Un gioiello nella Castellaccia

RIMINI - Notizie il taccuino della tavola - mer 07 dic 2011
di Luca Ioli

Trattoria Farini
Luca Mei ha scelto una precisa filosofia di qualità e trasparenza

"Ecco un posto dove devo portare...." Questo pensi entrando alla Trattoria Farini, in via Farini 13.

Il posto è incantevole. Sia d'inverno, con il suo arredo moderno ma accogliente, sia d'estate, con un bel giardino interno incastrato come un gioiello tra le case della Castellaccia, l'antichissimo quartiere ducale dai cui i bizantini dominavano la città tendendo la loro corte.
Luca Mei è lo chef del ristorante con una sua filosofia precisa.
Qui la qualità è alta, i prezzi sono accessibili e non si mangiano le solite cose marinare che spesso vengono presentate in modo informe in tutti i ristoranti della riviera. Luca poi ha sviluppato un percorso proprio in questo senso, andando a cercare la qualità in equilibrio con il prezzo al passo con i tempi da governo Monti. Ne è uscito un lavoro apprezzabile.
Partiamo dai vini. Non c'è carta: vengono proposti vini del territorio ed alcune scoperte nazionali, qualcosa anche dalla Francia; di tutti vengono illustrati i pregi e, soprattutto, i prezzi, per evitare sorprese ai clienti.
Poi partiamo con la selezione di antipasti, che per me da soli valgono la visita la ristorante. Baccalà e ceci, canocchie su letto di patate con bottarga, sgombro con pomodoro, mazzancolle in catalana, triglie in guazzetto e panino con cozze e vongole.
Da non perdere lo sgombro cotto delicatamente al vapore e sfilettato presentato su un letto di pomodori disidratati in forno. Se non volete proseguire, almeno fate il bis di questo piatto.
Se volete proseguire invece tra i primi, svettano gli spaghetti al sugo rosso tagliato al coltello. Da sentire anche le tagliatelle con canocchie bottarga e zucchine ed il pacchero con mazzancolle broccoli e pomodori.
Di secondo ho assaggiato il baccalà al forno con sfogliatina di patate e cipolle ed i calamari gratinati; ero quasi off limits, ma soprattutto il baccalà mi ha mosso la golosità.
Infine, catalana al caffé con panna (minisize, tanto per chiudere) oppure il più impegnativo tortino castagne amaretto e cachi.
Se siete dei patiti del gelato, qui lo fanno con i rossi delle uova.
Fascia di prezzo 20 - 35 euro bevande escluse, intrigante sino in fondo.

 

commenti

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - č