Dal cocomero alla salsiccia

RIMINI - Notizie il taccuino della tavola - mer 10 ago 2011
di Stefano Rossini

Estate, tempo di chioschi
In cerca di frescura, l'animo romagnolo cede anche a tentazioni più robuste

Non c'è bisogno di seguire il servizio dell'esperto dell'alimentazione del TG2 per scoprire che in estate, col caldo, fa bene mangiare frutta e verdura. E anche mettendo da parte il lato salutistico, consumare qualcosa di fresco, zuccherino e leggero nelle serate torride è un vero piacere.
A Rimini sono tre i luoghi storici in cui dedicarsi, con tutta calma, a questa usanza estiva. Il primo si trova nella piazzola sul lato nord del ponte dei Mille. E' un piccolo chiosco con tavolini e sedie in cui consumare una bella fetta di cocomero fresco. Suggestivo il panorama del canale, un po' meno il traffico. Il secondo è il furgoncino che vende cocomero che per anni ha stazionato davanti allo stadio di calcio e oggi si trova nel piazzale del liceo scientifico Einstein.
Il terzo, sicuramente il più conosciuto e famoso, è l'Assassino, a Covignano. Se negli altri la frescura la si cerca soprattutto nel piatto, qui, con un po' di fortuna col meteo, la si trova anche nell'aria. Non siamo a centinaia di metri di altezza rispetto alla città, ma la collina e la vegetazione rendono il caldo più sostenibile. Anche l'offerta aumenta. Oltre al cocomero il chiosco propone altra frutta, bibite e tutto quello che può servire per rendere l'estate più sopportabile.
Ma ogni tanto, in barba a tutte le indicazioni sulle sane abitudini di vita e alimentari, c'è la voglia di dare voce alla propria anima più romagnola. E allora sì ai chioschi estivi, ma per mangiare piada con salsiccia e cipolla cotta, col prosciutto crudo, e bevendo birra o sangiovese. Anche in questo caso i locali non mancano. Uno dei più conosciuti e frequentati è Le Fontanelle, sempre a Covignano, zona Grotta Rossa, la strada che da via della fiera, dopo l'incrocio con la statale, porta verso la Consolare di San Marino. Spartano come ci si aspetta: una terrazza col belvedere sulla città, aria fresca e tavoli con tovaglie di plastica a scacchi bianchi e rossi, ma soprattutto cassoni rossi e verdi tra i più buoni della città, da alternare alla piada farcita come si preferisce. Altrimenti resta La Ilde di piazzale Ruffi: un classico.
Se però la giornata è davvero torrida e non c'è modo di fuggire alla calura, allora conviene prendere la strada che porta a San Leo. Poche centinaia di metri prima del paese, già in vista della rocca, si trova l'Eliporto, un grande prato che guarda sulla vallata con un piccolo baracchino che vende piade e cassoni. Due avvertenze: i tavoli sono pochi e la sera qui è davvero fresco. Sempre! La piada è molto buona, così come le pietanze e le altre proposte della casa.
Siamo partiti col cocomero e siamo finiti con la piada e salsiccia. Forse dovremmo essere più indulgenti verso i consigli dell'esperto del TG2. Ma in fondo siamo pur sempre romagnoli...

 

commenti

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - č