Un'idea dinamica di gioventù

RIMINI - Notizie cultura - mer 21 ott 2009
di Redazione

Al Novelli di Rimini la XXXV edizione del Pio Manzù
Le Giornate di studio sono guidate da Gerardo Filiberto Dasi

Quest'anno le Giornate del Centro Pio Manzù, condotte e guidate da Gerardo Filiberto Dasi, non affrontano propriamente un tema o una problematica, ma pongono al centro della riflessione delle persone in carne ed ossa: i giovani. Benché l'attenzione delle Giornate sia sempre rivolta verso il futuro, in questa edizione questo orientamento è ancora più pronunciato: i giovani, più degli anziani, saranno i protagonisti del domani. Tuttavia, le prospettive sono abbastanza fosche. Per la prima volta nella storia, in modo abbastanza omogeneo in tutte le società occidentali, le giovani generazioni appaiono - almeno in questo momento - destinate a una vita meno agiata dei loro genitori. Le ripetute crisi economiche, l'invecchiamento della popolazione e la enorme spesa pensionistica italiana sono fattori che rendono turbolente le prospettive di chi oggi ha venti o trent'anni. Il titolo scelto per la XXXV edizione delle Giornate è La potenza nomade. Valori, illusioni, speranze della gioventù errante (Teatro Novelli, 23/24/25 ottobre 2009). Un titolo che può essere visto anche lungo un'ottica ottimistica perché esprime in fondo un'idea dinamica della gioventù.


Giovanni Allevi e Morgan, Don Mazzi e Crepet

A dibattere saranno i maggiori esperti sul tema. I nomi che parteciperanno sono da brivido, tra gli italiani vanno menzionati almeno Giovanni Allevi, il famoso e giovanissimo compositore e pianista acclamato in tutto il mondo e Morgan, che di presentazioni ha poco bisogno e che anima le serate televisive con il seguitissimo X-factor. Tra gli stranieri va menzionata almeno Toni Blackman, artista hip-hop e ambasciatrice del Dipartimento di Stato USA.
Nella mattinata della prima giornata (il 23/10) si parlerà di "generazione liquida" - impegnata nella sfida di costruire il proprio futuro a partire dall'incertezza attuale - con Frank Furedi eminente sociologo del Università di Kent, Elshad Iskandarov, Segretario generale del Forum della Gioventù del Congresso Islamico per la Cooperazione e il Dialogo e la nigeriana Onyeka Obasi, Presidente di Friends of Africa International. Nel pomeriggio il tema di riferimento sarà "I linguaggi giovanili: tra interazione di gruppo, media, mode", sviluppato tra gli altri dallo psichiatra e scrittore Paolo Crepet nonché da Don Antonio Mazzi fondatore della comunità Exodus rivolta al disagio giovanile.
La seconda giornata, sabato 24 ottobre, si aprirà con la trattazione del tema "La politica ignota. I giovani e le istituzioni: anomia o rabbia?", alla quale parteciperanno anche Marisa Ferrari Occhionero professoressa di Sociologia presso "La Sapienza" e Hanifa Mezoui (Algeria) Rappresentante permanente alle Nazioni Unite dell'Associazione Internazionale dei Consigli Economici e Sociali e istituzioni similari (AICESIS). Il programma sarà completato nel pomeriggio dall'incontro intitolato "Ragazzi timeless. Le note, i colori, i segni del conflitto" nel corso del quale interverranno artisti attivi in Italia ed all'estero.

Come sarà il futuro digitale

Il sabato sera, alle 18.15, avrà luogo l'incontro con Manuel Castells sicuramente lo studioso più autorevole al mondo sui temi legati alle trasformazioni tecnologiche nell'era digitale. Autore di oltre venti volumi, Castells è consulente delle Nazioni Unite su questi temi, nonché docente nella prestigiosa università di Berkeley in California. Con lui si discuterà del web 2.0.
La seduta plenaria della domenica mattina è dedicata alle prolusioni dei premiati e alla consegna delle onorificenze dello Stato italiano e del Pio Manzù. Verranno premiati: Suzanne Mubarak, first lady della Repubblica araba d'Egitto e Guida della FAO; Margherita Cedeño de Fernandez, first lady della Repubblica Dominicana da sempre attiva nella difesa delle fasce più deboli della popolazione; Lubna Al Qasimi, Ministro per il Commercio Estero degli Emirati Arabi Uniti; Richard Descoign, insigne pedagogista e Direttore dell'Institut d'études politiques di Parigi; Todd Gitlin, l'autorevole giornalista politico statunitense; Aldo Kaslowski, industriale turco di rilievo e Ambasciatore straordinario per l'Europa in virtù del suo impegno nel processo di adesione della Turchia all'Unione Europea; Aimee Mullins, modella e campionessa sportiva più volte dei 200 metri, con gambe prostetiche (ha subito l'amputazione di entrambi i piedi); Maria Nowak, la "banchiera dei poveri"; Shashi Tharoor, Sottosegretario di Stato per gli affari esteri della Repubblica dell'India con indomita personalità umanitaria; Antonio Campo Dall'Orto, già AD di Telekom Italy e considerato il "guru" di MTV; Emerson Gattafoni, registra di documentari e animatore di progetti umanitari; Giovanni Minoli, giornalista e conduttore televisivo che tutti conosciamo; Pompeo Pivi, eclettico e dinamico imprenditore riminese; Renzo Rosso, patron della Diesel. Oltre a costoro verranno premiati anche i già citati Manuel Castells e Giovanni Allevi. Un premio alla memoria sarà data a Edith Bongo Ondimba ed Ezio Giorgetti. La seduta plenaria, condotta da Maria Concetta Mattei, andrà in onda in diretta televisiva su RAIDUE. Ovviamente, i saluti istituzionali verranno portati dalle personalità politiche più rappresentative del territorio riminese: il Sindaco Ravaioli e il Presidente della Provincia Vitali.

I nuovi talenti si raccontano

Si conclude, in modo davvero scoppiettante: alle 21 della domenica Myrta Merlino condurrà Brainparty: giovani talenti si raccontano, una serata speciale dedicata agli universitari alle soglie del mondo del lavoro (serata realizzata con la collaborazione del Polo Scientifico Didattico di Rimini e con altri dieci atenei).
Insomma, anche quest'anno, le Giornate del Centro Pio Manzù si caratterizzano per richiamare le più eminenti personalità della cultura e delle istituzioni nella nostra città. Va sottolineato come, con l'attenzione rivolta alla "potenza nomade", i giovani, il Pio Manzù si presenti come un prezioso scrigno di riflessioni teorica, ma soprattutto come un "pungolo" per la programmazione e l'attuazione di politiche rivolte a questa componente della società troppo trascurata. E tutto questo accade a Rimini, accade gratuitamente e accade per tutti i riminesi che vogliono esserci. Non è poco di questi tempi...

 

commenti

SCRIVI COMMENTO Nome
email
Titolo
Commento
I commenti verranno pubblicati salvo approvazione da parte della Redazione di Chiamamicittà
Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2010  - è