La rinascita di un simbolo: il Nettuno

Rimini - Notizie Borgo Marina - mer 28 lug 2010
di Luca Vici

Era stato costruito nel 1933
Finalmente restaurato lo storico locale di piazzale Kennedy

Il Nettuno venne inaugurato nel 1933 come stabilimento, e le cronache del tempo ci raccontano che al suo interno si poteva "ricevere un trattamento completo, cabine per bagnanti, ristorante e bar di giorno, danze, varietà e spettacoli per le nottate folli".
Il suo stile decò, oggi privato della copertura centrale cilindrica, è stato da sempre luogo di incontro per generazioni di turisti attratti dalla sua fresca terrazza con la sua incomparabile vista sul mare.
Nel 1940 il Nettuno si impose non solo come stabilimento bagni ma anche come dancing, palcoscenico di sfilate, mostre, set cinematografici e fotografici.
Dopo anni di trascuratezza, in cui si susseguivano le voci progetti per il rilancio di questo edificio, una cordata di giovani imprenditori riminesi è riuscito a farsi affidare la gestione dalla famiglia Parmeggiani, titolare della concessione, che fino a quel momento aveva rifiutato qualsiasi offerta.
Tuttavia il progetto di restyling di tale struttura, (tutelata nella parte esterna dalla Soprintendenza), affidato all'architetto Massimo Morandi, che mantiene sostanzialmente il fascino della struttura in stile, ha finalmente prevalso su ogni riserva e l'estate del 2010 potrà essere ricordata come quella della rinascita del Nettuno.

La rotonda sul mare
L'inaugurazione durante la Notte Rosa
Quando a Rimini vengono recuperati edifici storici che hanno segnato un determinato periodo della nostra città, è un motivo di grande gioia non solo per coloro che quei luoghi li hanno vissuti.
L'inaugurazione dell'importante opera di restyling del bar ristorante Nettuno, avvenuta il 1 luglio in occasione della Notte Rosa, è dunque una grande notizia per tutti quei riminesi che negli anni hanno visto decadere il mito di questa rotonda sul mare.
Il Nettuno riporta la nostra città a quel turismo di qualità di cui facevano parte anche il Grand Hotel, il Kursaal, le Palazzine Roma e Milano, oltre ai villini, esempi architettonici che oggi appaiono come casi isolati in mezzo ad un mare di edifici anonimi o incongrui.
Il Nettuno è uno dei pochissimi esempi di architettura balneare degli anni 30, forse l'unico rimasto in Italia insieme alla più celebre «rotonda sul mare», quella di Senigallia, cantata da Fred Bongusto nel 1964.

Nuovi interni di classe

Il primo particolare che si nota esternamente è il nuovo logo con la grande scritta Nettuno in celeste che si innalza sul tetto, quasi a voler rimarcare la rinascita di questo simbolo riminese.
L'edificio, inoltre, si presenta in una tonalità bianca che lo fa spiccare tra l'azzurro del cielo e l'ocra della spiaggia.
L'interno del Nettuno, dopo il restyling, si presenta assai elegante con largo uso di legno, e un arredamento in cui prevale ancora una volta il bianco che ben si armonizza con il resto dell'edificio.
Nella parte bassa dell'edificio, ossia il primo anello, sono stati allestiti il bar, il ristorante interno ed esterno e la cucina, mentre nella parte alta, il secondo anello, si trovano il bar sulla terrazza, salotti e sala vip lounge.
Il locale si appresta così a diventare in tutti i mesi dell'anno un punto di riferimento per la movida riminese.

 

commenti

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - č