I nostri gatti restano sempre cuccioli

RIMINI - Notizie satira - mer 26 ott 2011
di Lia Celi

Le traversie dei padroni di fronte alla pretese della natura
Fufi già innamorato? Ma se fino a ieri giocava con la pallina..

Da qualche giorno Ringo, il nuovo gattino di casa mia, manca all'appello. Perché un giovane felino può lasciare un tetto sotto il quale è vezzeggiato e ben nutrito? Cherchez la chatte - anche se adesso è difficile capire quando scatta la stagione degli amori gatteschi. Il riscaldamento globale dev'essersi esteso anche ai gatti che vanno in calore in periodi in cui, una volta, se ne stavano placidamente acciambellati vicino al termosifone.
O forse è il cattivo esempio dato dai padroni - o meglio, dai padroni dei loro padroni. Chi ha gatti non sterilizzati lo sa: se la natura chiama non c'è niente da fare, hai un bel chiudere porte e finestre o mettere i fiori di Bach nell'acqua della ciotola. Gattoni corpulenti diventano flessibili come Barbapapà per passare dalle fessure. Gattine illibate perdono ogni ritegno e girano mugolando per casa, ventre a terra e pudende all'aria, tipo cat-party a Palazzo Grazioli.
Noi gattofili siamo allibiti e imbarazzati. Molti non vedono mai nel proprio gatto un animale adulto, ma un essere umano eternamente piccolo e immaturo. Fufi è un adorabile batuffolo, anche quando sotto la coda ha due castagne grosse così, un «miao» baritonale degno di Scarpia nella Tosca, e passa le giornate molestando sessualmente il triciclo di tuo figlio. E quando il veterinario ti spiega che il comportamento anomalo non è dovuto alla qualità scadente dei croccantini o all'elettrosmog, ti senti come quando scopri i primi preservativi in tasca al figlio teenager: in amore? Fufi? Come! Fino a ieri giocava con la pallina e ciucciava il cuscino! Dottore, non è possibile, all'allevamento mi avevano assicurato che i Sacri di Birmania Blue-point vanno in amore solo a quattro anni e solo quando incontrano un partner con pedigree compatibile!
Niente da fare: Fufi, Ringo e gli altri sono posseduti dal demone della Vita, e ogni cellula del loro corpicino, femminili o maschili che siano gli attributi, urla «devo concepire dei gattini immediatamente». Purtroppo lo urla anche il gatto nel suo complesso, soprattutto di notte - e accidenti - nulla assomiglia di più all'urlo di un gatto scuoiato vivo da un parkinsoniano sadico, dell'urlo di un gatto che cerca un po' di compagnia. Ma che deve fare, povera bestia, per contattare più partner nel minor tempo possibile? Distribuire volantini? Fare un giro di telefonate? Aprire una pagina Facebook? Imitare il ministro francese Besson che twittava messaggi sexy a migliaia di follower? «Vuoi accoppiarti con me? Vicolo XY, dopo il cassonetto a sx poi segui i feromoni». Non vorrei che il mio Ringo fosse stato adescato da un gatto pedofilo. Be', sempre meglio che da un seguace di Beppe Bigazzi.

http://www.liaceli.com/

 

commenti

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013 -