Torna il trenino Rimini San Marino?

Rimini - Notizie Borgo Sant'Andrea - mer 26 gen 2011
di Claudio Costantini

Una monorotaia sospesa sull'autostrada
Il sogno sta diventando un progetto

Alle volte accade che dal cassetto dei sogni ne esca uno che poi si trasformerà in progetto, il primo passo per la sua trasformazione da sogno in realtà. Sta accadendo con il treno che dovrà collegare Rimini, la Riviera con la repubblica di San Marino. Tutti sanno, almeno i non più giovani, che prima della guerra esisteva una linea ferroviaria che si arrampicava fin su il monte Titano con ponti e gallerie. Queste ultime hanno offerto riparo a migliaia di Riminesi durante i bombardamenti del 1944 che distrussero la nostra città e la ferrovie Rimini San Marino. Nei decenni successivi, negli anni del successo del trasporto individuale e su gomma, con la realizzazione della super strada nessuno sembrò più essere interessato al suo ripristino.
I tempi sono cambiati, l'inquinamento causato dall'aumento vertiginoso del traffico è sempre più un problema. La necessità di un graduale riequilibrio fra trasporto individuale e collettivo ha spianato il terreno a progetti come quello, proposto dalla nostra Amministrazione, della linea ferroviaria Rimini San Marino. Da tempo l'assessorato alla mobilità del comune di Rimini ha focalizzato l'attenzione su questo progetto e ne ha fatto partecipe tutti gli altri soggetti: il comune di Coriano, la Repubblica del Titano e la Provincia che dovrà coordinare gli interventi delle varie amministrazioni. La Regione ha valutato il progetto come priorità e questo permetterà di accedere più facilmente a finanziamenti specifici.

Un'opera che può essere realizzata in tempi ragionevoli

Secondo le prime indicazioni dell'idea-progetto il trenino dovrebbe transitare su binari sopraelevati, una monorotaia, di alcuni metri da terra sopra l'attuale superstrada e quindi non ci sarà bisogno di attuare espropri che potrebbero rallentare la realizzazione. Si userà anche il vecchio tracciato dove possibile. Tutte le amministrazioni interessate sono favorevoli, anche se non si nascondono i problemi soprattutto di natura finanziaria che potrebbero essere in parte risolti se si imbocca la via del project financing. I principali finanziatori saranno i pendolari, seimila al giorno, ed i turisti. L'assessore alla mobilità del comune di Rimini Juri Magrini fa sapere che la nostra Amministrazione è pronta ad inserire il progetto nel prossimo piano di investimenti e al più presto vi sarà un bando per un concorso di idee aperto anche ai più giovani architetti ed ingegneri. Non potranno essere ripristinate le fermate o meglio le stazioni del vecchio tracciato, ma in città si potrebbe averne una al casello sud dell'autostrada, al palazzo dei congressi, e in piazzale Kennedy. La fermata al Palacongressi risolverebbe almeno in buona parte il grosso problema dello spostamento monte mare e viceversa di migliaia di congressisti. Una importante opera realizzabile in tempi ragionevoli che interessa migliaia di cittadini che rivolgeranno ad essa tutta la loro attenzione.

 

commenti

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - č