in quella specie di cerchio magico che quando entri - ed ancor più se in quel luogo hai deciso di abitare - ti accoglie e ti fa sentire partecipe di una comunità aperta.

 

commenti

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - č