Arrivano The Buzzcocks, i punk romantici

PINARELLA DI CERVIA - Notizie spettacoli - mer 27 gen 2010
di Redazione

A Pinarella di Cervia il 30 gennaio

La storica band di Manchester in concerto

Nel 1975, Peter McNeish, studente all'Università di Bolton, risponde all'annuncio di un ragazzo che cercava musicisti a cui piacesse “Sister Ray” dei Velvet Underground. Il ragazzo dell'annuncio si chiamava Howard Trafford, poi trasformato in Howard Devoto, mentre Peter McNeish diventò Pete Shelley. E' l'inizio dei Buzzcocks. A loro si aggiungeranno poi Steve Diggle, Steve Garvey, John Mayer, con Devoto come primo cantante. Erano gli anni in cui le nuove generazioni avrebbero risposto alla recessione economica, al glam-rock, alla distanza snob del prog-rock con la velocità del punk.

I Buzzcocks furono il fulcro iniziale della scena punk di Manchester, più provinciale rispetto a Londra, ma non meno prolifica, ed incarnarono lo spirito del punk primigenio con genuinità e originalità. Tra i loro eredi The Smiths, Supergrass, Hüsker Dü, Pixies.

Spiral Scratch” è il loro primo singolo autoprodotto nel 1977. Anche in questo furono dei pionieri, infatti il “fai da te” applicato al rock 'n’ roll non era in voga allora, ed i Buzzcocks furono una delle prime band a fondare un'etichetta indipendente.

Dopo l'esordio senza troppi fronzoli arriva subito il contratto major, e nel 1978 usciranno a breve distanza gli album Another Music in a Different Kitchen e Love Bites, dove la formazione promuove Shelley a voce principale, visto che Devoto lascerà la band per terminare gli studi (e per poi fondare i Magazine).

Questi due album sono un condensato di sonorità che ibridano il gusto per il pop, l'aggressività del punk-rock, certi suoni kraut, tutto ben miscelato in canzoni melodiche, graffianti che ci portano paradossalmente al secondo tempo, prima della fine della prima ora. I loro testi innestano geni mutanti nella classica canzone d'amore, sintetizzando l'androginia del punk anche nell'interpretazione dei testi. Ha ragione Noel Gallagher “I Buzzcocks rappresentano il versante romantico del punk. Canzoni d'amore suonate a duecento all'ora, che idea formidabile!”.

Il gruppo si scioglie nel 1981 a causa delle pressioni crescenti dovute alla notorietà raggiunta, e ai ritmi serrati che fino a quel momento avevano marcato la sua carriera. Nel 1989, su iniziativa di Steve Diggle, il gruppo si riunisce alternando concerti e nuovi dischi (l'ultimo Flat Pack Philosophy uscito nel 2006). Quest'ultimo tour comprende quattro tappe italiane, tra cui quella al Rock Planet di Pinarella di Cervia, sabato 30 gennaio, dove apriranno la serata i ravennati Les Bondage.

 

commenti

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2011  - č