Dalle tratte alle tartane

Rimini - Notizie Borgo Marina - mer 06 mag 2009
di Luca Vici

Prima del ‘600 la pesca era solo costiera

Prima delle innovazioni del ‘600, la flotta peschereccia riminese era costituita soprattutto da tratte e bragocci, che praticavano più che altro lo strascico in coppia a poche miglia dalla costa. Da un elenco del 1649 apprendiamo che a Rimini operavano già 17 tartane da pesca, cioè . La pesca con le grosse tartane veniva effettuata con mare non troppo mosso e aveva lo svantaggio di un oneroso armamento della barca, del resto poco manovriera. Si pescava “a spontiero”, cioè con due aste poste a poppa e a prua, alle quali erano collegati i capi della grande rete “tartana”, che arava il fondo del mare.

Le tartane adriatiche, in origine, avevano una velatura di evidente origine provenzale, con una grande vela latina e un fiocco detto “polaccone”, mentre gli scafi riproponevano i modelli della tradizione navale veneta.

I legni delle barche erano fabbricati principalmente nei principali cantieri romagnoli e marchigiani (Rimini, Pesaro, Senigallia), oltre ai corredi per la pesca, che venivano commercializzati nei quartieri “marinari” di Rimini.

Spesso i pescatori non erano proprietari della barca sulla quale lavoravano, che apparteneva frequentemente ad artigiani, commercianti, osti, o a membri della nobiltà locale e forestiera.

Fonti:

Lucia de Nicolò, “Rimini Marinara”

Mario Marzari, “Trabaccoli e pieleghi”

commenti

Chiamamicittà - via Bonsi, 45 - - 0541 780332 - Fax 0541 784170 - info@chiamamicitta.net
Codice Fiscale-P.IVA 02 410 730 408 - Reg. Imprese Rimini n° 02 410 730 408 Capitale Sociale euro 35.000,00 i.v.
Copyright ©2013  - č