Come scegliere il condizionatore

RIMINI - Notizie attualità - mer 27 lug 2011
di Beatrice Piva

Fresco ma anche pulito
La climatizzazione richiede molta energia, meglio scegliere le rinnovabili

Siamo in piena estate e la calura estiva appesantisce le nostre giornate. Negli ultimi anni, sempre più, si moltiplicano nelle case i condizionatori d'aria, utili e, a volte, indispensabili mezzi per sopportare i mesi caldi. Il mercato offre diverse possibilità per rinfrescare gli ambienti e non è sempre facile orientarsi verso l'acquisto più idoneo alle proprie necessità. Quale tipo di condizionatore è meglio acquistare? Che caratteristiche occorre valutare? Dove posizionarli? Ne parliamo con l'architetto Susanna Donnini, esperta in Bio Architettura.
Architetto, che tipi di condizionatori propone il mercato e quali sono le differenze?
"Il mercato propone il Sistema Split (unità interna), che provvede a mettere in circolo l'aria distribuendola nei locali attraverso un'apposita feritoia. Le unità interne possono essere installate a muro (di solito nella parte alta), a pavimento (fancoil), a consolle (a soffitto senza controsoffitto), a cassetta (ad incasso nei controsoffitti) o canalizzabili (insieme a condotti d'aria). Il Sistema Radiante è costituito invece da tubazioni annegate nel pavimento, nella parete o nel soffitto; durante l'inverno, il liquido fatto passare nei tubicini serve per riscaldare gli ambienti e d'estate può essere usato per rinfrescare gli ambienti".
Quale sistema di condizionamento dell'aria consiglia?
"Dipende dall'ambiente nel quale va inserito. Il sistema radiante funziona molto bene: ha bisogno di pochi centimetri di spessore per essere inserito e quindi si presta anche nelle ristrutturazioni senza grossi dispendi e demolizioni. Nel caso di inserimento nelle pareti, può condizionare la futura collocazione dell'arredamento. Non è adatto ad edifici poco o per nulla isolati: per evitare fenomeni di condensazione superficiale è necessario adottare una temperatura di mandata del fluido attorno ai 18/20°C e utilizzare un sistema di deumidificazione dell'aria ambiente. Con questo sistema, viene aumentato il confort termico (maggior uniformità delle temperature) dell'ambiente, risparmiando energia e limitando quindi le emissioni di CO2. Inoltre si riducono i moti convettivi perché l'andamento della temperatura all'interno della stanza è costante e di conseguenza la qualità dell'aria è migliore per il mancato sollevamento di polveri. Richiede tempi lunghi per la messa a regime e quindi non è consigliabile negli ambienti vissuto saltuariamente, come quelli della casa per vacanze. Il sistema split freddo/caldo ha una messa a regime molto veloce, un costo inferiore, può essere inserito in modo armonioso all'interno degli ambienti, può avere funzione deumidificante e depurativa dell'aria. Per ridurre i consumi e l'emissione di anidride carbonica è importante scegliere climatizzatori con classe di efficienza energetica A".
Pro e contro dell'uso del condizionatore d'aria nelle case?
"La climatizzazione automatica ha un costo. Negli ultimi anni, la crisi energetica spinge a ricercare sistemi di riscaldamento e raffreddamento basati sul risparmio di energia primaria. Il sole ci aiuta: è una fonte di energia inesauribile a nostra disposizione. Utilizziamo energia rinnovabile. E' possibile evitare lo spreco energetico partendo dal controllo della radiazione solare sugli edifici, attraverso una giusta progettazione architettonica. Lo studio dell'orientamento dei locali, l'uso della vegetazione esterna ed interna, la realizzazione dell'involucro più adatto ai diversi climi ed esposizioni, la giusta dimensione e collocazione delle aperture e la realizzazione di ‘camini d'ariai, la scelta dei materiali d'arredamento ed i colori interni ed esterni possono migliorare se non risolvere, il problema del surriscaldamento all'interno delle nostre abitazioni".
Susanna Donnini archdonnini@cheapnet.it - cell. 329/0299349.

 

 

 

 

 

commenti

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - č