Pochi regali per le piccole imprese

RIMINI - Notizie Borgo Sant'Andrea - mer 17 dic 2008
di Claudio Costantini

Una rete di aziende che può salvarci dalla crisi

La categoria chiede di avere le stesse opportunità della grande industria

Il regalo di Natale che aspettavano al Borgo Sant'Andrea, ovvero la messa in funzione dei parcheggi in via Cignani e Melozzo da Forlì, arriverà, ma dopo le feste: così, assicurano in Comune. Il ritardo è dovuto solo, cosa tragicamente normale in Italia, a questioni burocratiche. Si deve solo perfezionare un passaggio di proprietà. Una volta attuato, l'Amministrazione non metterà altri indugi alla realizzazione e anche alla "messa a verde" di alcune piccole aree lungo la strada, compreso lo spartitraffico. Fortunatamente non si dovrà aspettare l'inizio lavori delle due palazzine adiacenti il parcheggio. Per quello di Via Melozzo, solo in ottobre è stata completata la bonifica dell'area: nel capannone ora demolito vi era dell'amianto. Anche questa area di sosta sarà completata in parallelo con l'altra poco distante.
Per quanto riguarda invece la costruzione più impegnativa del parcheggio in zona ex Scarpetti, ancora non vi è alcuna data precisa di inizio lavori anche se non c'è dubbio che inizieranno, ma quando? E poi tutta l'area dovrà essere interessata ad un riordino viario per quando sarà finito il nuovo Palazzo dei Congressi la cui realizzazione è tornata a marciare come un treno in perfetto orario, cosa rara in Italia.
I commercianti del Borgo nel frattempo ammirano le loro luminarie e si mostrano orgogliosi delle loro vetrine. C'è la crisi, ma in questo Natale ancora non si sente a pieno. I piccoli imprenditori hanno la propria clientela che si fida delle loro proposte e con cui si possono confrontare giornalmente. Vi sono poi punti di qualità ed eccellenza che in questi anni hanno saputo mantenere ed accrescere i loro acquirenti nonostante le insidie dei grandi distributori, prossimo dei quali sarà l'Ikea. E questi imprenditori si pongono alcune domande. In Italia tutti dicono che la forza della nostra economia risiede nella piccola e piccolissima impresa. Questa immensa rete di iniziative individuali sarà quella che probabilmente ci permetterà di affrontare lo sconquasso dei mercati e sopportare la forza dell'onda d'urto della crisi. E forse, sempre grazie alla piccola impresa, uscirne con le ossa meno rotte di altri. Le piccole imprese hanno rapporti diretti e personali con i propri dipendenti, non hanno cassa integrazione, ammortizzatori sociali, aiuti straordinari, rapporti privilegiati con il credito. Paradossalmente però tutto è pensato e fatto a favore della grande impresa. Forse è il momento, se si vuole davvero affrontare la crisi senza devastanti costi sociali come disoccupazione e licenziamenti, di aiutare la piccola impresa a sopravvivere e rinnovarsi. Questa non vuole vantaggi, ma almeno la par condicio con le sorelle più grandi. Sarebbe un bel regalo di Natale.

 

 

commenti

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - č